Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  11 marzo 2014

Bitcoin: moneta elettronica peer to peer

La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 12 compagni, ha preso le mosse dalle notizie battute dalle agenzie sugli scontri in Turchia, scatenati dalla morte di Berkin Elvan. Il quindicenne, colpito da un lacrimogeno durante le manifestazioni di Gezi Park mentre andava a comprare del pane, è morto dopo 268 giorni di coma. La notizia del decesso, divulgata dai genitori del ragazzo via Twitter, si è diffusa velocemente attraverso i vari social network e ha provocato manifestazioni e proteste in tutto il paese.

La discussione è proseguita riprendendo un tema già affrontato in alcune teleriunioni. Il Bitcoin, la moneta digitale nata nel 2009, torna in questi giorni a far parlare di sé per i fallimenti di due piattaforme di scambio, la giapponese Mt.Gox e la canadese FlexCoin, e per l'oscura morte del giovane amministratore delegato di First Media, piattaforma di scambio per la compravendita online di bitcoin.

Molto movimento intorno a quella che alcuni hanno indicato come la moneta del futuro, o che altri, invece, hanno screditato. Tra quest'ultimi, l'economista Roubini che proprio recentemente ha definito la cripto-moneta uno schema Ponzi, "un modo poco efficiente di accumulare valore", una valuta altamente volatile e quindi poco adatta ai mercati.

In realtà potremmo applicare lo schema Ponzi all'intera finanza mondiale; la differenza sta nel fatto che a tutela degli scambi, a garanzia delle banche, ci sono gli stati. I bitcoin invece non li garantisce nessuno e il loro valore è determinato da chi li compra e da chi li vende, e nessuno stato ne fissa il prezzo. A questo si aggiungono due fattori decisivi, e cioè che il programma prevede un numero finito di emissioni (21 milioni) e che la potenza di elaborazione dei computer richiesta per generare bitcoin è sempre maggiore. Perciò se ne aumenta la richiesta, ne aumenta il valore, e dato che sarà sempre più difficile generare nuovi bitcoin e la quantità della cripto-moneta disponibile non potrà che diminuire, ne consegue che il valore aumenterà vertiginosamente.

Gli stati non sanno ancora bene come affrontare la questione. Per ora solo Cina e Stati Uniti sono intervenuti. La banca centrale cinese ne ha vietato l'utilizzo al settore finanziario, mentre negli Usa è stato arrestato il fondatore del sito Silk Road, una sorta di mercato nero online della droga e delle armi dove le transazioni avvenivano in bitcoin. Una parte del valore mondiale potrebbe confluire nella cripto-moneta, e questa sembra in grado di non risentirne. Gli stati non possono permettersi di perdere il controllo sul capitale, per questo motivo cercheranno di rendere i bitcoin solo un gioco. E mentre studiano la faccenda cercando di intuirne l'evoluzione, non manca chi, come un vero e proprio intrigo internazionale, dà spazio a dietrologie e tesi complottiste, sostenendo che sia proprio un grosso stato ad aver lanciato il sistema. Certamente se il meccanismo prosegue il suo corso, la cripto-moneta diventerà come i tulipani nel 1600, quando un bulbo valeva quanto il prezzo di una casa. Abbiamo scritto nella newsletter n. 206: "[...] il Bitcoin non è controllabile, è emesso in quantità limitata e funziona esclusivamente sulla fiducia fra i contraenti. Sembra fatto apposta per dare al Capitale quel poco di autonomia che non s'era ancora assegnato. Se il traffico prosegue, il tetto massimo sarà raggiunto e la quantità circolante sarà sostituita dal suo valore globale, virtualmente infinito. A quel punto vedremo se si tratta di un gigantesca truffa a 'Schema Ponzi' o della definitiva autonomizzazione del Capitale."

Interessante anche come l'intero meccanismo di generazione e scambio si basi su piattaforme peer to peer (P2P). Leggiamo sul sito bitcoin.org: "Bitcoin usa la tecnologia peer-to-peer per non operare con alcuna autorità centrale o banche; la gestione delle transazioni e l'emissione di bitcoin viene effettuata collettivamente dalla rete. Bitcoin è open-source; la sua progettazione è pubblica, nessuno possiede o controlla Bitcoin e ognuno può prendere parte al progetto. Attraverso alcune delle sue uniche proprietà, Bitcoin permette utilizzi entusiasmanti che non potrebbero essere coperti da nessun altro sistema di pagamento precedente." Giusta Marx, sono proprio le categorie economiche su cui si basa una società quelle che la faranno saltare. Come abbiamo scritto nell'ultimo numero della rivista, il P2P nega il capitalismo allo stesso modo di come l'autonomizzazione del capitale da spinta propulsiva si trasforma in forza distruttrice, diventando elemento di negazione della legge del valore. Abbiamo quindi ricordato un passo dell'articolo L'autonomizzarsi del Capitale e le sue conseguenze pratiche: "Il processo storico di autonomizzazione del valore, ribadiamo, è un movimento distruttivo rispetto ai modi di produzione che precedono il capitalismo. È un movimento sconvolgente perché non può essere semplicemente con-formista, dato che la sua ragione di essere è di superare la vecchia forma; né può essere ri-formista, dato che quando si afferma non si limita a modificarla, ma spazza via realmente ogni vecchio residuo sociale trattandolo come un nemico; quindi non può essere che anti-formista, perché il suo radicale modo di essere distrugge persino sé stesso."

La teleconferenza si è conclusa col consueto sguardo alla situazione italiana. Il taglio del cuneo fiscale per 10 milioni di italiani è niente in confronto a quanto realmente serve per poter incidere su una situazione sociale che si fa sempre più pesante. Squinzi e De Benedetti l'hanno detto: bisogna intervenire sulle paghe dei lavoratori elevando la propensione marginale al consumo. Per far questo servono il sussidio ai disoccupati e massicci aumenti salariali. Mentre la CGIL finge di scaldare i motori e minaccia scioperi generali, Renzi si prepara a riorganizzare il mercato del lavoro con l'atteso Job Act. Di fronte al peggioramento delle condizioni di vita, i lavoratori saranno chiamati ancora una volta a lottare contro le offensive padronali e per la difesa dell'esistente. Non ci resta che ribadire che il carattere dell'azione dei comunisti è l'iniziativa, non la replica alle cosiddette provocazioni. L'offensiva di classe, non la difensiva. La distruzione delle garanzie, non la loro preservazione.

Articoli correlati (da tag)

  • La coscienza delle macchine

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono connessi 15 compagni, è cominciata commentando le notizie di stampa riguardanti il caso LaMAD (Language Model for Dialogue Applications), un programma di intelligenza artificiale conversazionale, elaborato da Google, che si basa su una rete neurale open source per la comprensione del linguaggio naturale.

    Un ingegnere impegnato nel progetto, Blake Lemoine, è stato messo in congedo dall'azienda di Mountain View perché ha dichiarato pubblicamente che LaMAD sarebbe senziente e avrebbe sviluppato una coscienza pari a quella di un essere umano: "Se non sapessi esattamente cos'è, ovvero questo programma informatico che abbiamo costruito di recente - ha detto Lemoine al Washington Post - penserei che si tratta di un bambino di sette, otto anni che per caso conosce la fisica". Il portavoce di Google ha negato le affermazioni di Lemoine: "Il nostro gruppo, composto da etici e tecnologi, ha esaminato le preoccupazioni di Blake in base ai nostri principi di IA - ha spiegato - e lo ha informato che le prove non supportano le sue affermazioni. Gli è stato detto che non ci sono prove che LaMDA sia senziente, e che ci sono molte prove contrarie".

  • Autonomizzazione del valore rispetto al tempo di lavoro

    Nella teleriunione di martedì sera, a cui hanno partecipato 20 compagni, abbiamo parlato di Decentralized Finance (DeFi), ovvero di finanza decentralizzata. Avevamo sfiorato l'argomento durante la scorsa teleriunione parlando dei fatti occorsi in Kazakistan, paese dove hanno stabilito la propria sede numerosissime aziende attive nel settore del Bitcoin e più in generale delle criptovalute.

    Elenchiamo per punti che cos'è la finanza decentralizzata e quali sono le sue implicazioni: 1) la DeFi è esplosa nel 2020 e la sua crescita sembra inarrestabile; 2) secondo la rivista The Economist il valore degli asset immagazzinati in questo nascente sistema finanziario è passato da meno di 1 miliardo di dollari all'inizio del 2020 a oltre 200 miliardi di dollari oggi; 3) i maggiori istituti bancari e governativi cominciano a preoccuparsi e stanno studiando con attenzione il fenomeno; 4) se la DeFi fosse una banca d'affari sarebbe tra le 50 più importanti al mondo.

  • Il capitalismo di fronte ai limiti dello sviluppo

    La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 18 compagni, è cominciata con il commento di un articolo dell'Avvenire intitolato "La proposta al G20. Una Costituzione della Terra per diffondere pace e giustizia".

    Il compagno che ci ha segnalato lo scritto lo indicava, giustamente, quale esempio di riformismo planetario. L'appello per un nuovo costituzionalismo globale vede tra i primi firmatari, oltre a filosofi, giuristi e giornalisti, anche un vescovo; e il fatto che la proposta sia stata rilanciata dall'Avvenire dimostra che dietro c'è anche lo zampino del Vaticano (non a caso nel testo si trova un riferimento all'ecologismo integrale di papa Francesco). La Chiesa vuole uscire dall'ambito strettamente religioso per dare vita a processi egemonici nella società, e lo fa con una proposta di stampo riformista basata su diritti per tutti, giustizia globale, redistribuzione della ricchezza, ecc. Un tentativo globale che si rivelerà, come al solito, un buco nell'acqua perché il Capitale autonomizzato se ne frega di chi lo vuole trasformare in un sistema più etico e morale.

Rivista n°51, giugno 2022

copertina n°51

Editoriale: La guerra che viene

Articoli: Guerra in Europa
Appendice 1. La Quarta Guerra Mondiale
Appendice 2. La sindrome di Yamamoto
Guerra di macchine
Wargame - parte seconda

Doppia direzione: Considerazioni sulla pandemia

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email