Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  18 marzo 2014

In marcia!

marchadeladignidad - mapLa teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata con alcune considerazioni sulla Marcha de la Dignidad. La marcia, organizzata in colonne provenienti da diversi punti del paese, culminerà il 22 marzo quando collettivi, sindacati, gruppi di lavoratori, disoccupati e precari, si riverseranno nella capitale spagnola per chiedere un cambiamento reale. Le rivendicazioni avanzate dai manifestanti riguardano casa, sanità, reddito e reclamano un lavoro dignitoso per tutti. Come al solito, quello che conta è il contesto generale in cui tali movimenti si inseriscono.

Il video della Cgt, dove si vedono gli attivisti in cammino arrivare nei centri urbani e ristorarsi in mense comuni, mostra l'alto livello di logistica necessariamente approntato per sostenere le migliaia di persone in marcia, e ricorda quanto scritto dagli occupiers americani in merito all'importanza del mutuo soccorso:

"Il movimento può fare molto di più che protestare. Noi possiamo anche fare qualcosa gli uni per gli altri. In giro per il mondo ci sono persone ancora senza tetto, intrappolate nella povertà, in debiti e pignoramenti. Le sperequazioni economiche sono tremende. Ma oggi ricordiamo a noi stessi e al mondo che possiamo essere soddisfatti della solidarietà [che abbiamo messo in pratica]. Oggi da Oakland a Washington, ovunque siano presenti, gli occupiers sono seduti alla mensa comune" (OWS home page, 24/11).

La marcia, organizzata da diverse sigle e movimenti, è diventata espressione di un movimento generalizzato che, come già accaduto in Turchia e Brasile, supera e ingloba le numerose organizzazioni esistenti. Anche gli strumenti utilizzati mostrano questa dinamica, come ad esempio il sito wiki (#15Mpedia) costruito dagli indignados per organizzarsi e coordinarsi. Il fatto è interessante perché il metodo wiki è quanto di più avanzato possa mettere a disposizione lo stesso capitalismo: è universale, anonimo e peer to peer, "è una delle tante manifestazioni del cervello sociale, individuato fin dalle origini dell'industrializzazione nelle macchine intese non come singolarità meccaniche ma come sistema. Se un secolo e mezzo addietro fu solo Marx a sottolinearlo, oggi sono in molti a riconoscerlo. Wikipedia è un buon esempio di simil-organismo dotato di intelligenza collettiva, che supera di gran lunga il vecchio modello dell'alveare come corpo disaggregato fatto di cellule-individuo differenziate per compiti" (Wikipedia, il caos e l'ordine).

I movimenti attuali, per quanto possano avere le idee confuse sui metodi e sui fini della lotta, sono oggettivamente anti-formisti, visto che non esiste più alcuna possibilità di migliorare le condizioni di vita rimanendo all'interno di questo sistema. Da Zuccotti Park è partito un messaggio forte e chiaro: andiamo oltre alle noiose manifestazioni con servizio d'ordine e comizio finale. Dal cuore pulsante del capitalismo, Wall Street, è arrivata l'indicazione a occupare in pianta stabile le piazze per fare community. Poi è stata la volta del movimento turco e "la prima cosa che balza all'occhio è l'emergere velocissimo (pochi giorni) di una struttura organizzativa centralizzata, 'Solidarity Taksim'. Si tratta di un'aggregazione democratica e frontista, ovviamente interclassista, formata da 116 organismi diversi che vanno dai partiti tradizionali d'opposizione ai gruppi calcistici di ultras normalmente nemici, dai sindacati ai gruppi anarchici o 'marxisti' che rappresentano nell'insieme strati proletari. Ma queste forze sociali, per quanto eterogenee, si sono polarizzate con velocità incredibile, fornendo non solo coordinamento ma centralizzazione tramite l'ormai consueta rete dei social network. Tra l'altro il governo turco, a differenza ad esempio di quello egiziano, non ha potuto bloccare Internet per non danneggiare la struttura economica che sulla rete basa il 100% del commercio B2B (business to business). Questa centralizzazione raggiunta dai fieri rivoltosi turchi è inedita fra gli indignados, gli occupiers americani e i rivoltosi arabi. È possibile che si precisi e che abbia dei riflessi sull'intero movimento globale" (Newsletter del 20 giugno 2013). La spagnola #MarchasdelaDignidad è una novità rispetto alle solite mobilitazioni indette da partiti e sindacati, perché si è configurata come un movimento capillare distribuito sul territorio e prolungato nel tempo.

Inoltre, a proposito di Turchia, è da segnalare quanto accaduto recentemente con la morte di Berkin Elvan, il quindicenne colpito da un lacrimogeno mentre andava a comprare il pane. I genitori ne hanno annunciato il decesso via Twitter e subito la notizia si è propagata memeticamente portando a scontri in decine di città e determinando una forte polarizzazione di classe tra l'1% (assassino e corrotto) e il 99% (solidale con la famiglia e gli amici di Berkan). Leggiamo da Repubblica del 13 marzo: "Solo con l'hashtag #BerkinElvanOlumsuzdur (#BerkinElvanIsImmortale) sono stati prodotti fino a ieri 11,9 milioni di tweet. Il 75% dei tweet dedicati al ragazzo è stato ritwittato e, secondo i dati di Keyhole, 70 milioni di utenti in tutto il mondo sono stati raggiunti da messaggi sul giovane ucciso. Si tratta di un vero record, se si considera che gli utenti di Twitter in Turchia sono circa 12 milioni."

Tutti i movimenti sviluppatesi dopo la Primavera araba sono dei tentativi pratici di fuoriuscita dall'attuale sistema economico, delle esplorazioni collettive nel domani. La tendenza globale è quella alla costruzione di una piattaforma unificante che tenga insieme le varie istanze. Anche in Ucraina è successo qualcosa di simile con l'occupazione di Majdan, divenuta quartier generale della rivolta. Per quanto non si possa trovare una legge soggiacente se non quella della pressione capitalistica sulle popolazioni, la radicalizzazione e la sua propagazione virale sembrano inarrestabili, e anche se ci sono strutture frontiste che tentano di imbrigliare il movimento all'interno dell'alveo istituzionale, la dinamica complessiva tende ad inglobare chi vi fa parte. Ogni rivolta particolare è un piccolo tassello della rivoluzione incessante, qualunque sia il risultato locale raggiunto. E le rivoluzioni hanno sempre marciato da sé, hanno sempre utilizzato chi credeva di utilizzarle. Quando la storia si ionizza, come in Russia nel 1917, chi ha le idee chiare sul futuro, influenza il movimento e, in alcuni casi, lo può dirigere.

La teleconferenza è poi proseguita con un breve commento delle notizie provenienti dalla Crimea, sul referendum e la semi-annessione della penisola alla Russia. Come scritto in La grande cerniera "balcanica" e il futuro dell'Unione Europea, la geografia dei paesi determina lo sviluppo delle forze economiche, sociali e politiche; oramai anche i borghesi cominciano a parlare di geostoria invece che di geopolitica. Con la seconda guerra mondiale si è concluso il ciclo delle guerre blocco contro blocco, con il 1975 il ciclo rivoluzionario delle "guerre" di liberazione nazionale, oggi il mondo capitalistico è integrato, e le politiguerre sono fatte per procura mirando più al controllo che all'occupazione del territorio (L'imperialismo delle portaerei, 1957).

Infine si è parlato del tanto discusso Jobs Act. Dietro a roboanti proclami a tempo di slide, l'unico dato oggettivo che resta è l'aumento strutturale della precarietà.

Il piano proposto da Renzi è in perfetta continuità con le politiche di Biagi e Monti: l'obiettivo è quello di estendere la flessibilità a tutto il mondo del lavoro. Con esso si introduce un contratto a tempo determinato senza causale fino a tre anni e vengono riscritte le norme dell'apprendistato rendendo facoltativa la formazione del lavoratore. Si vuole inoltre costituire un fondo giovani per finanziare il sistema degli stage; estendere, insomma, il metodo Expo del lavoro gratuito a tutto il paese. Anche la materia ammortizzatori sociali viene affrontata in modo inconcludente: il Naspi, il nuovo sussidio di disoccupazione spacciato per universale, riguarda in realtà solo una minima parte di precari e disoccupati (secondo i calcoli restano fuori almeno 4 milioni di persone, ma il numero è superiore se si considerano le partite Iva iscritte ad altre gestioni previdenziali). E ricorda, per le modalità di erogazione, il modello tedesco Hartz di cui abbiamo parlato qualche tempo fa. Per reperire i fondi necessari alle riforme si prevedono tagli alle pensioni, agli statali, all'esercito e alla polizia. Certo, sempre che vadano in porto: sono ancora vivide le immagini di un Portogallo dove un nutrito gruppo di poliziotti si scontrava con le forze dell'ordine poste a difesa del Parlamento. Il sistema è arrivato al capolinea: leggi, tagli e riforme, non possono riattivare l'accumulazione di valore, non sono risolutive per l'economia nazionale, interconnessa a quella mondiale. I difensori dell'esistente, dai sindacatoni ai sindacatini fotocopia, si scandalizzano per la perdita dei "diritti" e invitano a lottare per ritornare ad un inquadramento sindacale che non c'è più. Non sono le leggi che producono la precarietà, ma è vero il contrario. Nel frattempo i contratti atipici sono diventati tipici, e anche i lavoratori a tempo indeterminato subiscono il peggioramento delle condizioni di lavoro. Si potrà snellire il mercato del lavoro e annichilire temporaneamente la capacità di contrattazione tradizionale, ma nello stesso tempo, e proprio per questo, si obbligheranno i proletari ad agire non secondo gli attuali schemi, bensì a ritrovare la forza nell'organizzazione immediata territoriale.

Articoli correlati (da tag)

  • Grandi conferme

    Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 16 compagni, abbiamo affrontato i grandi fatti della settimana appena trascorsa, ovvero le manifestazioni e le rivolte scoppiate in Sri Lanka, Albania, Kenya, Panama, Corea del Sud, Ghana, Bosnia, Argentina e India, sull'onda degli aumenti dei prezzi dei generi di prima necessità e del carburante.

    Le conferme alle nostre previsioni arrivano sia dalla prassi, con la diffusione a livello globale di quello che qualche anno fa abbiamo definito "marasma sociale e guerra", sia a livello teorico, e qui ci riferiamo all'editoriale dell'ultimo numero di Limes ("La guerra russo-americana", 6/22) in cui si afferma che comunque vada a finire questa guerra, il mondo non sarà più quello di prima:

    "Da questo conflitto nascerà un nuovo disordine mondiale. Non un ordine, perché chiunque vinca, o sopravviva, non sarà in grado di riprodurre la Pax Americana. Nemmeno l'America. Washington resterà il Numero Uno per carenza di alternative. Ma il capoclassifica non potrà ostentarsi egemone globale, né forse lo vorrà. Ridurre ad unum questa Babele d'otto miliardi di anime e diverse centinaia di attori o comparse geopolitiche è affare di Dio, non di Cesare. Per quanto intuiamo, Dio non è interessato all'impresa. Preghiamo."

    Gli esperti di geopolitica si affidano al buon Dio per uscire dal caos, noi invece riteniamo che siano i processi di auto-organizzazione sociale a rompere gli equilibri precedenti facendo fare un balzo in avanti all'umanità. Superata una certa soglia, si determina una "polarizzazione" o "ionizzazione" delle molecole sociali, che precede all'esplosione del grande antagonismo di classe.

  • Guerra civile in America

    Durante la teleriunione di martedì sera, connessi 15 compagni, abbiamo ripreso l'articolo dell'Economist citato la volta precedente, "Dall'inflazione all'insurrezione", che sulla base di un modello matematico, elaborato dalla testata stessa, prevedeva l'intensificarsi delle rivolte per i prossimi dodici mesi.

    Nel giro di una settimana l'elenco (parziale) delle proteste riportato nel precedente resoconto si è già allungato. L'ultima in ordine di tempo è lo sciopero indetto dagli addetti alle piattaforme petrolifere e del gas norvegesi del mare del Nord, che potrebbe mettere a rischio circa il 60% delle esportazioni di gas dalla Norvegia con ricadute a livello internazionale. In Olanda, il piano del governo per la riduzione delle emissioni di azoto, che porterà entro il 2030 ad una diminuzione del parco bestiame del 30%, ha provocato le proteste degli allevatori che hanno bloccato le maggiori arterie stradali del paese. In Libia, si intensificano le manifestazioni contro il peggioramento delle condizioni di vita a causa del carovita e delle lunghe interruzioni della fornitura di energia elettrica, aggravate dal blocco di diverse installazioni petrolifere; a Tobruk i manifestanti hanno assaltato l'edificio del Parlamento e hanno compiuto saccheggi. In Ghana, un'inflazione galoppante ha portato all'aumento del prezzo di cibo e carburante; in migliaia hanno protestato nella capitale Acca e si sono verificati scontri con le forze dell'ordine. L'elenco potrebbe continuare e, nonostante non tutti gli episodi di protesta trovino spazio sui media mainstream, oppure vi compaiano in maniera frammentata, rimane il fatto che non vi è area del pianeta in cui la temperatura sociale non stia salendo.

  • Dall'inflazione all'insurrezione

    Durante la teleconferenza di martedì, a cui si sono collegati 15 compagni, abbiamo parlato dell'aumento del prezzo di cibo e carburante, di proudhonismo risorgente, delle caratteristiche dei futuri movimenti rivoluzionari.

    Recentemente The Economist ha pubblicato due articoli sulle conseguenze sociali derivanti dal carovita. Il primo ("Hungry and angry"), più riassuntivo, mette in guardia dall'arrivo di una nuova ondata di agitazioni e disordini; il secondo, una versione estesa dal titolo significativo ("From inflation to insurrection"), descrive più dettagliatamente la situazione dei paesi sull'orlo di una crisi sociale ed economica, ed è accompagnato da una cartina in cui sono evidenziate le zone del mondo dove si prevede il manifestarsi di gravi focolai di disordini nei prossimi dodici mesi. Per elaborare la propria previsione, il settimanale inglese ha costruito un modello statistico, basato sui dati raccolti da un progetto di ricerca globale sugli "eventi di agitazione" (ACLED) dal 1997, per valutare la relazione tra inflazione e rivolte, ed ha scoperto che l'aumento dei prezzi di cibo e carburante è il più forte presagio di instabilità politica e sociale.

    L'ultima volta in cui il mondo ha subito uno shock sui prezzi dei prodotti alimentari è scoppiata la Primavera araba, che ha portato ad un'ondata di rivolte e, in alcuni casi, a vere e proprie guerre civili (Siria e Libia). Oggi, lo shock economico si inserisce nel contesto della guerra in Ucraina e lascia presagire una nuova ondata di marasma sociale. L'aumento dei prezzi di cibo e carburante è la forma di inflazione più atroce, dice l'Economist, quella che incide maggiormente sulle popolazioni, soprattutto dei paesi poveri, che possono rimandare l'acquisto di beni secondari ma non possono smettere di mangiare o di utilizzare i trasporti per fare la spesa o andare al lavoro.

Rivista n°51, giugno 2022

copertina n°51

Editoriale: La guerra che viene

Articoli: Guerra in Europa
Appendice 1. La Quarta Guerra Mondiale
Appendice 2. La sindrome di Yamamoto
Guerra di macchine
Wargame - parte seconda

Doppia direzione: Considerazioni sulla pandemia

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email