Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  5 aprile 2022

Le conseguenze dell'erosione del dominio del dollaro

La teleconferenza di martedì sera, presenti 25 compagni, è iniziata riprendendo l'argomento toccato in chiusura della scorsa riunione, ovvero la teoria della rendita agraria e immobiliare nel moderno capitalismo in relazione al conflitto in Ucraina, che ormai coinvolge, a diversi livelli, tutto il mondo.

Gli attori che giocano a questo wargame sono tanti, ma in testa ci sono le potenze maggiori. Abbiamo parlato della rendita partendo dal problema della fornitura del gas russo, dato che Mosca ha paventato la possibilità di interrompere i flussi verso l'Europa, evento che innescherebbe conseguenze dal punto di vista politico, economico e sociale. La Russia ha comunicato ai paesi ritenuti ostili, quelli che hanno messo in atto delle sanzioni, che se vogliono continuare ad acquistare gas russo dovranno pagarlo in rubli; e a quelli ritenuti amici, che sta valutando se accettare pagamenti in bitcoin.

In seguito alle recenti notizie riguardo i massacri e le fosse comuni rinvenute in Ucraina, la presidente della Commissione Europea Von der Leyen ha dichiarato che i paesi membri stanno pensando ad ulteriori sanzioni che comporterebbero il blocco delle forniture di carbone e petrolio dalla Russia, e il divieto di attracco per le navi russe nei porti europei. E il presidente americano Biden ha annunciato un piano per aiutare l'Europa a porre fine alla dipendenza dal gas russo. L'America non può esportare una quantità di gas sufficiente a soddisfare le esigenze europee ("America's gas frackers limber up to save Europe", The Economist), inoltre le infrastrutture necessarie per far fronte alle importazioni di gas non sono riadattabili in così poco tempo: ricevere carichi di gas naturale liquefatto dagli Usa e convertirli in gas naturale utilizzabile richiede grandi impianti per la rigassificazione.

I marxisti sanno che quando si parla della compravendita di petrolio, gas o derrate agricole si parla di flussi di valore che viaggiano da una parte all'altra del mondo. Ciò che conta per la rendita capitalistica non è tanto la materia prima, e cioè il suo valore d'uso, ma ciò che ci sta dietro, il valore di scambio. Il valore prodotto a livello globale trova espressione monetaria nel dollaro, ancora presente nella stragrande maggioranza degli scambi giornalieri valutari globali, e questo fa sì che gli Stati Uniti continuino ad intascare una rendita dal mondo. Essi vivono di quanto prodotto da altri in virtù del loro potere di deterrenza. Nel Capitale Marx scrive: "Ogni rendita fondiaria è plusvalore, prodotto di pluslavoro". Le minacce della Russia di scambiare petrolio e gas in rubli, le voci sull'accordo tra Arabia Saudita e Cina per usare lo yuan per la vendita del petrolio sono tutti tentativi di mettere i bastoni tra le ruote all'America, ossia mettere in discussione la posizione monopolistica del dollaro. Persino un generale dell'esercito italiano come Fabio Mini arriva ad dire che "con questa 'economia finanziaria coloniale' la ricchezza americana è pagata dal resto del mondo".

Romano Prodi, intervistato da Repubblica (4/4/2022), afferma che la Russia ha tutto l'interesse a continuare a vendere gas ai paesi europei, e bloccare i flussi provocherebbe contraccolpi economici in Europa ma anche al suo interno. Pechino, che viene fatta passare come un alleata di Mosca, ha un giro di affari con Usa ed Europa dieci volte superiore rispetto a quello con la Russia. La situazione mondiale si può definire schizofrenica: l'economia cinese è strettamente collegata a quella americana, ma ciò non toglie che Pechino espanda la propria sfera d'influenza in Africa, in Asia centrale e nel Mediterraneo, pestando i piedi agli Usa. Una situazione da cui difficilmente il mondo capitalistico uscirà con un passaggio di consegne post-americano. La staffetta imperialistica si chiude con gli Usa, e quello che sta succedendo in Ucraina è la prima puntata di una serie che continuerà nei prossimi anni. Questa è l'epoca che abbiamo definito "Marasma sociale e guerra", tant'è vero che siamo di fronte, come afferma il capo della Chiesa Cattolica, ad una terza guerra mondiale combattuta a pezzi. In seguito ai rincari delle materie prime stanno scoppiando rivolte in vari paesi, dal Sudan allo Sri Lanka, dall'Albania al Perù.

I conflitti d'oggi vedono un ampio utilizzo di mercenari e il tentativo di coinvolgimento delle popolazioni, ma allo stesso tempo sono anche guerre degli stati conto la propria popolazione (basti pensare alle azioni condotte dai reparti speciali della polizia brasiliana nelle favelas). La guerra è da intendersi a 360 gradi: da quella mediatica a quella cibernetica, da quella per procura fino alle moderne partigianerie. I senza-riserve scendono in piazza a causa dell'impennata dei prezzi e i governi rispondono con il coprifuoco, schierando l'esercito e sparando. Fino a quando il capitalismo era nella sua fase ascendente c'erano margini per distribuire le briciole che cadevano dal banchetto imperialista, ma da tempo esso ha perso energia, arranca, è un cadavere che ancora cammina. Si fanno strada perciò dei movimenti anti-formisti, che mostrano la tendenza alla rottura con l'esistente. L'esperimento Occupy Wall Street negli Usa ha indicato la direzione.

La Prima e la Seconda guerra mondiale sono scoppiate per l'accaparramento di porzioni di territorio. La guerra moderna è differente, serve più che altro per controllare parti di territorio che altrimenti sprofonderebbero nel caos, come nei casi siriano e libico. L'Iran, ad esempio, è considerato ufficialmente dagli Usa un paese da contrastare, ma essi lo utilizzano per controbilanciare il ruolo della Russia in Medio Oriente, con la quale hanno rapporti di tipo tattico in Siria. E' avvenuto anche un cambiamento sostanziale nel modo di fare la guerra, lo dimostra l'invasione russa dell'Ucraina: missili ipersonici, armi cibernetiche, droni ridimensionano di molto il fattore umano in battaglia.

Perché un ex generale della Cia sostiene che la Russia ha già vinto la guerra, mentre un altro afferma che invece l'ha persa? Evidentemente, nemmeno ai piani alti ci capiscono un granché.

Il modello militare russo prevede l'occupazione di snodi strategici del territorio nemico, il mantenimento di posizioni di disequilibrio, e il mantenersi lontano dalle metropoli, che sono trappole per l'invasore. La Russia, almeno ufficialmente, sta difendendo la parte della popolazione russa presente in Ucraina, costringendo i nemici a contrattaccare e quindi a sfruttare la difesa. Essa rivendica la "supremazia aerea" nel paese nemico già dai primi giorni di invasione. Giulio Dohuet, generale italiano teorico della guerra aerea, nel 1921 pubblicò il trattato Il dominio dell'aria, nel quale sosteneva la straordinaria efficacia dei bombardamenti aerei, capaci di stroncare ogni possibilità di resistenza nemica, materiale e morale, e scriveva che "per assicurare la difesa nazionale è necessario e sufficiente mettersi nelle condizioni di conquistare, in caso di conflitto, il dominio dell'aria". Le forze dell'Armata Sovietica si sono ritirate dall'Afghanistan perché gli Usa avevano rifornito i mujaheddin dei micidiali stinger, un sistema d'arma missilistico capace di mettere in scacco le forze aeree sovietiche, facendogli perdere così il vantaggio di cui disponevano.

Negli scritti sulla guerra di Crimea (1853-1856), Karl Marx auspicava che la potenza russa fosse sconfitta dall'Occidente e andasse a portare la civiltà nelle sterminate steppe asiatiche, poiché essa poteva svolgere un ruolo rivoluzionario solo volgendosi verso est. La Russia è spinta da determinazioni geostoriche a dirigersi verso quell'area, cioè quella intorno al Kazakhistan.

In un moderno wargame gli stati devono anche tenere presente che le popolazioni, soprattutto quelle dei paesi a vecchio capitalismo, non sono più disponibili a farsi intruppare come in passato, hanno troppo da perdere. In queste settimane sentiamo i media mainstream sparare a raffica slogan di questo tipo: "il popolo ucraino si difende dall'aggressione russa", "armiamo la resistenza ucraina", "aiutiamo l'Ucraina rinunciando ai nostri benefici". I sinistri si appellano al "diritto alla libertà e all'autodeterminazione del popolo ucraino", ma ignorano che la questione nazionale e coloniale è chiusa per sempre, e per due semplici ragioni: 1) non esistono Stati che non abbiano compiuto la propria rivoluzione borghese nazionale; 2) non ci sono più le colonie. E, comunque, le ultime rivoluzioni nazionali borghesi (Congo, Algeria, Angola, Mozambico) avevano un carattere urbano ed erano improntate a metodi proletari più che contadini.

Oltre alla martellante divulgazione di regime, ci sono poi le anime belle che invocano l'articolo 11 della Costituzione: l'Italia ripudia la guerra. La propaganda bellica che entra nelle case attraverso le televisioni è abilmente affiancata da una finta opposizione extraparlamentare che lavora incessantemente non per il superamento dello stato di cose presente, ma per la sua riforma.

Articoli correlati (da tag)

  • La potente difesa del programma

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con un breve report della conferenza tenuta a La Spezia lo scorso sabato 1° giugno. L'impressione che abbiamo avuto è stata positiva, sia perché ci siamo incontrati tra compagni di diverse località, sia perché abbiamo avuto modo di presentare la rivista.

    Si è passati poi a commentare "Il ciclo storico del dominio politico della borghesia", facente parte delle Tesi del dopoguerra, una potente difesa del programma comunista. È sempre utile rileggere i testi della Sinistra perché si prestano a molteplici collegamenti con il presente e il futuro. Se nel testo "Il ciclo storico dell'economia capitalistica", analizzato la scorsa settimana, si tratta maggiormente l'aspetto materiale dello sviluppo del capitalismo, in questo viene esaminato l'aspetto politico-organizzativo del dominio di classe della borghesia.

    Lo scontro armato che portò alla vittoria della classe borghese su quella feudale fu anche battaglia di idee e teorie. Le classi feudali costruivano la loro sovrastruttura dottrinale su categorie immutabili, come ad esempio la religione; la nascente borghesia mette in discussione tutte le concezioni tradizionali e proclama, contro il dominio dell'autorità, quello della ragione umana. La borghesia impone una nuova impalcatura ideologica che si basa su libertà, eguaglianza e fraternità.

    Nel filo del tempo "Fiorite primavere del Capitale" viene affrontato il tema dei motori, degli attori, dei militi e degli stili delle rivoluzioni. Gli utensili vivi che combattono per la vittoria della rivoluzione borghese non sono coloro che ne beneficiano direttamente. I grandi commercianti e le classi privilegiate non lottano sul campo per la propria rivoluzione, mentre la lotta materiale viene portata avanti dalla massa composta da "garzoni di bottega, lavoratori delle prime manifatture, modesti artigiani, soldati senza ingaggio", ecc.

  • Chiusura di un ciclo storico

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con il commento del testo "Il ciclo storico dell'economia capitalistica" (Prometeo n. 5 del 1947), nel quale si dimostra che il capitalismo nasce all'interno della società feudale, e che è possibile delineare una dinamica storica che va dalla bottega artigiana alla manifattura, fino alla fase senile del capitalismo in cui la finanza domina l'industria.

    Ad un certo grado di sviluppo delle forze produttive si verifica una scissione tra chi detiene i mezzi di produzione, i datori di lavoro, e gli operai, che non sono più padroni del prodotto del loro lavoro. L'artigiano, che precedentemente poteva compiere tutte le operazioni utili alla produzione, viene sostituito da un operaio complessivo (lavoro associato) che è la somma di tanti operai parziali. La figura unitaria dell'artigiano si sdoppia: appaiono sulla scena storica il capitalista e il salariato. All'interno della vecchia società maturano gli elementi della nuova, e questo vale anche per la prossima rivoluzione, che sarà a titolo umano. Giunto il capitalismo alla sua fase suprema, l'imperialismo, la stessa figura dell'imprenditore, quello che veniva chiamato padrone, praticamente non esiste più, sostituito da funzionari lautamente stipendiati oppure addirittura da algoritmi.

    Ne "Il ciclo storico dell'economia capitalistica" c'è un riferimento al maggior rendimento della produzione capitalistica rispetto a quella feudale: grazie ai risultati della produzione nelle fabbriche (sistema di macchine), il capitalismo riesce a produrre a minor costo. La rivoluzione è un fatto anti-entropico: la prossima forma sociale sarà a più alto rendimento energetico. La spersonalizzazione del capitalismo può essere rintracciata anche nei fatti di cronaca raccolti dai giornali; recentemente, Luciano Benetton ha addossato la responsabilità di un buco di cento milioni di euro nel bilancio della sua impresa di famiglia al manager che aveva assunto alla guida del gruppo: "Mi sono fidato e ho sbagliato. Sono stato tradito nel vero senso della parola. Qualche mese fa ho capito che c'era qualche cosa che non andava. Che la fotografia del gruppo che ci ripetevano nei Consigli di amministrazione i vertici manageriali non era reale". Da tempo i capitalisti hanno delegato a tecnici la direzione delle proprie imprese. La corrente cui facciamo riferimento, in un lavoro fondamentale come Proprietà e Capitale, già nel 1948 descriveva una società in cui vi sono un capitale senza capitalisti e capitalisti senza capitale.

  • Terremoti naturali, economici e sociali

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con alcune considerazioni riguardo l'emergenza nei Campi Flegrei, a ovest della città di Napoli, dove da giorni si susseguono scosse di terremoto.

    L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) nota che l'area flegrea è soggetta a bradisismo (movimento lento del suolo), e non si possono escludere altri eventi sismici di energia analoga o superiore a quanto già registrato durante lo sciame sismico in corso. I Campi Flegrei sono una vasta area vulcanica attiva con una struttura detta "caldera", cioè un'area ribassata di forma quasi circolare che si è formata per effetto di eruzioni esplosive del passato. Secondo un articolo pubblicato sulla rivista Nature, si prefigurano tre possibili scenari: 1) un fenomeno di equilibrio in cui il sollevamento del suolo rallenta fino ad assestarsi, 2) un fenomeno di oscillazione per cui il suolo sale e scende, 3) un sollevamento continuo che porta la crosta superiore a rompersi completamente. La situazione è dunque rischiosa per tutta l'area, soprattutto perché si tratta di una delle zone più densamente abitate d'Italia. Un vulcano su dieci, tra quelli storicamente attivi sul pianeta, è una grande caldera di oltre 5 km di diametro. Spesso si verificano diversi episodi sismici nel corso di decenni prima che questo tipo di vulcano esploda; tali episodi appartengono ad un'unica sequenza evolutiva, per cui il comportamento di ciascun evento dipende dall'effetto cumulativo dei suoi predecessori.

Rivista n°54, dicembre 2023

copertina n° 54

Editoriale: Reset

Articoli: La rivoluzione anti-entropica
La guerra è già mondiale

Rassegna: Polarizzazione sociale in Francia
Il picco dell'immobiliare cinese

Terra di confine: Macchine che addestrano sè stesse

Recensione: Tendenza #antiwork

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email