Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  19 luglio 2016

Colonizzazione interna

Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 13 compagni, abbiamo discusso dei numerosi avvenimenti della settimana - la strage di Nizza, il golpe in Turchia, i fatti di Armenia, gli omicidi di Baton Rouge, gli attacchi all'arma bianca in Germania, ecc.– che, per quanto diversi o peculiari di ogni paese, vanno riferiti ad un contesto mondiale che si sta configurando come guerra civile diffusa. Con le dovute differenze, in molte aree del pianeta si fa sempre più marcata la contrapposizione armata tra parti della stessa società.

Riguardo al tentato e fallito colpo di Stato in territorio turco, conviene riprendere alcuni degli aspetti messi in luce nell'articolo L'Europa virtuale e i nuovi attrattori d'Eurasia: la Turchia come fulcro dinamico. Potenza proiettata sull'Eurasia (si appoggia su una fascia turcofona che arriva fino in Cina), aderente alla NATO (coinvolgimento di tutti gli schieramenti in loco), con una crescita del Pil di tutto rispetto e un forte proletariato, la Turchia ricopre un ruolo importantissimo nel contesto generale. Il processo di islamizzazione avviato da Recep Tayyip Erdogan non solo ha spiazzato molti ma sta scombinando gli equilibri e i sistemi di alleanze nell'area.

Dopo i primi lanci di agenzia sul golpe dello scorso 15 luglio, in molti avranno pensato ad una reazione dell'ala kemalista dell'esercito che, nonostante le epurazioni di Erdogan degli ultimi anni, mostrava così di mantenere ancora una certa influenza nell'apparato. Poi è arrivata la versione ufficiale: tutto sembrerebbe partito dall'imam Fetullah Gülen, un predicatore mussulmano, studioso dell'Islam e proprietario di banche, supermercati, scuole e con una forte base di appoggio in Turchia, che a seguito della rottura con il Presidente turco si stabilisce in Usa, probabilmente aiutato dalla Cia. E forse non è sbagliato pensare che tra il golpe e quest'ultima ci sia un nesso. Qualcosa però non quadra, perché un colpo di Stato fallito comporta una repressione tremenda, che difatti Erdogan non ha tardato a mettere in atto con migliaia di epurati nella magistratura, nei servizi segreti e, soprattutto, nelle forze armate. Eppure nessun governo che sviluppi pessimi rapporti con l'esercito appoggiandosi solo sulle forze di polizia può resistere a lungo (soprattutto se spaventa i mercati).

Un altro elemento da considerare riguardo la vicenda e soprattutto la sua evoluzione è il rapporto tra Turchia e Russia. Tra i due paesi l'inimicizia è storica e per ora non sembrano esserci grandi cambiamenti (non sono da escludere accordi contingenti), ma in una situazione del genere anche questo equilibrio potrebbe cambiare.

Stiamo vivendo la quarta guerra mondiale e si sta preparando il terreno per uno scontro di proporzioni mai viste. Iraq, Siria, Libia, Turchia... e negli Stati Uniti che cosa sta accadendo? Il giornalista Vittorio Zucconi non ha scrupoli a parlare di guerra civile diffusa, "nella quale sono gli abitanti, i cittadini, le forze di polizia, a uccidersi fra di loro, all'interno della collettività stessa nella quale vivono e sono cresciuti, che siano bianchi, afro, arabi, asiatici, nati o naturalizzati. E' la guerra di noi contro di noi". Lo scrittore Gore Vidal, citato anche nello scorso resoconto, ha descritto efficacemente le ragioni che hanno portato a questa situazione: negli Usa si sta mettendo in moto qualcosa di profondo, che affonda le radici nel fatto che una parte della popolazione non gode dei diritti civili.

Nel diritto anglosassone la mancanza di habeas corpus significa che una minoranza della popolazione sottomette la maggioranza. E' vero che si tratta di sovrastruttura, ma di fatto milioni di americani sono senza diritti rispetto ad altri e ciò comincia ad emergere con sempre maggiore violenza. Sparatorie e omicidi sono i segnali epifenomenici di un colonialismo interno. Da Imprese economiche di Pantalone (1950): "Presto la lotta per la supremazia industriale ridiventa lotta per i mercati e i giacimenti coloniali; siamo alla terza fase imperialista attuale, in cui, con Lenin, vediamo gli aspetti parassitari del capitalismo, il capitale finanziario, l'esportazione del capitale, la finanza statale, ritornare in piena luce. Nell'ultimo colonialismo, i bianchi colonizzano i bianchi."

La politica coloniale, che ha coinvolto e corrotto la popolazione americana, adesso le si ritorce contro, non continua solo verso l'esterno, ma si afferma anche all'interno. La conseguenza è tremenda: gli Stati Uniti sono una colonia di sé stessi (Teoria e prassi della nuova politiguerra americana – L'invasione degli ultracorpi).

Anche il Brasile vive un periodo piuttosto critico. Nonostante la miseria dilagante e il rischio default, nel Paese si stanno preparando le Olimpiadi. E' di questi giorni la notizia dell'arresto di alcune persone accusate di terrorismo; la polizia brasiliana ha dichiarato che non si possono escludere attacchi di "lupi solitari" ispirati all'IS. Inoltre le forze dell'ordine sono in allerta per il profilarsi di manifestazioni di protesta e mobilitazioni da parte dei lavoratori per ottenere aumenti salariali. Sarà interessante vedere come evolveranno le cose, d'altronde ciò che non è accaduto durante i Mondiali di calcio potrebbe verificarsi con i giochi olimpici del 2016.

Ma la situazione è la medesima in tutto il mondo: la militarizzazione della polizia brasiliana per le Olimpiadi fa venire in mente l'enorme schieramento di forze dell'ordine disposto a Cleveland, negli Usa, per il congresso dei Repubblicani; oppure l'impiego, in atto da mesi, di decine di migliaia di poliziotti in Francia per far fronte allo Stato d'emergenza. La classe dominante ha grossi problemi a mantenere un assetto ordinato della propria società ed è costretta ad attrezzare corpi armati che tengano insieme il tutto nell'ottica del colonialismo interno. La militarizzazione delle forze di polizia è ormai un fatto assodato e va di pari passo con l'aggravarsi della crisi e l'aumento del marasma sociale. Dopo questo, non c'è altro: se anche le misure repressive risultano inefficaci, saltano i rapporti sociali vigenti.

Per questo motivo possiamo dire che ci sono tutti gli elementi affinché da diffusa la guerra civile si faccia generalizzata. Significativo l'esempio del Messico, dove la lotta dei maestri della CNTE per migliori condizioni di lavoro e di vita si è velocemente trasformata in una guerra contro governo e apparati di sicurezza. La dimensione della lotta di classe è questa e indietro non si torna.

Di fronte ad una situazione che sta velocemente degenerando, che fine ha fatto il movimento francese? E quello americano?

Nonostante il processo di polarizzazione in atto oggi non esiste un movimento sociale antiforma. Probabilmente la situazione dovrà peggiorare ulteriormente perché si faccia strada qualcosa di nuovo.

Articoli correlati (da tag)

  • Caoslandia

    Durante la teleconferenza di martedì sera, presenti 26 compagni, abbiamo ripreso i temi affrontati durante lo scorso incontro redazionale (13-14 marzo 2021). In particolare, abbiamo approfondito alcuni aspetti della relazione di sabato mattina, "Il rapporto Cina-Stati Uniti nel corso della cosiddetta crisi sistemica", riguardo gli scenari di guerra futuri.

    Da tempo escludiamo la possibilità dello "scoppio" di una guerra di tipo classico, con schieramenti netti e con grandi colossi, ad esempio Cina ed Usa, contrapposti apertamente sul campo. Alcune discussioni all'interno del vecchio partito comunista internazionale vertevano proprio intorno alla validità della proposizione bolscevica "trasformare la guerra imperialista in guerra rivoluzionaria". Amadeo Bordiga, quando parlava di terza guerra mondiale, ipotizzava un conflitto esteso a livello globale, e in occasione del conflitto in Iraq nel 2003 abbiamo avuto conferma della validità di tale posizione: il mondo è troppo grande per il controllo ad opera di un solo paese, ma è altresì troppo piccolo per garantire sviluppo e profitti a tutti. Anche gli esperti borghesi sono giunti a prevedere una guerra futura generalizzata, mentre Papa Francesco, già da qualche anno, fa riferimento ad una terza guerra mondiale combattuta a pezzi. Ogni guerra inizia dove finisce l'altra: indubbiamente l'attuale assetto imperialistico è quello determinatosi nel 1945 alla fine della seconda guerra mondiale, però oggi gli Stati Uniti e il resto del mondo non sono più gli stessi. Nessun paese è in grado di scalzare gli Usa, con le loro 800 basi militari disseminate su tutto il pianeta, alla guida del mondo, ma allo stesso tempo il gendarme mondiale si mostra sempre più acciaccato ed economicamente dipendente dall'estero.

  • Assalto a Capitol Hill

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 22 compagni, è iniziata con alcune considerazioni riguardo i recenti avvenimenti negli USA, con particolare riferimento all'assalto al Campidoglio a Washington il 6 gennaio scorso.

    Nel secondo dopoguerra la nostra corrente ha scritto molto sugli Stati Uniti e sul loro ruolo di gendarme del capitalismo (materiale raccolto nel quaderno America). Vinta la seconda guerra mondiale, hanno annientato l'influenza delle vecchie nazioni imperialiste europee cacciando i colonialismi francese e soprattutto inglese dal nord Africa e dal Medioriente, e posizionando le loro portaerei ovunque. Produttori per lungo tempo di oltre metà del PIL globale, oggi invece ne rappresentano il 20%. La potenza egemone, e sappiamo che non si può parlare dello stato americano e del suo divenire senza parlare della salute del capitalismo intero, sta perdendo energia e vede mutato il suo rapporto con il resto del mondo a livello economico e militare. In Afghanistan si è ritirata accordandosi con i talebani, e in Iraq, dopo il disfacimento dello stato centrale, ha dovuto fare i conti con lo Stato Islamico. Insomma, la crisi degli USA è una delle varie tappe della più generale crisi sistemica del modo di produzione attuale.

  • Transizioni, dissoluzioni e accelerazioni

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 20 compagni, è iniziata facendo il punto sulla pandemia da Coronavirus.

    Al 24 novembre 2020 i decessi nel mondo a causa di Covid-19 hanno raggiunto la cifra di un milione e 400 mila, mentre sono quasi 60 milioni i contagiati. L'Italia è il terzo paese per letalità (rapporto tra ammalati e morti) con un totale di 50 mila deceduti. Si ipotizza che ciò sia dovuto all'età media piuttosto alta della popolazione o al tipo di assistenza sanitaria. Dopo un'estate all'insegna del "liberi tutti" per salvare la stagione e rilanciare l'economia, a settembre si è verificata una nuova impennata dei contagi e sono state attuate nuove (blande) misure di contenimento; ora governatori di regione e imprenditori spingono per la riapertura delle attività commerciali, probabilmente mettendo in conto una terza ondata.

    La motivazione principale di chi sostiene l'alleggerimento delle restrizioni è l'arrivo nei primissimi mesi del prossimo anno del vaccino, che incarna la speranza di un ritorno alla "normalità" ed alla vita di prima. Nel frattempo in Italia più della metà delle aziende ha fatto ricorso alla cassa integrazione, e dall'inizio della pandemia il governo ha adottato diverse misure di sostegno al reddito, a lavoratori, esercenti, imprenditori, ha bloccato il pagamento dei mutui, ha concesso deroghe per gli adempimenti fiscali. Questo insieme di normative ha impedito il crollo dell'economia, ma esse ora rischiano di diventare strutturali, allarmando già qualche liberista che lamenta un eccesso di statalismo. Se la capacità industriale, nonostante tutto, è rimasta intatta, essa però altro non fa che rendere oltremodo saturo un mercato già ingolfato. Lo Stato non ha scelta, deve sostenere i consumi; allo stesso tempo, così facendo, concorre alla determinazione di una situazione di transizione che rappresenta qualcos'altro rispetto all'economia di mercato.

Rivista n°49, aprile 2021

copertina n°49

Editoriale: Socialità e socializzazione

Articoli: La dottrina sociale della Chiesa - La grande scommessa - La pandemia e le sue cause

Terra di confine: Virtualizzazione

Recensione: Teoria particolare dei sistemi

Doppia direzione: L'ipertesto

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 243, 7 maggio 2021

f6Grazie, stato

f6Lockdown alla cinese

f6Chi troppo in alto sal…

f6Il posto più pericoloso del mondo

f6Il nato e il prodotto

Leggi la newsletter 243
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email