Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  12 marzo 2019

L'industria della disoccupazione

La teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata commentando le ultime notizie in merito all'applicazione del Reddito di Cittadinanza (RdC) in Italia.

Il governo ha fissato alcuni criteri per l'avvio della misura economica, tra questi ci sono l'erogazione di 780 euro mensili per chi vive da solo e in affitto, e l'obbligo, per i Centri per l'Impiego, di proporre ai percettori del reddito un'occupazione che preveda un salario di almeno 858 euro. Nel frattempo pare che il conflitto tra Anpal e Regioni riguardo i navigator sia stato risolto: saranno 3 mila coloro che dovranno impegnarsi a trovare un lavoro alle centinaia di migliaia di senza riserve. Un compagno ha segnalato l'articolo "Quarantamila posti di lavoro per (non) trovare lavoro agli altri" di Sergio Rizzo, pubblicato su Repubblica il 10 marzo scorso, in cui vengono ricordate, oltre ai navigator, tutte quelle figure professionali impiegate presso i centri di formazione, le agenzie regionali, ecc., per la gestione dei senza lavoro. Si tratta, in media, di 1 addetto ogni 150 disoccupati, una quantità enorme di "risorse umane" che dovrebbero occuparsi del problema della disoccupazione per risolverlo, e invece vivono grazie ad esso.

Per ora le domande per il RdC si aggirano intorno a quota 500 mila e, al contrario di quanto pronosticato dagli osservatori borghesi, che prevedevano un boom nel Sud Italia, è la Lombardia a posizionarsi ai primi posti per numero di richieste. Gli economisti ragionano in termini di costi economici (quanto costeranno i controlli, quanto il sussidio potrà influire sui consumi, ecc.), ma in realtà bisognerebbe interrogarsi sulla quantità di energia sociale necessaria a mantenere in piedi il baraccone capitalistico ("Capitale e teoria dello sciupio"). In effetti la borghesia potrebbe risolvere in maniera meno dissipativa il problema disoccupazione, erogando un reddito di base incondizionato ed evitando il caos legato alle assunzioni dei navigator, all'obbligo di frequenza di inutili corsi di formazione o di lavorare a centinaia di chilometri da casa. Ma evidentemente esistono forti blocchi ideologici che impediscono alla classe dominante di superare la paura del "divano": "L'idea che il povero possa oziare ha sempre urtato i ricchi", diceva Bertrand Russell nella raccolta di saggi intitolata Elogio dell'ozio (1935).

Nell'articolo "L'outsoucing globale" abbiamo analizzato la crescita del fenomeno dell'esternalizzazione, tipico del capitalismo ultramoderno, notando che riguardo ad esso alcuni economisti borghesi hanno lanciato severi moniti, paventando gli effetti futuri di un'economia improduttiva che si auto-alimenta e cresce su sé stessa autonomizzandosi completamente. Se non vuole suicidarsi come classe, la borghesia in qualche modo deve aumentare la propensione marginale al consumo, misure di sostegno al reddito sono state adottate in molti paesi, per farsene un'idea basta andare sul sito Basic Income Network Italia. Il sindacato a sua volta, se facesse il proprio mestiere e cioè difendesse le condizioni di vita di occupati e disoccupati, dovrebbe incalzare il governo e fare in modo che il reddito sia il più universale possibile e sganciato dall'obbligo al lavoro; al contrario, le organizzazioni sindacali sono occupate a chiedere investimenti produttivi per far ripartire le assunzioni. Nei fatti, ci troviamo in un sistema che non ce la fa più ad accumulare, perché c'è troppa produzione, troppo capitale, troppa appropriazione privata di fronte all'esplodere della produzione sociale. E soprattutto perché ci sono salari troppo bassi ("Capitalismo che nega sé stesso").

Guai a quella società, diceva Marx, che invece di sfruttare i propri schiavi è costretta a mantenerli. E sappiamo che se anche questo governo dovesse cadere, il successivo non potrebbe fare a meno di mettere in piedi una qualche forma di sostegno al reddito perché ormai centinaia di migliaia di persone lo pretendono. Se passa l'idea che è lo Stato che deve mantenere i senza riserve, allora tale misura diventa un "diritto" che spetta a chi ne ha i requisiti.

L'orizzonte con cui dovrà misurarsi l'attuale classe dominante è quello del reddito di base incondizionato, come sostiene Philippe Van Parijs nel saggio Il reddito di base. Una proposta radicale. I governi non riescono ad affrontare di petto la questione dato che il sistema del lavoro salariato è basato sull'obbligo a lavorare per vivere e scardinare questo vincolo non è semplice. Il tema del RdC è dunque rivelante e merita di essere approfondito, anche perché l'avvio di questa misura su larga scala potrebbe svolgere una funzione ricompositiva in termini di classe: se i disoccupati che percepiscono il RdC si organizzassero per mettere in discussione le clausole lavoriste imposte dal governo, la controparte contro cui scagliarsi non sarebbe più il singolo capitalista ma direttamente lo Stato. Marx ed Engels affermano che quando inizia una lotta generalizzata per imporre una legge per la riduzione dell'orario di lavoro o per l'aumento dei salari, ciò porta la lotta economica a passare sul piano politico, a diventare lotta di classe. I senza riserve, sparpagliati e atomizzati, non hanno nessun potere, ma coordinati possono diventare una massa d'urto tremenda.

Di crisi ce ne sono state tante in questi ultimi decenni. Per esempio nel 1929, quando è iniziata la Grande Depressione che ha investito per primo chi aveva prestato denaro all'industria per il tramite della finanza. O nel 1987, quando nel giro di una settimana grandi masse di capitali si riversarono in azioni sui minerali nella borsa di Chicago, scatenando in tutti l'impressione che stesse per succedere qualcosa. Il 19 ottobre di quell'anno, il cosiddetto "lunedì nero", fu una giornata esemplare dal punto di vista del comportamento dei mercati azionari: in un solo giorno Wall Street perse il 23% del suo valore, Tokio scese del 15% e Hong Kong dell'11%. Eppure dopo pochi mesi era come se non fosse successo nulla, non era stato eroso capitale da investimento ed il sistema nel suo insieme non ne aveva sofferto, bruciando principalmente capitale fittizio: dal 1929 ad allora l'economia si era finanziarizzata e il legame con l'industria si era fatto sempre più sottile. Scenari simili avverranno nel prossimo futuro, solo che oggi esistono più di due milioni di miliardi di dollari in soli derivati, senza contare bot, investimenti statali, azioni, ecc. Al prossimo crack non sarà bruciata solo una certa quantità di carta o di bit, ma esiste il rischio che ad esplodere sia tutto il sistema del capitale fittizio, con effetti catastrofici per il resto dell'economia. Scrive Il Sole 24 Ore in un articolo del 6 dicembre 2018 a firma Antonella Olivieri:

"Il valore nozionale dei derivati in circolazione a livello mondiale potrebbe sfiorare la strabiliante cifra di 2,2 milioni di miliardi di euro, vale a dire 33 volte il Pil mondiale e quattro volte tanto quello che si pensava finora, amplificando in modo allarmante il rischio sistemico di prodotti per loro natura interconnessi. Rischio che ancora sfugge in gran parte ai tentativi di controllarlo. Basti pensare che la stessa regolamentazione di vigilanza bancaria è tuttora concentrata più sui rischi di credito tradizionali che sui rischi connessi all'innovazione finanziaria che - vedi il caso dei mutui subprime Usa - hanno dimostrato di essere in grado di seminare recessione su scala globale."

In chiusura di teleconferenza si è accennato alle ultime notizie sulla Via della Seta che vede coinvolta anche l'Italia, ed in particolare i porti di Trieste e Venezia. Roma è l'unica capitale europea ad avere rapporti così stretti con Pechino, provocando le reazioni dell'UE e degli Usa. Oggi le alleanze si fanno fluide e la situazione mondiale è sempre più schizofrenica: Europa e Stati Uniti comprano merci cinesi trasferendo in Cina capitali che i cinesi utilizzano per acquistare fabbriche e porti in Occidente. Il pianeta è piccolo e sempre più affollato.

Articoli correlati (da tag)

  • Grandi dissoluzioni in atto

    La teleriunione di martedì sera, a cui hanno partecipato 20 compagni, è iniziata con il commento delle notizie provenienti dal Brasile riguardanti l'assalto ai palazzi delle istituzioni ad opera dei sostenitori dell'ex premier Jair Bolsonaro.

    Le manifestazioni anti-Lula, sfociate nell'irruzione nel Parlamento, nel palazzo presidenziale e in quello della Corte Suprema a Brasilia, sono il frutto di una spaccatura che da anni segna il paese sudamericano e che negli ultimi mesi, almeno dall'ottobre del 2022, si è esacerbata. Le ragioni alla base della profonda divisione sociale sono molteplici, e sono di carattere politico, geografico, di classe e finanche religioso (vedi crescita dei movimenti evangelici). In entrambe le tifoserie ci sono masse di uomini preoccupate per il proprio futuro, che al sud chiedono più liberismo e al nord un intervento statale di maggiore portata. Da una parte c'è chi ha paura di perdere ciò che ha conquistato in questa forma sociale, dall'altra chi ha poco e non vuole precipitare ancora più in basso.

    Si è dunque verificato uno scontro sociale che si è riflesso all'interno dello stato brasiliano, il quale fatica a mantenere il controllo della società. In generale, lo Stato è sempre meno capitalista collettivo e sempre più struttura contesa tra cordate capitalistiche e apparati in lotta gli uni con gli altri. Questo vale per il Brasile come per gli Stati Uniti, che hanno già sperimentato l'assalto a Capitol Hill da parte di gruppi di manifestanti trumpisti in protesta contro il risultato delle urne. Forse gli anelli deboli della catena imperialistica sono proprio gli stati federali, quelli in cui gli stati membri in situazioni di forte crisi tendono a rivendicare maggiore sovranità.

  • Situazioni senza precedenti

    La teleriunione di martedì sera, presenti 17 compagni, è iniziata con alcune considerazioni riguardo la ripresa dei contagi in Cina.

    La linea "zero Covid", ribadita all'ultimo congresso del PCC tenutosi ad ottobre, pare essere stata cancellata a favore di un più o meno esplicito "liberi tutti". Il presidente Xi Jinping, nel suo discorso introduttivo, aveva confermato gli sforzi del partito per la guerra popolare contro la Covid, ma le proteste scoppiate nel giro di poco tempo in tutto il paese, a partire dalla fabbrica della Foxconn a Shenzhen (un polo industriale dove sono concentrati circa 200mila operai) le cui immagini hanno fatto il giro del mondo, hanno portato ad una retromarcia. Di fronte alla crisi il governo cinese ha infatti deciso di ridurre le restrizioni e i controlli, favorendo però l'impennata dei casi e delle ospedalizzazioni, in particolare a Pechino, metropoli con oltre 20 milioni di abitanti: secondo alcune stime, la metà dei cittadini della capitale risulta positiva al virus. Varie simulazioni dimostrano che la nuova ondata di contagi potrebbe portare nei prossimi mesi a oltre un milione e mezzo di morti ("Our model shows that China's covid death toll could be massive", The Economist, 15.12.22). Il Dipartimento di Stato USA osserva con apprensione la situazione cinese, temendo una possibile catastrofe sanitaria e sociale. "Il numero di vittime del virus è motivo di preoccupazione per il resto del mondo, considerati le dimensioni del Pil della Cina e quelle della sua economia. Avere una situazione di maggiore forza rispetto al Covid non è solo una cosa positiva per la Cina ma anche per il resto del mondo", ha sottolineato Ned Price, portavoce del Dipartimento. La nuova gestione della pandemia colpisce nell'immediato la Cina, ma date le dimensioni del paese, se la situazione dovesse sfuggire di mano, le conseguenze sarebbero senza dubbio globali: il pianeta è piccolo, come diceva la nostra corrente. Dietro l'allentamento così repentino delle misure antivirus in Cina, c'è la paura di rivolte ma anche l'insostenibilità a livello economico dei continui lockdown; si sarebbero dunque messi in conto un paio di milioni di morti per salvare l'economia. D'altronde, il Capitale fa ballare tutti alla sua musica, compresa la Cina cosiddetta comunista.

  • Cripto-bolle

    La teleriunione di martedì sera, presenti 20 compagni, è cominciata dall'analisi di quanto sta succedendo in Cina, alle prese con una recrudescenza della pandemia da Covid-19.

    L'impennata dei contagi ha raggiunto quota 28mila casi in un solo giorno e, dopo 6 mesi, sono stati registrati nuovi decessi per Coronavirus. Ulteriori chiusure di intere città, come nel caso di Canton, hanno suscitato vere e proprie rivolte, la popolazione è esasperata per l'impossibilità di muoversi. Ciononostante, a differenza dell'Occidente, la politica della "tolleranza zero" non viene messa in discussione dal governo di Pechino.

    Per la prima volta negli ultimi decenni, la Cina si trova di fronte al boom della disoccupazione giovanile, giunta al 20%. L'Economist del 17 novembre ("Chinese students abroad take on their government") riporta un fenomeno curioso: recentemente in 350 campus di 30 paesi sono stati affissi manifesti contro il presidente cinese Xi, sembra che migliaia di cinesi che studiano all'estero si stiano organizzando tramite i social network. Anche a Pechino, nel cuore dell'impero, sono apparsi striscioni di dissenso anti-presidenziali, e il settimanale inglese fa notare che era dai tempi della rivolta di piazza Tienanmen che un leader non veniva attaccato in maniera così evidente. Qualche settimana fa avevamo discusso del discorso tenuto da Xi Jinping al XX congresso nazionale del PCC, tutto volto alla necessità di rinsaldare il patto sociale che tiene unito un paese di 1,3 miliardi di abitanti. Tale "patto" si basa sulla promessa di una crescita economica condivisa, ma questa ora si fa più difficile dato che l'economia ha subito una forte battuta d'arresto: secondo la Banca Mondiale, per la prima volta dal 1990, la crescita del PIL del paese nel 2022 sarà inferiore a quello dell'area Asia-Pacifico.

Rivista n°52, dicembre 2022

copertina n°52

Editoriale: Niente di nuovo sul fronte orientale

Articoli: La malattia non esiste, parte prima - Un sistema che ingegnerizza sé stesso? - La riduzione dell'orario di lavoro non è più un tabù

Rassegna: L'ennesima conferenza sul clima - Polarizzazione crescente - Pericolose tempeste"

Recensione: Gaia, le macchine autoreplicanti e l'intelligenza collettiva

Doppia direzione: Più "avanzato" lenin o Bogdanov? - Cooperazione e sostegno

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email