E' online il numero 44 di n+1

Invitiamo tutti ad abbonarsi comunque alla copia cartacea per aiutarci a mantenere questo tipo di diffusione, ad esempio presso le biblioteche.

n+1 rivista n°44

Editoriale: Duecento anni nel nome di Marx

Articoli: Marx 1818-2018 - Imperialismo in salsa cinese - Plaidoyer per il cemento - A che punto è la "crisi" - Comunismo e agricoltura

Terra di confine: Il capitalismo non è eterno

Rassegna: Dennett, Dai batteri a Bach e ritorno

Doppia direzione: La misura e la scienza - La sovrapposizione fra modi di produzione

Appuntamenti

24

Mar

Seminario: "La socializzazione fascista e il comunismo"
Comitato di lotta Viterbo - Officina Dinamo
via del Suffragio 18 (VT) - ore 15.30

15-17

Mar

73° incontro redazionale
Temi: - La transizione alle classi, - In margine alla teoria rivoluzionaria della conoscenza, - Lo strano caso Olivetti, - Prospettiva di lavoro. Leggi la locandina >>>

14-16

Dic

72° incontro redazionale
Temi: - Taylorismo, managerialismo e impersonalità del Capitale, - Lo stato a pezzi, - Fiorite primavere delle rivoluzioni, - Prospettiva di lavoro. Leggi la locandina >>>

Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  2 aprile 2013

Dove condurrà l'ennesimo esperimento italiota?

Alla teleconferenza di martedì sera hanno partecipato dieci compagni.

La discussione è cominciata dall'analisi della situazione politico-economica italiana alla luce dell'"incarico" dato dal Presidente della Repubblica, dopo il fallimento del tentativo di Bersani di formare una maggioranza, a due gruppi di saggi. Così facendo Napolitano, oltre a prender tempo in vista della scadenza del suo mandato (il 15 maggio), rilegittima il governo tecnico di Monti. E' curioso il percorso politico di questo governo: dimissionario in vista delle elezioni, sconfitto, riconsolidato dopo le elezioni. Dove condurrà l'ennesimo esperimento italiota?

Riguardo all'"incarico" dei dieci saggi, non è ancora ben chiaro cosa possano fare queste due commissioni dato che non è solo l'economia ad essere in crisi ma lo stesso apparato politico amministrativo della borghesia, che fatica a trovare un indirizzo univoco. In questo scenario alquanto fluido resta plausibile l'ipotesi di un golpe di primavera, anche perché da più parti si chiede la nascita di un governo forte.

La scelta di Napolitano di istituire due gruppi di supporto, uno istituzionale e l'altro economico, è davvero inedita e addirittura Repubblica, da sempre schierata con l'asse Pd-Monti-Napolitano, adesso lascia trapelare una certa preoccupazione per l'evolvere della situazione. Dopo i tecnici arrivano i tecno-saggi, ad ulteriore dimostrazione che il parlamento ha esaurito le proprie residue risorse.
Le ipotesi più quotate in questi giorni, per sciogliere il terribile nodo, sono quelle di un governissimo tra Pd e Pdl, opzione che però "brucerebbe" un Pd che non a caso mette le mani avanti, o di nuove elezioni, soluzione rischiosa sia per le reazioni dei mercati che per i risultati delle urne. Insomma, sembrano non esserci soluzioni "realistiche" attuabili in tempi brevi. In effetti, cosa può esserci oltre al dirigismo tecnico?

Il prossimo governo non potrà ignorare le indicazioni di Confindustria che tramite Il Sole 24Ore esprime forte insoddisfazione, soprattutto verso il rispetto del fiscal compact: i vincoli imposti dalla Bce per ripianare il debito sono impossibili da adottare per la già compromessa economia nazionale. Teorie "anti-Euro", una volta appannaggio di siti cospirazionisti, adesso trovano spazio nel giornale degli industriali, i quali cominciano ad alzare la voce rispetto alle direttive che arrivano dalla BCE: "Abbiamo bisogno di una costituente che decida subito il da farsi, ma soprattutto che individui se è possibile fare ciò che deve essere fatto. Altrimenti, come extrema ratio, non resterebbe altro che decidere insieme un'uscita ordinata e governata dagli accordi presi, perché non possono essere ottemperati o perché non lo si vuole. Da parte nostra, come di altri. Allontaniamo dalla politica gli illusi e coloro che sanno solo proporre di distruggere e non correggere ciò che è stato fatto." (Paolo Savona, Se non cambia in profondità diventa una trappola)

La fragile impalcatura su cui si regge l'Unione Europea scricchiola sempre più forte e si sprecano gli editoriali contro quegli automatismi sovranazionali che, "disumani", tagliano il welfare e deprimono ulteriormente l'economia. Scrive Il Sole 24Ore: "le regole di Maastricht volevano evitare il ricorso agli automatismi che invece ora hanno preso il sopravvento." E' in corso un veloce riposizionamento politico che vede coinvolta Confindustria o perlomeno ampi settori della borghesia italiana. Dopo aver accettato e chiesto a tamburo battente il varo di misure di austerity(dalle pensioni al mercato del lavoro), adesso i confindustriali si accorgono che l'austerità deprime l'economia e fa pure male alla salute. Non ci stupiremmo se, ad esempio, il Comitato No Debito, che raccoglie tutta una serie di sindacatini e gruppetti di sinistra, proponesse un fronte unico politico con la borghesia nostrana contro le manovre economiche imposte dalla famigerata Troika Bce-Fmi-Unione Europea. E alcuni punti programmatici, come il ripudio del debito, la disdetta del fiscal compact, le nazionalizzazioni, ecc., potrebbero fare breccia anche in ambienti borghesi.

C'è il fondato rischio che imploda la moneta unica. Ora anche Grillo vuole il referendum per votare l'uscita dall'Euro e la leader del Fronte nazionale francese, Marine Le Pen, coglie l'occasione al balzo plaudendo all'iniziativa e proponendo un incontro. Settori di estrema destra strizzano l'occhio ai grillini a dimostrazione dell'elevata mobilità tra forze di destra e di sinistra. Il nazionalismo dei battilocchi, che si scagliano contro l'Europa dei banchieri rea di sottrarre sovranità nazionale, rappresenta in realtà un fronte ampio e trasversale capace di mettere insieme fascisti e super-sinistri.

Il fenomeno storico del fascismo è irreversibile. Esso è stato il realizzatore dialettico delle istanze social riformiste, ma oggi non c'è più spazio di manovra per politiche riformiste. La politica del futuro non potrà che passare, necessariamente, attraverso la formazione di una nuova comunità-partito che anticiperà forme della società comunista, in critica a quelle del passato. La forma sociale presente, dal canto suo, innalza una barriera controrivoluzionaria preventiva contro l'anti-forma che emerge con prepotenza e che si imporrà in quanto la sua forza è reale, non ideale.

Sotto i colpi della crisi del Capitale senile si sta determinando una spaccatura netta tra i difensori dell'economia nazionale e gli affossatori della stessa. Basta leggere quanto scrivono alcuni militanti sindacali che, pur essendo critici verso la linea concertativa della CGIL, mantengono un'ottica patriottico-partigiana: i sindacati italiani e soprattutto la CGIL danneggiano enormemente non solo i lavoratori ma l'Italia per il loro comportamento arrendevole.

"Il più disgraziato e pernicioso prodotto del fascismo è l'antifascismo. Partigiano è chi, per fede, per dovere o per soldo, combatte per un altro. Militante del partito rivoluzionario è chi combatte per sé e per la sua classe. La ripresa rivoluzionaria dipende dal poter elevare una barriera tra il metodo demoborghese della lotta partigiana e quello dell'azione classista di partito." (A. Bordiga, 1949).

I sinistri immaginano e propongono uno Stato che dirige l'economia, senza però comprendere che un fascismo-keynesismo come quello degli anni Venti e Trenta non può ripetersi. Oggi è il Capitale anonimo a tirar le redini. E per questo ha ancora meno senso piagnucolare per la riduzione del cosiddetto welfare poiché, mai come oggi, lo Stato, al servizio del Capitale e non più dei capitalisti, si prodiga nel tentativo di salvare, con decreti totalitari, le capacità di insensato consumo delle masse. Se non ci riesce, ad impedirlo è la sua crisi storica. Occorre badare a quello che fanno gli Stati, non tanto ai pupazzi che li rappresentano. Il capitalismo è organizzato ma non riuscirebbe a dominare da solo; ha bisogno di legare alla propria ideologia e quindi al proprio funzionamento i proletari e per farlo adopera strati intermedi piccolo-borghesi, intellettuali, studenti, tecnici responsabilizzati, ecc. Sviluppa e utilizza fronti interclassisti proprio perché sono il miglior modo per impastoiare il proletariato, allontanandolo dal suo programma storico e inducendolo invece a lottare secondo la logica riformista degli aggiustamenti di sistema.

Nella scorsa teleconferenza si è accennato alle condizioni critiche in cui versa l'economia della Slovenia (e alle mobilitazioni in corso nel paese, tipoOccupy Lubiana). Adesso arrivano informazioni interessanti anche dall'Olanda. Questo paese, molto più importante economicamente, fa parte dei cosiddetti falchi dell'Unione, i più severi nel richiedere l'attuazione dei vincoli di bilancio. Sotto i colpi dell'indebitamento pubblico e privato, della bolla immobiliare e della crescente disoccupazione, l'Olanda precipita nella crisi. Paese che fino a non molto tempo fa, insieme alla Germania, usava toni molto duri nei confronti dei famigerati PIGS.
Il Nord Europa comincia ad essere in difficoltà e anche lì dovranno quindi essere attuati tagli "lacrime e sangue". Sommando quante accade a Cipro, in Grecia, Portogallo, Spagna, Italia, Slovenia alla situazione economica di paesi modello come Olanda e Danimarca (dove sta scoppiando la bolla del mattone), ne esce fuori un quadro esplosivo.

In relazione a questa instabilità, molte banche centrali riducono i depositi in Euro. Se la principale moneta di riferimento rimane il dollaro americano, adesso si fanno consistenti i depositi in yuan cinesi e in dollari australiani. Si tratta di una vera e propria fuga dall'Euro verso altre monete, verso altri centri di riferimento. Per stabilizzare una situazione così aggrovigliata ci vorrebbe, invece dell'attuale guerra di tutti contro tutti, un fascismo... planetario.

Il quadro appena descritto mostra delle invarianze con quanto accaduto nel III secolo d.C. nell'Impero Romano. Al caos del suo tempo, Diocleziano rispose con delle riforme di "sistema" adottando misure amministrative ed economiche onerose che però risultarono peggio del disordine. Basti ad esempio il costo enorme dell'esercito utilizzato per tenere a bada i barbari e le loro invasioni.

Articoli correlati (da tag)

  • Sintonizzarsi con la transizione di fase in corso

    Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 16 compagni, abbiamo commentato l'intervista a n+1 andata in onda su Radio Saiuz lo scorso 18 febbraio, e pubblicata il giorno seguente su YouTube.

    Ascoltando la trasmissione, qualcuno potrebbe pensare che i temi trattati siano astrusi e che, in generale, potremmo avere più "successo" tra i proletari parlando in maniera più semplice. Per esempio: parlare di comunismo come del "movimento reale che abolisce lo stato di cose presente" non sarebbe comprensibile ai più. In realtà, l'idea che le masse non capiscano è una posizione anti-proletaria, ed anzi, sono i bonzi sindacali, i politici e gli intellettuali quelli a non capire. E comunque finché il capitalismo rimarrà in piedi, la sua ideologia sarà dominante:

    "Sul terreno scuola, stampa, propaganda, chiesa, ecc., fin che la classe lavoratrice sarà sfruttata la diffusione della ideologia borghese avrà sempre un immenso vantaggio sulla diffusione del socialismo scientifico. La partita sarà perduta per la rivoluzione fino a che non si fa assegnamento su forti masse che lottano, senza presupporre nemmeno per sogno che siano uscite dalla influenza culturale ed economica borghese, ma per la ineluttabile spinta del contrasto delle forze produttive materiali non ancora divenuto coscienza dei combattenti, e tanto meno poi scientifica cultura!" ("Danza di fantocci: dalla coscienza alla cultura", 1953)

    Ciò che conta, quindi, è il contrasto tra le forze produttive e i rapporti di produzione, che ad un certo momento fa muovere masse di milioni di persone, inizialmente in maniera caotica e poi sempre più sincronizzata fino alla polarizzazione di classe rappresentata dallo schema di rovesciamento della prassi ("Teoria e azione nella dottrina marxista", 1951).

  • Tutto il mondo è polarizzato

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 16 compagni, è iniziata con il commento dell'articolo "Tutto il mondo è polarizzato", di Moisés Naím, pubblicato su La Repubblica lo scorso 4 febbraio. Il giornalista, che dal 1989 al 1990 è stato ministro del Commercio e dell'Industria del Venezuela, descrive quasi con le nostre parole la paludosa situazione in cui versa il mondo:

    "Il governo della superpotenza mondiale è in stallo, mentre il governo di un'ex superpotenza — il Regno Unito — è in preda alla paralisi, dopo una raffica di ferite autoinflitte. Angela Merkel, che fino a poco tempo fa era la leader più influente d'Europa, si avvia al ritiro. Il suo collega francese deve far fronte a una sorprendente rivolta, i famosi Gilet gialli. L'Italia, il Paese con la settima economia mondiale, attualmente è governato da una fragile coalizione, con leader così diametralmente opposti e dichiarazioni così sconcertanti che non si sa se ridere o piangere; sembra che gli italiani abbiano deciso di vedere com'è quando il malgoverno viene spinto ai limiti più estremi. In Spagna, il capo del governo non è nemmeno stato eletto da una maggioranza parlamentare, ma è arrivato al potere grazie a un tortuoso processo legislativo."

  • L'auto-distruzione del Capitale e le sue conseguenze pratiche

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 12 compagni, è iniziata con alcune considerazioni in campo economico.

    Per la prima volta nella storia dell'economia il bilancio di una banca centrale ha superato il Pil del paese di riferimento: la BoJ, la Banca centrale giapponese, ha stampato denaro per un valore di circa 4300 miliardi di euro, cifra sufficiente a comprare asset di valore superiore a quello del Pil nazionale.

    Nel capitalismo odierno istituti nati come strumenti di gestione dello Stato sul fatto economico si sono tramutati in fondi di investimento impegnati a seguire le perfomance del mercato. Il passaggio storico dal controllo dello Stato sul Capitale al controllo del Capitale sullo Stato è dimostrato dal cambiamento di ruolo delle banche: se all'inizio la loro funzione era quella di raccogliere piccoli capitali liberi nella società per poterli investire nell'industria, oggi invece la maggior parte della loro attività è di natura speculativa. E' dalla metà degli anni '70 che l'immensa massa di capitale prodotta fatica a valorizzarsi nell'attività industriale e da allora tende a bypassare la produzione cercando di valorizzarsi nell'ambito della circolazione. Dato il persistere della crisi, i governi hanno mano a mano stabilito nuove politiche monetarie per risollevare le sorti dell'economia "reale", ma l'unico risultato raggiunto è stato quello di favorire gli istituti di credito che hanno continuato, con il denaro regalato dal quantitative easing, la loro azione speculativa. Insomma, l'intervento delle banche centrali per far ripartire l'inflazione ha provocato la sola inflazione degli indici borsistici, allargando la base di sostegno al credito/debito globale.

Materiale ricevuto

Lavori in corso

Doppia direzione

  • Ancora superimperialismo
    Devo dire che la vostra riunione sulla guerra irachena come "capitolo di una guerra generale" mi ha lasciato un po'…
  • Parole d'ordine a ruota libera
    La guerra è un grosso problema e capire quella d'oggi non è facile. È vero, come dite, che si deve…

Rivista n°43, aprile 2018

copertina n°43f6Editoriale: Si fa presto a dire moneta
f6Articoli: Dimenticare Babilonia - L'eredità problematica
f6Rassegna: Il missil prodigo - Big data a tutto spiano - Mangime standard per umani - Elezioni pop
f6Terra di confine: Elementare, Watson
f6Spaccio al bestione trionfante: L'urlo del bonobo
f6Recensione: Verso un nuovo paradigma
f6Doppia direzione: Lavorare è bello

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 232, 12 febbraio 2019

f6Per qualche dollaro in meno
f6La lunga notte della sonda cinese
f6Le nuove armi di Pechino
f6Shutdown
f6Venezuela
f6La valle della morte
f6Italia
f6Gilet gialli

Leggi la newsletter 232
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email