Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  28 aprile 2020

Modelli di catastrofe

La teleconferenza di martedì sera, connessi 33 compagni, è iniziata prendendo spunto dalle ultime notizie sulla diffusione del nuovo coronavirus.

A pochi giorni dall'inizio in Italia della cosiddetta Fase 2, i dati sulla diffusione del Covid-19 in arrivo dalla Germania hanno destato una certa preoccupazione nel governo Conte: sembra infatti che nei länder tedeschi, in seguito alla riapertura, l'indice di contagio (R0) abbia ricominciato a salire. Il Comitato tecnico-scientifico italiano ha suggerito al governo una ripresa, prevista per il prossimo 4 maggio, soft, dato che "lo spazio di manovra sulle riaperture non è molto". Esiste, insomma, il rischio che l'allentamento delle misure di lockdown e il riavvio delle attività possano far ripartire la curva dei contagi, costringendo a nuove chiusure e peggiorando la situazione economica, che di fronte a continui stop and go, di aperture che seguono a chiusure, rischierebbe di andare fuori controllo, più di quanto non lo sia già.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità la pandemia in corso rappresenta ancora una grave minaccia: oltre all'ampia diffusione nei paesi occidentali, preoccupa l'impatto della malattia in Africa, Medioriente e Sud America, paesi in cui i sistemi sanitari non sono in grado di rispondere ad una crescita dei casi. I morti potrebbero essere milioni.

Nel 2018 l'Oms lanciò l'allarme sulla malattia X, un agente patogeno emergente che avrebbe potuto rivelarsi letale come l'influenza spagnola, invitando gli stati ad attrezzarsi adeguatamente. A gennaio di quest'anno, ha diramato direttive chiare e sintetiche per il contenimento dell'epidemia da nuovo coranovirus, comprimibili in tre punti: isolare i malati dai sani, curarli in luoghi appositi e, soprattutto, salvaguardare il personale sanitario (in Italia sono 150 i medici morti per Covid-19). L'Oms ha quindi agito da struttura di coordinamento, ma senza ottenere grandi risultati. Il problema, infatti, è che tale struttura non è un governo e non ha poteri né esecutivi né legislativi. La Cina, come riporta la rivista Lancet", ha seguito le indicazioni dell'Oms solo alcune settimane dopo la registrazione dei primi casi, mentre il resto del mondo non è mai riuscito ad attuarle del tutto. Tanto meno in Italia, soprattutto in Lombardia e nella provincia di Bergamo, dove sono stati raggiunti livelli disastrosi: interi distretti produttivi aperti nonostante la pandemia, strutture di degenza per anziani trasformate in lazzaretti, migliaia di contagiati tra infermieri e personale sanitario.

Adesso invece è giunto il momento di abituarsi a convivere con il virus: questo è il messaggio che la maggiorparte dei rappresentanti dei governi in carica sta cercando di far passare. Significa che dovremo fare l'abitudine ad un certo numero di infetti ed impratichirci coi morti. Al suo esordio, nel 2003, il virus della Sars aveva un R0 pari a 48, ovvero un malato poteva contagiare fino a 48 persone; poi, così come era venuto, senza che nessuno sapesse precisamente il perché, sparì dalla circolazione. Questo però non accade con tutti i virus, anzi, alcuni mutano e si ripresentano più pericolosi di prima. Riguardo il SARS-CoV-2, il virus che genera la malattia Covid-19, attualmente sembra che ne esistano ceppi differenziati all'interno degli stessi paesi, numerose persone ne sono infette da settimane, molte altre sono asintomatiche ma contagiate (e contagiose), e alcuni guariti hanno avuto una recidiva. Il pericolo per la specie esiste, e come scritto nelle Tesi di Napoli (1965) quello che oggi servirebbe è un organismo "che svolge la difesa della specie umana contro i pericoli della natura fisica e dei suoi processi evolutivi e probabilmente anche catastrofici".

Nell'articolo "La grande socializzazione" abbiamo visto che la contraddizione tra la necessità di un governo mondiale e la mercantile anarchia è sempre più stringente. E come se l'umanità, arrivata alla globalizzazione planetaria, si fosse resa conto di dover coordinare le proprie azioni a livello mondiale, ma di non potercela fare a causa di borghesie a carattere nazionale con interessi particolari.

Gli ultimi provvedimenti adottati dal governo italiano non sono piaciuti alla CEI, la Conferenza Episcopale Italiana: mentre la maggior parte delle fabbriche (quasi tutte) potranno riprendere le attività, i fedeli continueranno a non poter frequentare le funzioni religiose. Anche alla piccola borghesia, che si fa agguerrita, le recenti misure non sono andate a genio. A Torino, nella serata di martedì 28 aprile, è stato organizzato da negozianti e ristoratori un flash mob, che ha visto le serrande di centinaia e centinaia di negozi alzate, per spingere il governo ad affrettare la data di riapertura delle attività. Le classi medie vedono repentinamente messo in discussione il proprio tenore di vita, temono di precipitare nel proletariato, e ciò le mette in agitazione. Ritorneranno i Forconi o qualcosa di simile? Ricordiamo che Marx afferma che la piccola borghesia è "parte integrante di tutte le rivoluzioni sociali che si stanno preparando" (Lettera di Marx ad Annenkov, 1846). Per il sistema è molto pericoloso quando alcune categorie o gruppi sociali acquistano autonomia, fregandosene delle leggi; ne sono esempio anche le regioni italiane, che si muovono in ordine sparso disobbedendo alle direttive del governo. Alla lunga, questi processi di autonomizzazione possono portare alla disgregazione dello Stato ("Lo Stato nell'era della globalizzazione").

Nell'articolo "Il programma fascista" (1921), Bordiga afferma che il fascismo non ha un programma se non quello di difendere la vecchia economia di mercato attraverso un'organizzazione unitaria di classe. Dal canto suo il capitalismo non ha un programma politico, essendo un rapporto sociale basato sulla guerra di tutti contro tutti (individui, aziende, stati e classi). Gli Stati, perciò, non possono fare altro che darsi un inquadramento unitario, al fine di fare sistema a livello politico, economico e militare, proprio per contrastare la loro stessa disgregazione... che procede comunque.

La classe dominante si trova di fronte a un dilemma irrisolvibile: lasciare che i movimenti sociali si espandono nella società, oppure intervenire esasperando la situazione e radicalizzando le piazze. In Cile e Libano, da mesi, non si arrestano le manifestazioni, molto violente e di massa. Negli ultimi giorni, anche in seguito ad una situazione dichiarata di bancarotta economica, con la chiusura delle banche e l'inflazione schizzata alle stelle, le proteste hanno coinvolto Tripoli e Beirut, e si sono verificati diversi assalti alle sedi bancarie che hanno richiesto l'intervento dell'esercito. Il lockdown è stato rotto, la popolazione non ha accettato di restare in casa senza avere nulla da mangiare: un'anticipazione di quello che potrebbe succedere in paesi oggi più stabili. In Spagna si calcolano circa 9 milioni di senza lavoro, negli Usa la disoccupazione potrebbe arrivare al 20%, e ovunque si prepara un'esplosione di rabbia sociale mai vista prima. Nel 2011 Occupy Wall Street si è diffuso su tutto il territorio statunitense e oltre, rappresentando una novità rispetto al paradigma esistente; nei primi mesi lo stato americano non intervenne perché temeva che il movimento potesse rafforzarsi, salvo poi compiere migliaia di arresti. Se fossimo nei panni della borghesia pregheremmo tutti i santi in paradiso affinché non rispunti un movimento di quel tipo: anonimo, senza leader e senza rivendicazioni.

Nello schema di rovesciamento della prassi tracciato in "Teoria e azione nella dottrina marxista" (1951), si vede come la spinta economica porti individui e gruppi provenienti dalla classe sfruttata a darsi delle strutture intermedie, di difesa economica; quando poi la temperatura sociale aumenta, queste spinte tendono a convergere verso un'organizzazione superiore, il partito rivoluzionario, irrobustendone ed ampliandone la struttura:

"Il rapporto dialettico sta nel fatto che in tanto il partito rivoluzionario è un fattore cosciente e volontario degli eventi, in quanto è anche un risultato di essi e del conflitto che essi contengono fra antiche forme di produzione e nuove forze produttive. Tale funzione teorica ed attiva del partito cadrebbe però se si troncassero i suoi legami materiali con l'apporto dell'ambiente sociale, della primordiale, materiale e fisica lotta di classe."

Il partito è un divenire sociale, una rete di relazioni che si forma all'interno del capitalismo per negare lo stesso e procedere oltre. Lo schema del centralismo marxista dimostra che vi è un tendere della società verso uno sbocco politico previsto e voluto. Il caos sociale in corso è positivo per la rivoluzione, perché accelera la morte di vecchie forme e la nascita di nuove (le teorie del caos sono deterministiche).

In chiusura di teleconferenza, si è accennato alla decisione dell'agenzia di rating Fitch di ridurre l'affidabilità del debito pubblico italiano portandolo quasi al livello junk (spazzatura) con un punteggio BBB-. L'agenzia prospetta una contrazione del PIL italiano dell'8% nel 2020, con un rapporto debito/PIL pari al 156%. Gli effetti sociali di questa catastrofe non tarderanno a farsi sentire.

Articoli correlati (da tag)

  • Il problema del linguaggio

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 17 compagni, è iniziata riprendendo quanto riportato nell'ultimo resoconto, intitolato "Dalla scimmia nuda all'Uomo sociale".

    Durante la riunione dello scorso 22 dicembre abbiamo fatto alcuni riferimenti all'articolo "Partito e classe" (1921), ed in particolare alla parte in cui è scritto che: "La vera e l'unica concezione rivoluzionaria dell'azione di classe sta nella delega della direzione di essa al partito". La citazione è utile per mettere in luce che l'individuo (rivoluzionario compreso) è limitato nella conoscenza e nell'azione, e che solo il cervello sociale può avere una visione globale e unitaria dei processi sociali, dato che la sua conoscenza è dovuta ad una simbiosi tra uomini, reti e macchine. Lo stesso partito comunista, nella concezione della Sinistra Comunista "italiana", è inteso come un General Intellect, un qualcosa che funziona in modo cibernetico, in doppia direzione, e che rappresenta un rapporto organico non riconducibile semplicemente a una tessera o a una delega della base al centro.

    Nell'ultimo numero della rivista, nell'articolo "Contributo per una teoria marxista dello Stato", ci siamo trovati a fare i conti con l'annoso problema del linguaggio: controrivoluzione non vuol dire soltanto che è stato sconfitto lo schieramento di classe del proletariato, ma anche che è stato cambiato il significato di tutta una serie di parole rappresentative; ad esempio, per la maggior parte delle persone il termine comunismo è sinonimo di stalinismo o maoismo, e non certo del "movimento reale che abolisce lo stato di cose presente". Controrivoluzione significa anche ridurre il "marxismo" ad una teoria frutto del genio di un individuo (lo stesso Marx, a suo tempo, dichiarò di non essere marxista). Ma ciò che Marx ed Engels hanno fatto in campo sociale è lo stesso di quanto compiuto da Galileo, Newton, Darwin ed Einstein nei loro rispettivi campi di applicazione: utilizzare il metodo scientifico.

  • False sicurezze

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 21 compagni, è iniziata commentando l'articolo "L'epidemia delle mezze verità: 4 obiettivi chiari meglio dei parametri", che è stato pubblicato sul Sole 24 Ore il 18 novembre scorso e che si conclude così:

    "A farci perdere la bussola sono stati un'estate vissuta al grido di 'è tutto finito', e un periodo di ripresa tra settembre e ottobre condotto con ulteriori allentamenti invece che usando le giuste cautele per limitare l'impatto di una maggiore frequentazione delle persone."

    Insomma, secondo il giornale di Confindustria c'è ben poco da stare tranquilli: l'epidemia non è uno scherzo ed è molto difficile da tenere sotto controllo. Inoltre, le interpretazioni semplicistiche e fuorvianti sull'evoluzione del contagio inducono nel grande pubblico un falso senso di distensione e sicurezza. I rappresentanti più lucidi della borghesia si rendono conto che andando avanti con questa (non) gestione del virus si rischia grosso. L'allentamento delle misure di lockdown previsto per i prossimi giorni e motivato dalla diminuzione del numero dei casi causerà sicuramente un nuovo aumento dei soggetti positivi. Una terza ondata, data per certa da Andrea Crisanti e da altri virologi, andrà così a colpire un'economia già in panne: secondo alcune previsioni riportate da Repubblica, a marzo dell'anno prossimo, con lo sblocco dei licenziamenti, in Italia ci saranno un milione di disoccupati in più. Per far fronte a questo tsunami sarebbe necessaria al sistema-paese una riforma complessiva del Welfare per semplificare e accorpare le varie forme di sostegno per chi è senza lavoro, ma al momento non c'è nessun programma all'orizzonte.

  • Transizioni, dissoluzioni e accelerazioni

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 20 compagni, è iniziata facendo il punto sulla pandemia da Coronavirus.

    Al 24 novembre 2020 i decessi nel mondo a causa di Covid-19 hanno raggiunto la cifra di un milione e 400 mila, mentre sono quasi 60 milioni i contagiati. L'Italia è il terzo paese per letalità (rapporto tra ammalati e morti) con un totale di 50 mila deceduti. Si ipotizza che ciò sia dovuto all'età media piuttosto alta della popolazione o al tipo di assistenza sanitaria. Dopo un'estate all'insegna del "liberi tutti" per salvare la stagione e rilanciare l'economia, a settembre si è verificata una nuova impennata dei contagi e sono state attuate nuove (blande) misure di contenimento; ora governatori di regione e imprenditori spingono per la riapertura delle attività commerciali, probabilmente mettendo in conto una terza ondata.

    La motivazione principale di chi sostiene l'alleggerimento delle restrizioni è l'arrivo nei primissimi mesi del prossimo anno del vaccino, che incarna la speranza di un ritorno alla "normalità" ed alla vita di prima. Nel frattempo in Italia più della metà delle aziende ha fatto ricorso alla cassa integrazione, e dall'inizio della pandemia il governo ha adottato diverse misure di sostegno al reddito, a lavoratori, esercenti, imprenditori, ha bloccato il pagamento dei mutui, ha concesso deroghe per gli adempimenti fiscali. Questo insieme di normative ha impedito il crollo dell'economia, ma esse ora rischiano di diventare strutturali, allarmando già qualche liberista che lamenta un eccesso di statalismo. Se la capacità industriale, nonostante tutto, è rimasta intatta, essa però altro non fa che rendere oltremodo saturo un mercato già ingolfato. Lo Stato non ha scelta, deve sostenere i consumi; allo stesso tempo, così facendo, concorre alla determinazione di una situazione di transizione che rappresenta qualcos'altro rispetto all'economia di mercato.

Rivista n°48, dicembre 2020

copertina n°48

Editoriale
Gemeinwesen

Articolo
Contributo per una teoria comunista dello Stato

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 242, 29 dicembre 2020

f6Cronache da Virolandia

f6Shopping assassino

f6Con matita e righello

f6Dati meno inaffidabili

f6Boh

f6Interclassismo risorgente e tenace

f6Artico in dissoluzione

Leggi la newsletter 242
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email