Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  4 marzo 2014

Modelli a comando centrale o intelligenza diffusa?

La teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, ha sviluppato alcune considerazioni emerse da una recente corrispondenza sulla possibilità di comprensione e di controllo dei sistemi complessi.

Nel libro Out of control Kevin Kelly descrive la crescente commistione fra il vivente e l'artificiale, e afferma: "L'URSS non è caduta a pezzi perché la sua economia era stata strangolata dal modello di comando centrale, ma piuttosto perché ogni complessità controllata centralmente è instabile e non flessibile. Istituzioni, grandi società, industrie, organismi, sistemi economici e robot mancheranno di prosperare se progettati intorno a un comando centrale".

I sistemi complessi non possono essere controllati attraverso processi di semplicità. Occorre far emergere il controllo dalla stessa complessità, fare in modo che essa si auto-organizzi. Con ciò non viene meno il principio d'autorità o il centralismo, ma semplicemente lo schema non è più piramidale, tipico delle vecchie società gerarchiche e frutto della divisione sociale del lavoro. Lo schema di riferimento è a rete, come il nostro cervello. Il quale non ha un centro di controllo: il pensiero, qualunque cosa sia, è il frutto dell'attività congiunta di parti non pensanti. Allo stesso modo la concezione piramidale e gerarchica del partito, l'organismo che ha la funzione storica di traghettare l'umanità in un'altra società, va sostituita da quella a rete, in cui il lavoro in doppia direzione dei singoli militanti forma un insieme che assomiglia al funzionamento del cervello biologico. La riflessione sull'intelligenza diffusa si ricollega all'articolo di Joan Donovan che abbiamo analizzato nella scorsa teleconferenza. In quell'occasione abbiamo parlato di quanto avvenuto con Occupy Sandy: scattata l'emergenza, si è attivata spontaneamente una rete di mutuo soccorso collegata al movimento Occupy Wall Street e al suo modo di funzionare, in maniera tale che "[...] many of the people volunteering in the emerging network were opposed to an occupy related organization, but were powerless to stop it's momentum." L'infrastruttura Occupy è un rizoma, sostiene l'autrice del testo, perché non ha capi o centri di comando ma si sviluppa orizzontalmente e può riattivarsi anche quando sembra morta.

Certo, capi non ce ne sono, ma la centralizzazione c'è ed è la stessa che vediamo emergere dai sistemi complessi. A New York, la macchina dei soccorsi ha funzionato perché si è potuto scaricare il sovraccarico di informazione su piattaforme collegate come InterOccupy. Esternalizzando parte del lavoro, l'hub newyorkese ha potuto riequilibrarsi e funzionare più efficacemente sul campo. Un procedimento del genere può avere luogo solo in un organismo bio-cibernetico, capace di rispondere e modellarsi differentemente secondo le necessità del momento. Al posto di caos e disorganizzazione, gli occupiers si sono trovati di fronte ad un sistema capace di auto-attivarsi, auto-organizzarsi e auto-ripararsi.

Nell'articolo dell'ultimo numero della rivista, Marcati sintomi di società futura, si aggiunge un elemento di conoscenza (possibilità di controllo): un sistema complesso può essere disseminato di detector che si tramutano in "agenti" in grado di accumulare e utilizzare informazione fino a rendere autopoietico il sistema stesso, con sorprendente similitudine con i processi biologici. Prendiamo ad esempio il concetto di net work introdotto dalla Donovan: grazie ai lavoratori della conoscenza, che durante la fase iniziale di Occupy hanno utilizzato le proprie competenze per sostenere il movimento, l'infrastruttura ha potuto crescere e svilupparsi. Ma chi sono i lavoratori della conoscenza che immettono informazione nella rete e spostano bit da una parte all'altra? Chiunque si agganci alla rete di Occupy "[...] posting, linking, liking, friending, inviting, sharing, tweeting, retweeting, following, instagramming, regramming, streaming, broadcating, commenting, blogging, emailing, texting, calling, watching, donating, recording, editing, documenting, note-taking, meeting". Insomma, siamo tutti lavoratori della conoscenza potenzialmente impegnati nel net work, la differenza semmai sta nell'essere polarizzati o meno. Il movimento OWS è infatti un prodotto e allo stesso tempo un fattore di polarizzazione sociale, con una carica talmente potente che non solo è uscito dai confini nazionali ma ha dato vita ad un nuovo linguaggio, ad un nuovo stile della rivoluzione (Fiorite primavere del Capitale, 1953).

Possiamo perciò affermare che l'assunto secondo cui esisterebbe una ingovernabilità intrinseca dei sistemi complessi è semplicemente una fesseria. Un sistema fatto di pochi uomini può essere soggetto ai capricci di ognuno, sbalzi di umore, improvvisi cambiamenti di idea che lo rendono imprevedibile. Ma questo non è un sistema complesso, è un sistema di stupidi battilocchi. Non appena si supera una soglia quantitativa (massa critica), i fessi individuali incominciano a comportarsi come "atomi sociali" e di qui in là interviene la "fisica della storia" alla Buchanan.

Si è poi passati a parlare dell'Ucraina, importante snodo dei gasdotti che portano il gas naturale russo in Europa. La Russia non può permettersi di perdere l'influenza sulla Crimea, un importante sbocco sul Mar Nero e quindi, attraverso lo stretto dei Dardanelli, sul Mediterraneo. La posta in gioco è la riconquista del paese e l'esercito russo sembra muoversi in tal senso. Mosca non riconosce il governo attuale, accusato di essere salito al potere tramite un colpo di stato, e incita la popolazione di origini russe a farsi sentire. La situazione è molto simile a quella georgiana del 2008, dove gli americani avevano sul libro paga esercito, classe politica e magistratura, e i russi, non digerendo la cosa, erano intervenuti pesantemente. Solo che la Georgia è un piccolo stato, mentre l'Ucraina è grande il doppio dell'Italia e ha 45 milioni di abitanti. Se dovesse prospettarsi una divisione del paese, è difficile immaginare che i russi se ne stiano a guardare, e a quel punto sarebbe probabile un'invasione del paese. L'Europa, dal canto suo, si è sciolta come neve al sole: non riesce a trovare una posizione unitaria dimostrando ancora una volta la totale inconsistenza politica. Nello scenario attuale gli americani sembrano i più realisti: sanno che l'Ucraina se la possono comprare a suon di dollari, anche con un governo filo-russo. Al solito, come diceva la Sinistra Comunista negli anni 50' riguardo la cortina di ferro, riescono più i dollari che i colpi di cannone. Gli americani sono ben consapevoli della pericolosità di un eventuale scontro armato e cercano di non tirare troppo la corda con i russi. La minaccia più grande per gli Stati coinvolti rimane la possibilità che scatti qualcosa all'interno della società ucraina. Le classi dominanti hanno paura che si radicalizzi e si diffonda lo scontro di classe: il nazionalismo di piazza Maidan è solo la punta dell'iceberg, sotto cova la rabbia sociale per il drastico peggioramento delle condizioni di vita.

La temperatura sociale continua a salire. In Brasile scioperi e scontri di piazza si sono verificati anche durante il Carnevale. In Turchia la situazione non si è affatto placata e proseguono le manifestazioni per chiedere le dimissioni di Erdogan, che risponde aumentando la repressione e blindando la società. In Cina, c'è stato un massacro all'arma bianca alla stazione ferroviaria di Kunming con decine di vittime e centinaia di feriti, per cui il governo ha accusato i separatisti uiguri del Xinjiang. Ma tutta la società cinese è in fermento: continuano gli assalti alle caserme, gli scioperi e le rivolte di massa che l'esercito "rosso" fatica sempre più a contenere.

Quand'è che una forma sociale può definirsi superata? Quando non regge più il confronto oggettivo, materiale, con una forma nuova. Quando quest'ultima si manifesta "come concreta evidenza che condanna le forme antiche e mostra il rendimento infinitamente superiore delle nuove, anche prima della rivoluzione politica". (Proprietà e Capitale, 1948-50)

Articoli correlati (da tag)

  • Grandi conferme

    Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 16 compagni, abbiamo affrontato i grandi fatti della settimana appena trascorsa, ovvero le manifestazioni e le rivolte scoppiate in Sri Lanka, Albania, Kenya, Panama, Corea del Sud, Ghana, Bosnia, Argentina e India, sull'onda degli aumenti dei prezzi dei generi di prima necessità e del carburante.

    Le conferme alle nostre previsioni arrivano sia dalla prassi, con la diffusione a livello globale di quello che qualche anno fa abbiamo definito "marasma sociale e guerra", sia a livello teorico, e qui ci riferiamo all'editoriale dell'ultimo numero di Limes ("La guerra russo-americana", 6/22) in cui si afferma che comunque vada a finire questa guerra, il mondo non sarà più quello di prima:

    "Da questo conflitto nascerà un nuovo disordine mondiale. Non un ordine, perché chiunque vinca, o sopravviva, non sarà in grado di riprodurre la Pax Americana. Nemmeno l'America. Washington resterà il Numero Uno per carenza di alternative. Ma il capoclassifica non potrà ostentarsi egemone globale, né forse lo vorrà. Ridurre ad unum questa Babele d'otto miliardi di anime e diverse centinaia di attori o comparse geopolitiche è affare di Dio, non di Cesare. Per quanto intuiamo, Dio non è interessato all'impresa. Preghiamo."

    Gli esperti di geopolitica si affidano al buon Dio per uscire dal caos, noi invece riteniamo che siano i processi di auto-organizzazione sociale a rompere gli equilibri precedenti facendo fare un balzo in avanti all'umanità. Superata una certa soglia, si determina una "polarizzazione" o "ionizzazione" delle molecole sociali, che precede all'esplosione del grande antagonismo di classe.

  • Catastrofe alimentare ma non solo

    La teleriunione di martedì sera, presenti 21 compagni, è iniziata affrontando il tema della crisi alimentare in corso.

    L'Economist titola l'edizione del 21 maggio "The coming food catastrophe", accompagnandola con un'immagine di copertina piuttosto macabra nella quale sono raffigurate tre spighe di grano composte da chicchi a forma di teschi. L'immagine, diventata virale sui social network, vuole rappresentare un problema reale che sta catalizzando l'attenzione a livello mondiale. L'articolo del settimanale inglese, sebbene parta da premesse che non solo le nostre (ad esempio dando la colpa di tutto al battilocchio di turno, in questo caso Putin), dimostra che la guerra sta conducendo un mondo già fragile alla rottura.

    La difficoltà negli approvvigionamenti delle materie prime e la congestione dei processi logistici (colli di bottiglia) manifestatesi con la pandemia si sono aggravati con la guerra in Europa. Russia e Ucraina forniscono il 28% del grano commercializzato a livello mondiale, il 29% dell'orzo, il 15% del mais e il 75% dell'olio di girasole. Queste forniture sono fondamentali per sfamare Libia, Egitto, Tunisia, diversi paesi africani e in generale tutta quell'area che va dal Sudafrica all'est asiatico. Le prime rivolte per la fame sono già scoppiate in Sri Lanka e Iran. L'Inghilterra si è fatta avanti proponendo la formazione di una "coalizione di volenterosi" per scortare con navi da guerra i mercantili che nel Mar Nero trasportano il grano ucraino.

  • Sciupio irreversibile

    La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 20 compagni, è iniziata prendendo spunto da alcune notizie sulla questione energetica, in particolare riguardo la tecnologia nucleare.

    Nella bozza presentata dalla Commissione europea agli stati membri circa le misure necessarie per mettere in pratica la green economy si fa riferimento, oltre al gas, anche al nucleare. Sul tema i pareri sono discordanti dato che alcuni non credono sia corretto definire questa tecnologia una fonte di energia pulita. Il nuovo nucleare, sostengono invece i favorevoli, è più sicuro delle centrali di vecchia generazione, soprattutto inquina meno di carbone e combustibili fossili e perciò porterà ad un'Europa ad emissioni zero. Sarà anche vero, ma è difficile credere che si possa risolvere a livello tecnico il crescente bisogno di energia dell'attuale modo di produzione: il vagheggiato capitalismo a basso consumo energetico non esiste. Così come non esiste un capitalismo pacifico. Si pensi agli interventi militari della Francia prima in Mali e poi in Niger, ufficialmente motivati dal contrasto al terrorismo jihadista, ma in realtà volti a garantire la fornitura di uranio alle centrali nucleari del paese.

    La fusione nucleare di cui in questi giorni si parla speranzosamente non è una soluzione nel breve periodo: nella migliore delle ipotesi l'applicazione finale di questa tecnologia si prospetta per il 2040. In generale, le centrali nucleari necessitano di tempi di progettazione e costruzione di almeno dieci anni e, al di là delle opinioni favorevoli o contrarie, quelle esistenti sono state abbandonate un po' ovunque perché costose (vedi problema dello smaltimento delle scorie radioattive).

Rivista n°51, giugno 2022

copertina n°51

Editoriale: La guerra che viene

Articoli: Guerra in Europa
Appendice 1. La Quarta Guerra Mondiale
Appendice 2. La sindrome di Yamamoto
Guerra di macchine
Wargame - parte seconda

Doppia direzione: Considerazioni sulla pandemia

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email