Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  27 agosto 2019

Un'ipotesi estrema contro la recessione

La teleconferenza di martedì sera, presenti 11 compagni, è iniziata con l'analisi della situazione politica italiana in relazione alla probabile formazione di un governo PD-M5S. Abbiamo ribadito che qualsiasi governo si formerà di qui ai prossimi giorni non potrà che adoperarsi per il controllo centralizzato dell'economia, il sostegno al sistema produttivo interno e la gestione degli effetti sociali dell'andamento economico. Totalitaria è la forma di dominio fascista, con lo Stato che passa sotto il controllo del Capitale come strumento indispensabile per intervenire nella società, sia come ammortizzatore sociale (carota) che come repressione (bastone). In "Tracciato di impostazione" (1946) è scritto che:

"Lo svolgimento politico dei partiti della classe borghese in questa fase contemporanea, conduce a forme di più stretta oppressione, e le sue manifestazioni si sono avute nell'avvento dei regimi che sono definiti totalitari e fascisti. Questi regimi costituiscono il tipo politico più moderno della società borghese e vanno diffondendosi attraverso un processo che diverrà sempre più chiaro in tutto il mondo."

Quindi, al di là delle alchimie politiche di cui l'Italia è maestra, il prossimo governo avrà dei margini di manovra ridotti, dato il livello di (non) crescita del Pil combinato con un debito pubblico che tocca i 2.386 miliardi di euro. E' abbastanza chiaro che il sostegno di molti sinistri all'alleanza PD-M5S in funzione antifascista, non è che il solito partigianesimo risorgente e tenace che preferisce una parte della borghesia rispetto all'altra. Ma il fascismo non è il prodotto del Salvini di turno che fa i decreti sicurezza, bensì dell'esperienza statale fascista sperimentata durante il Ventennio e da cui non si è più tornati indietro. Tant'è vero che alcuni enti istituiti negli anni Trenta non sono stati soppressi dai successori post-fascisti (IMI, IRI, ecc.).

Nell'articolo "Lo Stato nell'era della globalizzazione", abbiamo analizzato la perdita di energia degli stati nella gestione dell'economa e della società, causa di una condizione di ingovernabilità che ha influito sullo sviluppo di movimenti anti-sistema. Ad oggi gli stati collassati cominciano ad essere tanti, dal Nordafrica al vicino Medioriente; si tratta di paesi che sotto il peso di manifestazioni di massa, poi trasformatisi in guerra civile, si sono polverizzati, finendo in mano a mafie, tribù e signori della guerra, e anticipando quanto potrebbe succedere in zone più importanti dal punto di vista geostrategico. In Francia, prima con la rivolta delle banlieue, poi con gli attacchi di gruppi islamici collegati all'IS, ed infine con i gilet gialli, si è avuto il potenziamento degli esecutivi e la militarizzazione delle forze di polizia. Lo stato centrale è stato costretto a blindarsi. Più che un segno di forza, è un segno di debolezza.

Sempre più manifestazioni, pur mancando un indirizzo preciso, sono dichiaratamente contro lo Stato, e questo è l'aspetto più importante. Secondo alcuni sinistri, le cosiddette rivoluzioni colorate sarebbero generate e fomentate dagli americani. E' vero che un paese imperialista come gli Usa non può fare a meno di intervenire ovunque, ma è il Capitale a dominare sugli stati e questi non possono muoversi in autonomia. Quando milioni di persone scendono in piazza per mesi, significa che esistono motivazioni più profonde che non l'intervento di intelligence straniere. Il cinema, in primis quello hollywoodiano, sforna ogni anno film su spie infiltrate in ogni dove, terroristi che cercano di uccidere presidenti, stati in mano ad élite e gruppi finanziari malvagi. Questa società descrive se stessa e produce rappresentazioni artistiche dai contenuti molto chiari, ma bisogna stare attenti a non confondere la sovrastruttura politica con la struttura materiale del capitalismo.

Si è poi passati a commentare l'articolo "C'è un'ipotesi estrema contro la recessione: far piovere soldi sui conti correnti privati" pubblicato sul sito dell'AGI. Secondo la BlackRock, società americana di investimento e gestione di valori, la recessione è incombente e visto che "le politiche monetarie e quelle di bilancio hanno esaurito il loro spazio... serve un risposta senza precedenti". Gettiamo i soldi dagli elicotteri, dicono. Tremonti, durante la crisi del 2008, affermava che l'economia è come un videogame: quando si uccide un mostro, si passa al livello successivo dove compare un mostro più grande che si può eliminare solo con armi più potenti. A dieci anni dalla crisi dei mutui subprime, è dato per certo dai maggiori centri studi borghesi l'arrivo di un'ondata di panico sui mercati finanziari: prestare soldi alle banche non ha fatto sì che queste li versassero nelle tasche dei cittadini, e allora per fronteggiare una nuova crisi perché non mettere i soldi direttamente nei conti correnti? Qualche tempo fa l'erogazione di un reddito di cittadinanza sembrava impossibile, eppure in Italia sono stati costretti a prendere tale provvedimento e nei fatti migliaia di persone oggi sono coperte da tale misura. Uno dei candidati democratici alle prossime presidenziali americane, Andrew Yang, sta impostando la sua campagna elettorale sul reddito di base incondizionato, e il prossimo 21 settembre la rete Basic Income New York organizzerà una marcia cittadina per chiederne la realizzazione. L'esigenza del capitalismo di riattivare i consumi s'incrocia con quella di chi ha bisogno di un salario per vivere. E nel momento in cui il reddito di stato diventa qualcosa su cui migliaia di persone fanno affidamento, toglierlo diventa un problema. I governanti non possono stare con le mani in mano mentre aumentano precarietà, disoccupazione e miseria, ma guai a quella società che invece di sfruttare i propri schiavi è costretta a mantenerli (Marx).

Il reddito di cittadinanza serve ad agire sulla propensione marginale al consumo, ma oggigiorno il capitalismo produce una quantità di merci impossibile da consumare. Se misure quali l'helicopter money o il reddito di base universale andassero in porto, aumenterebbero i consumi, gli investimenti e quindi il capitale costante; ma l'impiego di nuove macchine, robot e computer porterebbe ad ulteriori licenziamenti e ad una sovrappopolazione sempre più grande da sostenere. Questa società non sa fare altro che spostare i problemi più avanti nel tempo, ingigantendoli e rendendoli esplosivi. Engels faceva l'esempio dello scudo e del proiettile: aumentando la dimensione di uno aumenta anche quella dell'altro, ma raggiunta una certa soglia si verifica la catastrofe: è un processo che non può durare all'infinito.

Il capitalismo produce manufatti che non servono, brucia energia, dissipa un'immane quantità di lavoro sociale ma, allo stesso tempo, sviluppa il sistema dell'uomo-industria, che è la vera natura antropologica della nostra specie. L'insieme di macchine intelligenti libera sempre più lavoro umano e questo è un passaggio rivoluzionario che mina le fondamenta dell'attuale modo di produzione.

A questo punto, ha ancora senso la lotta rivendicativa? In futuro vedremo sempre più la nascita di organismi di tipo intermedio ma non necessariamente sindacal-rivendicativi. Data l'integrazione ormai irreversibile del sindacato nello Stato, sarà normale assistere alla formazione di organizzazioni partecipative di base in marcia verso una società che non c'è ancora, ma che preme dal futuro per realizzarsi. Nel mondo del (non) lavoro, basti prendere ad esempio il settore del food delivery, in cui è impossibile una dinamica sindacale di tipo classico e, infatti, la lotta diventa subito selvaggia, territoriale. Secondo i dati OCSE, dal 1985 ad oggi, la media di lavoratori affiliati ad un sindacato nei paesi membri è scesa dal 30 all'attuale 16%. Si sta dissolvendo il vecchio paradigma del sindacato organizzato per luoghi di lavoro. Il calo degli iscritti non è solo colpa dei bonzi sindacali, ma del fatto che i sindacati non hanno nulla da dire alle masse di precari che tirano avanti coi lavoretti. Disoccupato è colui che ha perso il posto di lavoro e ne attende un altro, mentre stanno nascendo generazioni di inoccupati che non avranno mai un posto di lavoro. Il cambiamento è così radicale che una parte della borghesia si fa portavoce di rivendicazioni storiche del movimento operaio come il salario ai disoccupati e la riduzione dell'orario di lavoro.

Proprio per questo, le forze combattenti che si presenteranno sulla scena non rivendicheranno più nulla ma si presenteranno come totalmente alternative al capitalismo. Non è un caso che tutti i movimenti nati negli ultimi anni sono tendenzialmente anti-Stato. Persino i giornalisti ammettono che le motivazioni della protesta di Hong Kong siano andate in secondo piano rispetto alla dinamica di scontro che si è determinata in piazza. Per concludere: bisogna evitare di fissarsi sulle forme organizzative perché la rivoluzione ne sceglie e uccide continuamente secondo una vera e propria selezione darwiniana. La rivoluzione non è questione di forme, ma di forza.

Articoli correlati (da tag)

  • La guerra e le sue conseguenze

    La teleriunione di martedì sera è iniziata commentando le ultime news sulla guerra.

    A Mosca un gruppo di miliziani, presumibilmente appartenenti a ISIS Khorasan (c'è una rivendicazione), ha preso d'assalto il teatro Crocus City Hall, causando oltre centotrenta vittime e centinaia di feriti. Quattro persone di nazionalità tagika sono state arrestate dai servizi di sicurezza russi mentre si dirigevano verso il confine ucraino.

    Con le informazioni a disposizione è difficile capire quali forze ci siano dietro all'attacco. I Russi affermano che è opera di "islamisti radicali", ma hanno denunciato anche il coinvolgimento di Ucraini, Americani e Inglesi. Negli ultimi anni la Russia ha visto sul suo territorio diversi attentati di matrice islamica (vedi teatro Dubrovka o scuola Beslan); quest'ultimo, però, si inserisce in un contesto particolare e cioè quello della guerra in corso in Ucraina, dove da una parte si sta consumando un conflitto classico combattuto tra eserciti nazionali, e dall'altra c'è l'impiego da ambo i fronti di partigianerie, mercenari e miliziani. I servizi segreti occidentali avevano avvertito per tempo della possibilità di un attentato in Russia e l'attacco al Crocus può essere considerato come un episodio della guerra mondiale a pezzi, simile alla strage del Bataclan di Parigi avvenuta nel 2015 e compiuta da gruppi legati a Daesh, che causò centrotrenta vittime. Qualche mese fa l'ISIS K ha rivendicato l'attentato a Kerman, in Iran, vicino alla tomba del generale Qassem Soleimani; l'attacco ha provocato oltre ottanta morti e centinaia di feriti.

  • Disordine crescente

    La teleriunione di martedì sera, a cui hanno partecipato 17 compagni, è iniziata affrontando il fenomeno delle "grandi dimissioni".

    È uscito Le grandi dimissioni. Il nuovo rifiuto del lavoro e il tempo di riprenderci la vita (Einaudi, 2023), un'analisi sociologica di Francesca Coin sul cambiamento del mondo del lavoro e della società. Sulla rivista abbiamo già avuto modo di recensire testi sulla fine del lavoro, sull'automazione e sulla "disoccupazione tecnologica"; il libro di Coin ha il merito di affrontare la nuova tendenza che si sta sviluppando in diversi paesi del mondo e che si risolve in una disaffezione crescente verso il lavoro salariato. Il fenomeno è esploso in concomitanza con la pandemia: nel 2021 negli Stati Uniti 48 milioni di lavoratori hanno deciso di licenziarsi, e nello stesso anno in Italia sono stati in 2 milioni a lasciare il posto di lavoro. Anche in Cina i lockdown hanno rappresentato un giro di boa, portando all'emersione dei fenomeni "Tang ping" ("sdraiarsi") e "Let it rot" (bailan, "lascialo marcire"): siccome il sistema si è rotto, i giovani cinesi pensano che tanto vale sdraiarsi e lasciare che esso marcisca. Come nota Coin, "in India come in Cina, da mesi si è diffusa una controcultura che mette in discussione l'etica del lavoro e l'obbligo al lavoro salariato."

  • Il problema dell'ingovernabilità

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 15 compagni, è cominciata dall'analisi di quanto sta succedendo in Israele, dove è stata approvata la prima parte della riforma giudiziaria con l'abrogazione della "clausula di ragionevolezza".

    Lo Stato d'Israele non ha una costituzione ma solo leggi fondamentali, e la Corte Suprema svolge un ruolo di preservazione della "democrazia". Questo organo si fa sentire quando vengono promulgate leggi considerate non idonee o quando vengono eletti politici indecorosi, appellandosi, appunto, alla "ragione". La modifica favorisce il primo ministro Benjamin Netanyahu, che ha dei guai con la giustizia, e il suo governo, che comprende partiti di estrema destra e fondamentalisti.

    Con l'avvicinarsi dell'approvazione della riforma le mobilitazioni hanno ripreso vigore e si sono radicalizzate, soprattutto a Tel Aviv, Haifa e a Beer Sheva. Lo scontro non si manifesta solo in piazza, con arresti e feriti, ma anche all'interno degli apparati statali. Riservisti, militari in servizio e anche forze di polizia sono scesi in piazza. Il capo del Mossad ha espresso viva preoccupazione per la crisi istituzionale, il Capo di stato maggiore dell'esercito non è stato ricevuto da Netanyahu. In Israele è in corso una forte polarizzazione politica in cui entrambi gli schieramenti si dichiarano difensori della democrazia, ed è proprio questo a preoccupare di più: è il sistema nel suo complesso ad essere andato in cortocircuito. Il leader dell'opposizione, Yair Lapid, ha dichiarato: "Vogliono fare a pezzi lo Stato, la democrazia, la sicurezza, l'unità del popolo di Israele e le nostre relazioni internazionali". Alle critiche di Lapid ha risposto Netanhyau: "La norma approvata oggi non è affatto la fine della democrazia, bensì la realizzazione del volere dell'elettorato e dunque l'essenza stessa della democrazia". Si prospetta anche la possibilità di uno sciopero generale. Il presidente americano Biden aveva consigliato al Primo Ministro di non avere fretta nell'approvare la proposta di legge per evitare di acuire la tensione, ma all'interno del governo israeliano ci sono forze ed equilibri che non permettono di rallentare la marcia. Israele è un avamposto degli USA: se dovesse collassare, tutto il Medioriente (e non solo) ne risulterebbe sconvolto. La banca Morgan Stanley e l'agenzia di rating Moody's hanno formulato un giudizio negativo sull'evoluzione economica del paese, e lo shekel sta perdendo valore sui mercati internazionali.

Rivista n°54, dicembre 2023

copertina n° 54

Editoriale: Reset

Articoli: La rivoluzione anti-entropica
La guerra è già mondiale

Rassegna: Polarizzazione sociale in Francia
Il picco dell'immobiliare cinese

Terra di confine: Macchine che addestrano sè stesse

Recensione: Tendenza #antiwork

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email