Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  12 luglio 2016

Convergenza e orientamento delle molecole sociali

La teleconferenza di martedì 12 luglio è cominciata facendo il punto sulla situazione dei lavori nella nuova sede.

Si è poi passati a parlare dei fatti di Dallas e delle loro conseguenze. Tra i vari commenti che si possono ascoltare in Rete, da segnalare la videointervista a Paolo Flores d'Arcais pubblicata su Repubblica.it e intitolata Da latente a vera: è guerra razziale. Il direttore della rivista MicroMega sostiene che negli Stati Uniti è in corso una guerra tra la popolazione afroamericana e le forze di polizia.

Più che un conflitto tra neri e bianchi, negli Stati Uniti si sta profilando uno scontro di classe in uno scenario che ricorda quello illustrato nel 2003 in Teoria e prassi della nuova politiguerra americana (n+1, n°11): la distinzione tra guerra interna e guerra esterna si fa sempre più sfumata e se da una parte i corpi di polizia interni si militarizzano, dall'altra l'esercito si specializza in compiti di polizia internazionale.

L'articolo del Manifesto Così cambia la strategia di Black Lives Matter riporta che i militanti del movimento (BLM) nelle ultime mobilitazioni hanno cambiato metodo di azione, evitando lo scontro diretto con la polizia e puntando invece all'occupazione e al blocco delle autostrade, "pratica comune anche per Occupy Wall Street, movimento affine a Black Lives Matter ma composto prevalentemente da bianchi." Le iniziative e le manifestazioni spontanee di BLM, a cui gli account Facebook e Twitter di OWS danno copertura, non rivendicano qualcosa in particolare ma si scagliano contro la violenza della polizia e più in generale contro lo stato di cose presente.

A differenza della prima ondata di protesta (2011) che ha visto la nascita di Occupy Wall Street, questa volta entrano in scena le armi con caduti da ambo le parti, e ciò significa che potrebbe mettersi in moto qualcosa di veramente grosso nel "ventre della balena". Come si vede nelle foto dei cortei e delle manifestazioni di BLM, il movimento non è composto esclusivamente da afroamericani ma molti partecipanti sono bianchi.

Ne la La fine della libertà, lo scrittore e saggista americano Gore Vidal, partendo dall'intervista dell'autore dell'attentato di Oklahoma City, arriva a comporre un quadro sociale del Paese diverso da quello utilizzato in occasioni di questo tipo che prevede la figura dell'individuo squilibrato e isolato dalla società. Gli Stati Uniti pullulano di organizzazioni armate, la tensione sociale è alle stelle e la tendenza che ne emerge non è certo quella delle azioni isolate di qualche fuori di testa. Secondo Vidal, il vero pericolo è quello di veder alienato per sempre un diritto inalienabile: la libertà individuale. Lo stesso 11 settembre, afferma ne Le menzogne dell'Impero e altre tristi verità, è stato un pretesto per un suo potente restringimento.

A proposito di polarizzazione negli Stati Uniti, in un quartiere periferico di Dallas, racconta un articolo della Stampa, si è costituito un gruppo, le nuove Pantere Nere, che organizza ronde di afroamericani armati. Gli Usa sono i primi al mondo sia in qualità di esportatori che di importatori d'armi e sono ben 300 milioni quelle presenti ad uso personale sul territorio nazionale (si calcola che 89 americani su 100 posseggano armi leggere). Nessun Presidente è mai riuscito a fermare la lobby che governa questo settore e il risultato è quello di ritrovarsi con una popolazione armata fino ai denti. Anche in questo caso è lo zombie capitalistico che produce e distribuisce i mezzi che lo seppelliranno.

Un compagno ha segnalato che si sono svolte manifestazioni di Black Lives Matter anche a Londra. Da quando il fenomeno delle rivolte è diventato globale, non passa mese che non succeda qualcosa d'importante in qualche parte del mondo. Ovviamente gli Stati Uniti, essendo la punta avanzata del capitalismo, esprimono il massimo di antiforma.

Sulla copertina dell'ultimo numero dell'Economist, The Italian job, un pullman dipinto con i colori della bandiera italiana e con la scritta "Banca" sulla fiancata si trova in bilico su un burrone. Secondo la rivista inglese l'Italia sarà la prossima a dover affrontare una crisi bancaria. Anche il Sole 24 Ore riprende il tema e nell'articolo Da Berlino a Lisbona: ecco la mappa delle banche a rischio in Europa stila l'elenco degli istituti europei in pericolo, sottolineando la complessità della vicenda: "[...] dopo anni di crisi, è l'intero sistema creditizio europeo a soffrire. Far finta di niente sarebbe miope."

La tempesta perfetta si avvicina: assistiamo sempre più frequentemente a fenomeni di sincronia delle molecole sociali. Da questo ribollire ci aspettiamo la nascita e la crescita del partito dell'antiforma: man mano che lo scontro di classe si acutizza, esso si organizza a livelli superiori. Apparentemente caotico, il marasma sociale in corso dal 2011 ad oggi ha in realtà un ordine soggiacente che arriva dal futuro, ed è importante vedere il processo di formazione dell'organo della rivoluzione come il risultato di uno sconquasso a livello mondiale.

La teleconferenza si è quindi conclusa con alcune considerazioni sugli schemi del capovolgimento della prassi presenti in Teoria e azione nella dottrina marxista del 1951, schemi che descrivono un flusso di forze che da caotiche diventano orientate e infine convergono verso lo stato di maggiore efficienza sociale (conoscenza e potenza utili al rovesciamento della prassi).

Articoli correlati (da tag)

  • Al virus non serve il passaporto

    La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 15 compagni, è iniziata commentando le ultime notizie in merito alla diffusione del coronavirus.

    In Italia il primo caso di infezione da Covid-19 è stato annunciato lo scorso 21 febbraio. Nel giro di pochi giorni sono risultate infette decine di persone tra Lombardia e Veneto, e ad oggi le cifre ufficiali contano 325 contagiati e 11 decessi. Durante la scorsa teleconferenza avevamo notato che la paura legata al virus è dovuta non tanto alla mortalità (stimata tra il 2 e il 3%) quanto al potenziale di persone contagiate da un soggetto infetto che, secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, (OMS) si aggira tra l'1,4 e il 3,8. Se chi è infetto non contagia altri, la diffusione si arresta da sola; al contrario, se il rapporto di trasmissione è maggiore di 1, siamo in presenza di un principio di epidemia. Di fronte a questa situazione le opinioni si sovrappongono ai fatti o addirittura li sostituiscono. Ad esempio sta diventando virale (in sintonia con l'oggetto in discussione) la convinzione che le misure di contenimento adottate dal governo italiano siano esagerate, perché, tutto sommato, quella prodotta dal coronavirus non è che un'influenza e, paragonando le cifre, produce meno morti di un morbo stagionale. L'assunto dell'esagerazione è semplicemente un falso: il coronavirus ha causato finora meno decessi delle influenze stagionali solo perché il suo contenimento, bene o male, è stato attuato, mettendo in pratica i protocolli definiti dall'OMS.

  • Lotta contro la guerra, lotta contro il capitalismo

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 13 compagni, è iniziata parlando di quanto accade in Iran.

    Come avevamo detto nella scorsa teleconferenza ("La guerra nel mondo globalizzato esiste sempre"), non è "scoppiata" nessuna particolare guerra tra America e Iran, per la semplice ragione che quest'ultimo paese non ha i mezzi per rispondere alla potenza militare degli Usa; l'attacco dell'8 gennaio alle basi irachene che ospitano anche i militari Usa, non solo ha causato pochi danni, ma secondo alcune fonti giornalistiche sarebbe stato annunciato preventivamente alle autorità locali. Abbattendo il volo ucraino con 176 passeggeri a bordo, l'Iran ha compiuto un grande errore militare, scambiando un aereo civile per un velivolo nemico. In seguito a questa tragedia, gli studenti iraniani hanno manifestato contro il governo e i vertici del regime islamico, in primis contro l'ayatollah Khamenei. Dopo la rivolta di novembre dello scorso anno, repressa nel sangue dalle forze di polizia, la propaganda di regime degli ultimi giorni descriveva una società compatta contro il nemico americano, ed invece le proteste sono tornate mostrando un fronte interno tutt'altro che pacificato.

    La cosa importante del presente "ciclo" di manifestazioni in Libano, Iraq, Cile, Francia, Iran, e in ultimo Martinica e Guadalupe, è il fatto che i manifestanti prendono di mira il proprio governo, la propria borghesia, arrivando alla conclusione che il nemico è prima di tutto in casa.

  • La guerra nel mondo globalizzato esiste sempre

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata con alcune considerazioni riguardo l'attacco missilistico americano vicino all'aeroporto di Baghdad, che è costato la vita al generale iraniano Qassam Soleimani e alla sua scorta.

    Contrariamente a quanto affermato dal settimanale l'Internazionale, gli Stati Uniti non hanno iniziato con questa azione una guerra contro l'Iran, dato che un conflitto è già in corso da tempo: nel mondo globalizzato d'oggi la guerra esiste sempre, anche quando tacciono i cannoni. Nell'articolo "Dall'equilibrio del terrore al terrore dell'equilibrio", analizzando le trasformazioni avvenute negli ultimi cinquant'anni, abbiamo scritto che "la guerra all'ultimo sangue tra concorrenti non avviene più per conquistare aree di sbocco alle proprie merci e capitali ma per ripartire il plusvalore prodotto in un mondo ormai interamente conquistato dal Capitale."

    Soleimani rappresentava un importante hub nella rete di rapporti che l'Iran ha costruito negli anni in Libano, Yemen, Siria e Iraq, ottenendo risultati militari e politici non indifferenti. Il missile che ha colpito il suo generale nella capitale irachena è quindi un avvertimento, al quale potrà rispondere solo con azioni simboliche, o al massimo creando fastidi intorno all'importante stretto di Hormutz. Ma in ogni caso non potrà pestare troppo i piedi agli Stati Uniti, per il semplice motivo che non ne ha la forza.

Rivista n°47, aprile 2020

copertina n°47f6Editoriale: Ingegnerizzazione sociale
f6Articolo: La grande socializzazione. Dal cooperativismo socialdemocratico al corporativismo fascista, dal comunismo di fabbrica alla fabbrica-comunità del padrone illuminista
f6Articolo: Prove di estinzione (la dottrina del rimedio)

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 240, 4 giugno 2020

f6Un virus opinabile

f6Riprendono i contagi

f6Ecologia ed ecologismo

f6Necessità del rivolgimento sociale

f6Fine pandemia?

f6Feroce equilibrio darwiniano

f6Rimanere sul mercato

f6Ricchi e poveri

f6Effetti pandemici sull'economia dei maggiori paesi d'Europa

f6Scialuppe di salvataggio

f6Tutto a posto, quindi?

Leggi la newsletter 240 - Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email