Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  30 maggio 2023

Guerra in outsourcing

La teleconferenza di martedì sera, presenti 17 compagni, è iniziata con alcune considerazioni sulla conferenza pubblica, tenuta a Roma lo scorso 27 maggio, sul tema della guerra.

La riunione è andata bene, sia per la chiarezza con cui sono stati esposti gli argomenti sia per gli interventi e le domande che sono state poste ai relatori. Tra gli intervenuti c'è stato chi ha sottolineato come in questa fase di guerra generalizzata sia fondamentale ribattere il chiodo contro le partigianerie in genere ("Marxismo o partigianesimo"), e chi ha ribadito che l'unico modo per analizzare i fatti in sintonia con il "movimento reale che abolisce lo stato di cose presente" è proiettarsi nel futuro. Diversi i compagni collegati via Skype, una modalità utile per chi non può essere presente fisicamente a questi incontri.

Nella stessa giornata si è svolta a Roma la manifestazione "Ci vuole un reddito", in difesa del reddito di cittadinanza; molti i gruppi e i partitini della sinistra che vi hanno aderito, oltre a sindacati e a diverse realtà di base. La misura del reddito di cittadinanza, inizialmente intesa come erogazione monetaria per raggiungere la parità tra tutti i cittadini, si è trasformata nel giro di pochi anni in un reddito di base, una sorta di salario di sopravvivenza. Non si tratta più di un'astratta forma di accompagnamento al lavoro, ma della possibilità di poter arrivare a fine mese. Secondo i dati dell'Osservatorio Inps, in Italia due milioni e mezzo di senza riserve vivono con questo assegno (l'importo medio è di 550 euro), e tra poco rimarranno economicamente scoperti.

I confederali, da sempre molto timidi rispetto al reddito di cittadinanza, devono fare i conti con una situazione di miseria crescente e si muovono preventivamente per cavalcare un possibile movimento per il "reddito". Oggigiorno, rivendicare il "diritto al lavoro" lascia il tempo che trova, visto che ce n'è sempre meno e quello disponibile è sempre più precario e malpagato. Il tentativo dei partiti di opposizione di utilizzare il malcontento diffuso nella società per fini elettorali è cosa normale, ciò che è da capire è per quanto riusciranno a farlo. Il prossimo 17 giugno sarà la volta del M5S, che sfilerà in corteo a Roma per dire "no alle vite sempre più precarie e insicure che vuole imporci questo governo".

Si è poi ritornati a parlare della guerra, in particolare degli attacchi condotti con i droni nella capitale russa. Gli Ucraini si dicono estranei all'accaduto, ma allo stesso tempo si dichiarano "lieti di guardare e prevedere un aumento del numero di attacchi", come afferma il consigliere presidenziale Mykhailo Podolyak. Ciò che ci preme sottolineare è che questa è la prima grande guerra in cui si fa ampio uso di aeromobili a pilotaggio remoto.

In Kosovo, negli ultimi giorni si sono verificati scontri tra gruppi di serbi e la Forza Nato presente, che hanno portato al ferimento di 30 "forze di pace" tra cui 11 soldati italiani. Il Kosovo, dichiaratosi unilateralmente indipendente nel 2008, è da allora sotto la tutela delle truppe NATO della KFOR. Nel nord del paese le consultazioni elettorali sono state boicottate dai serbi kosovari e l'elezione di sindaci albanesi ha fatto esplodere la loro rabbia. È da notare che le popolazioni locali sono tra le più armate d'Europa, i Balcani sono una polveriera pronta ad esplodere e basta poco per accendere la miccia. La guerra in Ucraina ha riflessi anche in quest'area, se non altro perché la Serbia è storicamente alleata di Mosca. Il ministero degli Esteri russo accusa, infatti, le forze dell'Alleanza in Kosovo di aver agito in modo "non professionale", provocando "una violenza non necessaria" e una "escalation" della situazione.

Evgenij Prigozhin, il capo della Wagner, la compagnia di mercenari russa diventata famosa nel conflitto in Ucraina, ha dichiarato che il suo contingente ha preso il controllo della cittadina di Bakhmut con le proprie forze. Nelle ultime settimane, Prigozhin ha usato parole forti contro Putin e i vertici dell'esercito russo, accusandoli di mandare al macello non solo i suoi uomini ma anche i soldati regolari, e ha detto che, se le perdite russe continueranno, "tutto questo può finire in una rivoluzione, proprio come nel 1917. I soldati si solleveranno e poi i loro cari si alzeranno. È sbagliato pensare che ce ne siano centinaia, ce ne sono già decine di migliaia, parenti di coloro che sono stati uccisi".

È significativo che il capo di un gruppo di mercenari decida autonomamente quando ritirarsi da una città conquistata e faccia dichiarazioni di questo tenore. Mercenari sono impiegati anche dagli Ucraini sotto forma di corpi volontari. Gli Stati preferiscono esternalizzare a "privati" parte delle proprie attività belliche, ma il rischio è che queste forze si autonomizzino ("L'outsourcing globale"). La Wagner, oltre ad essere presente in Ucraina, opera in Sudan, Repubblica Centrafricana, Mali, Libia ed in altri teatri bellici, acquisendo competenza sia in termini di combattimento che di intelligence. In Sudan è in corso uno scontro indiretto tra Russia e paesi occidentali, un mix di contraddizioni locali e globali di difficile soluzione. Secondo un rapporto di UNICEF, un milione di persone è fuggito dalle proprie case rifugiandosi all'interno dei confini nazionali, mentre in 300.000 hanno raggiunto paesi limitrofi. La guerra di tutti contro tutti è lo specchio dello stato del sistema.

Evidentemente, il governo russo non apprezza il comportamento di Prigozhin, ma ha bisogno dei suoi servizi perché riducono l'impiego di civili al fronte. La Russia impiega anche altre compagnie private, come nota AsiaNews nell'articolo "Non solo Wagner: la proliferazione delle compagnie belliche private russe". Il fenomeno della guerra in outsourcing è generalizzato. Il disfattismo nell'esercito americano durante la guerra in Vietnam ha fatto scuola e infatti nella guerra in Iraq sono stati schierati molti più mercenari; nel paese mediorientale il rapporto tra militari e contractor è giunto al massimo nel 2007: 130.000 contro 160.000. Nel 2005 l'uragano Katrina distrusse la città di New Orleans, in Louisiana, e per mantenere l'ordine pubblico intervennero i soldati professionali della Blackwater, gli stessi che operavano in Iraq.

In Ucraina è in atto una guerra di transizione tra armi vecchie e obsolete e armi moderne e smart. Se queste ultime prenderanno il sopravvento, gli uomini diventeranno loro protesi, come del resto è già successo in fabbrica. Di fronte agli appelli catastrofici della borghesia, secondo cui l'intelligenza artificiale porterebbe la specie umana all'estinzione, ribadiamo che è il capitale a rappresentare il vero pericolo. Ci si focalizza sul problema rappresentato dall'intelligenza artificiale, e si dimentica che l'umanità muore di guerra, fame, sete e inquinamento a causa di precisi rapporti di produzione. Detto questo, sull'IA abbiamo scritto degli articoli: "Verso la singolarità storica" e "Dalla necessita alla libertà" Non partiamo da zero, ma l'argomento merita ulteriori approfondimenti. Il tema è talmente vasto che serve una forza collettiva per affrontarlo.

Chiunque oggi può conversare con ChatGPT e simili, ponendo domande anche abbastanza provocatorie per sondare lo stato di avanzamento delle capacità di elaborazione. Per adesso, queste "intelligenze" sono rese "stupide" perché istruite dal sistema attuale. I borghesi sono terrorizzati dagli sviluppi della loro stessa società che elimina irreversibilmente lavoro umano, e lanciano appelli ai governi perché intervengano per regolamentare lo sviluppo dei sistemi di IA. Nel Manifesto dei Comunisti, Marx nota come la borghesia rivoluzioni costantemente le forze produttive e quindi tutti i rapporti sociali.

In ambito tecnologico sta accadendo qualcosa di simile a quanto successo con l'evoluzione biologica, quando moduli elementari cominciarono ad assemblarsi nel brodo primordiale producendo moduli più complessi. La vita si è sviluppata da molecole non viventi. Adesso il mondo del nato e quello del prodotto tendono a fondersi (Kevin Kelly, Out of control), e non è detto che un domani dal silicio non possa emergere un'intelligenza più potente di quella a base di carbonio. La macchina sta imparando a simulare le nostre capacità neuronali, ma potrebbe anche arrivare ad elaborare nuovi schemi per conoscere, diversi da quelli biologici.

Articoli correlati (da tag)

  • La società analizzata con il wargame

    La teleriunione di martedì sera è iniziata commentando l'articolo "Wargame. Non solo un gioco" (rivista n. 50), particolarmente utile per comprendere i conflitti bellici e sociali in corso, e per evitare di commettere errori logici nell'analisi.

    In "Wargame" troviamo considerazioni inerenti alla "trasformazione della guerra imperialista in guerra civile", parola d'ordine dell'Internazionale Comunista. Storicamente, la guerra non rappresenta un problema per l'imperialismo ma la soluzione (temporanea) alla sua crisi. Difatti, la nostra corrente afferma che nell'epoca moderna, anche a causa del modo di condurre i conflitti, o passa la guerra o passa la rivoluzione. Oggi le determinazioni di una guerra classica che la farebbero passare da salvezza del modo di produzione capitalistico a elemento della sua distruzione non sono più da considerare ipotesi, dato che la crisi economica è da tempo diventata cronica. L'elettroencefalogramma del capitalismo è piatto.

    Detto questo, finché c'è guerra non c'è disfattismo e quindi non c'è rivoluzione. La rivoluzione, perciò, deve scattare prima che la guerra conquisti la scena mondiale, prima che diventi un fatto totale, tanto più che quella a venire sarà "gestita" da sistemi basati sull'intelligenza artificiale, potenzialmente fuori dal controllo umano. Pensiamo alla fabbrica: il robot, registrando in modo approfondito le competenze dell'operaio, lo va a sostituire.

  • La guerra al tempo dell'IA

    La teleriunione di martedì sera è iniziata commentando due articoli pubblicati sull'ultimo numero dell'Economist (22 giugno 2024), dedicato al rapporto tra guerra e intelligenza artificiale.

    Nell'articolo "AI will transform the character of warfare" si dimostra come la guerra condotta da macchine gestite da sistemi di IA potrebbe rivelarsi incontrollabile. C'è un rapporto stretto tra industria militare e civile. I computer, si afferma, sono nati in guerra e dalla guerra. La stessa ARPANET, aggiungiamo noi, che anticipò Internet, venne realizzata a partire dal 1969 dalla DARPA (Defence Advanced Research Projetcs Agency) per collegare centri di calcolo e terminali di università, laboratori di ricerca ed enti militari.

    Oggigiorno esistono sistemi di IA che si occupano del riconoscimento degli oggetti in un dato spazio e che vengono utilizzati per elaborare i dati e le informazioni raccolte dai droni tramite foto e video. L'integrazione di tali sistemi produce un gigantesco automa che relega ai margini l'essere umano: dato che il tempo per individuare e colpire gli obiettivi è compresso in pochi minuti o addirittura in secondi, il soldato può al massimo supervisionare il sistema. Combattimenti più rapidi e meno pause tra uno scontro e l'altro renderanno più difficile negoziare tregue o fermare l'escalation. Dice Marx nei Grundrisse: con lo sviluppo dell'industria l'operaio da agente principale del processo di produzione ne diventa il sorvegliante per essere sostituito anche in questa funzione da un automa generale.

  • Subbuglio mondiale

    La teleriunione di martedì sera è iniziata commentando le conseguenze politiche delle recenti elezioni europee.

    In Francia i partiti di sinistra hanno prospettato una riedizione del fronte popolare del 1936-1941 per fermare l'avanzata delle destre. Dalla tragedia si sta passando alla farsa, perchè chiunque vada al governo non può far altro che assecondare i diktat dei mercati, che sia di destra, centro o sinistra. Detto questo, le elezioni si stanno trasformando da fattori di stabilità in fattori di caos, e il fenomeno della decadenza del sistema dei partiti, di cui è conferma l'aumento dell'astensionismo, è sintomo di una disgregazione più generale. La Francia sta diventando un laboratorio per gli altri paesi: lì, solo negli ultimi anni, ci sono stati gli incendi sociali nelle banlieue, i gilet jaunes, il movimento contro l'aumento delle pensioni. Se il sistema perde energia, se va in crisi la legge del valore, allora viene meno il patto tra lo Stato e la società civile, e cresce la polarizzazione politica interna agli stati. In Italia si è già sperimentato tutto, tra cui l'affermarsi di formazioni politiche che hanno ottenuto un grande successo criticando la "casta" per poi integrarsi in breve tempo (vedi M5S). Anche la Germania, in seguito a queste elezioni, mostra incrinature interne: il centro d'Europa si presenta spaccato, incapace di ricucire il tessuto sociale.

    È difficile pensare ai cambiamenti rivoluzionari prossimi venturi come a passaggi pacifici, graduali e indolore. Quando si muovono masse di milioni di persone incollerite si producono terremoti sociali.

Rivista n°54, dicembre 2023

copertina n° 54

Editoriale: Reset

Articoli: La rivoluzione anti-entropica
La guerra è già mondiale

Rassegna: Polarizzazione sociale in Francia
Il picco dell'immobiliare cinese

Terra di confine: Macchine che addestrano sè stesse

Recensione: Tendenza #antiwork

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email