Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  14 giugno 2022

La coscienza delle macchine

La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono connessi 15 compagni, è cominciata commentando le notizie di stampa riguardanti il caso LaMAD (Language Model for Dialogue Applications), un programma di intelligenza artificiale conversazionale, elaborato da Google, che si basa su una rete neurale open source per la comprensione del linguaggio naturale.

Un ingegnere impegnato nel progetto, Blake Lemoine, è stato messo in congedo dall'azienda di Mountain View perché ha dichiarato pubblicamente che LaMAD sarebbe senziente e avrebbe sviluppato una coscienza pari a quella di un essere umano: "Se non sapessi esattamente cos'è, ovvero questo programma informatico che abbiamo costruito di recente - ha detto Lemoine al Washington Post - penserei che si tratta di un bambino di sette, otto anni che per caso conosce la fisica". Il portavoce di Google ha negato le affermazioni di Lemoine: "Il nostro gruppo, composto da etici e tecnologi, ha esaminato le preoccupazioni di Blake in base ai nostri principi di IA - ha spiegato - e lo ha informato che le prove non supportano le sue affermazioni. Gli è stato detto che non ci sono prove che LaMDA sia senziente, e che ci sono molte prove contrarie".

Sulla vicenda si è espresso anche The Economist ospitando una serie di interventi di esperti in materia, da Douglas Hofstadter a Blaise Agüera y Arcas, i quali però non hanno saputo cogliere le implicazioni profonde dell'avanzamento della cosiddetta intelligenza artificiale. Il dibattito intorno al tema è viziato dall'antropomorfismo, e quindi dalla ricerca nella macchina di capacità, facoltà e abilità proprie dell'uomo. Ciò che arrovella gli addetti ai lavori è lo stabilire se un robot può o meno arrivare ad avere un'intelligenza, o una coscienza, simile a quella umana. Ma lasciamo i borghesi alle loro diatribe sull'impatto etico dei software e poniamoci al di fuori della mischia.

Innanzitutto, chi ha detto che l'intelligenza informatica debba assomigliare a quella umana? Come alcuni biologi evoluzionisti sostengono, non c'è motivo di credere che l'intelligenza umana - con emozioni e pulsioni animalesche come la riproduzione e l'aggressività - sia l'unica forma possibile di intelligenza evoluta. The Guardian fa scrivere i suoi editoriali dal programma GPT-3 e il risultato non scandalizza nessuno.

Inoltre, questione ancora più importante, si continuano ad intendere i congegni tecnologici come qualcosa di separato da noi, di alieno. Si tratta di un approccio tipicamente capitalistico, perché in questa forma sociale sono le macchine a dominare gli uomini e non viceversa. E proprio per questo motivo la borghesia teme l'avvento di un mondo simile a quello descritto nel celebre film Matrix, nel quale gli uomini sono ridotti a batterie per le macchine.

Le macchine, però, sono un prodotto dell'uomo, una sua esteriorizzazione, al pari delle prime pietre scheggiate che via via si sono evolute fino a diventare lance, giavellotti, ecc. Esse sono nate per potenziare l'uomo, per renderlo più abile, permettendogli di sopravvivere. Ora, diventate intelligenti, formano un super-organismo con l'umanità, un simbionte in grado di auto-organizzarsi ed evolvere. Noi e la tecnologia siamo costretti a co-evolvere ("Verso la singolarità storica").

La borghesia ormai non può fare a meno di computer e robot e comincia ad aver paura del suo stesso sistema, avendo la percezione che esso stia andando fuori controllo.

Da qualche tempo è in costruzione un mondo virtuale, il Metaverso, in cui gli uomini si trasformano in avatar diventando copie di sé stessi in grado di muoversi, condividere e interagire. A tal proposito, si è fatto riferimento a due articoli pubblicati sul sito Difesa Online: "Il Metaverso è oramai una realtà: quali sfide ci attendono?" e "Metaverso, società e cybersecurity".

Nel primo articolo si narra dell'origine del Metaverso e dell'impatto che la fusione tra mondo virtuale e fisico avrà sulle nostre vite, descrivendolo come un cambio di paradigma al pari della nascita del World Wide Web negli anni '90. Nel secondo, si mette in guardia dalla possibilità che in esso si possano compiere atti di spionaggio e di riciclaggio di denaro: "Il metaverso è uno spazio creato dall'uomo, in cui l'uomo, attraverso il suo avatar, avrà la possibilità di muoversi, vivere, compiere atti di tutti i tipi. Atti che avranno indubbiamente dei risvolti sia nel mondo virtuale sia nel mondo reale. Ecco perché è importante capire quali siano queste interazioni e quali siano i rischi possibili per il singolo e per la società nel suo complesso."

La classe dominante ha sviluppato i wargame poiché utili per preparare le azioni di guerra; allo stesso modo sarà utile il Metaverso per addestrare i militari (realtà aumentata, visori, simulazioni 3D, ecc.). Ma nessuno sa ancora quali potrebbero essere le conseguenze dello sviluppo di questo mondo virtuale. Un assaggio di quanto potrebbe accadere dal punto di vista della virtualizzazione della guerra lo possiamo vedere nel film Good Kill di Andrew Niccol.

Conquistare il territorio non serve più all'imperialismo d'oggi, e infatti gli Usa non mirano a quello, ma al controllo del mondo. Per questo devono pigiare sull'acceleratore del riarmo, dato che non hanno ancora sviluppato le armi adatte per continuare a farlo, come qualche analista militare americano fa notare.

Le macchine, nella guerra come nell'industria, prendono il sopravvento sugli uomini. Lo stesso vale per i wargame computerizzati, che suggeriscono agli stati maggiori cosa fare. La borghesia deve ripensare tutto, dalla strategia alla tattica alle tecnologie. La Russia ha minacciato di usare dei missili ipersonici, capaci di raggiungere velocità superiori a Mach 5 (oltre 6mila Km/h); alcuni eserciti hanno in dotazione missili a planata ipersonica, che dopo essere stati trasportati oltre l'atmosfera da un lanciatore scendono sul bersaglio spostando continuamente la traiettoria, rendendola imprevedibile. La dialettica cannone-corazza spinge tutti verso nuove simmetrie di guerra (game-changer). Ad esempio, sono sempre più necessari aerei velocissimi in grado di non essere intercettati dal nemico.

La guerra deve essere bloccata al suo scatto altrimenti passa e si rafforza la controrivoluzione, lo scrive Amadeo Bordiga ad un compagno nel gennaio 1957. Ciò non significa che se passa la guerra il comunismo è spacciato. Esso fa parte del DNA della nostra specie. La guerra, con le sue unioni sacre e la sua difesa della patria, può ritardare la rivoluzione, anche di molto, ma non la elimina. Quella in corso è stata chiamata infinita e senza limiti, e oramai anche il Papa ammette che una nuova guerra mondiale è stata dichiarata. La chiama Terza, noi invece preferiamo chiamarla Quarta per le ragioni che abbiamo riportato nel volantino distribuito il Primo Maggio.

La lotta del proletariato contro la borghesia non muore, almeno finché resta in piedi il capitalismo, ma cambia di significato rispetto a un tempo. Oggi la posta in gioco è molto più alta rispetto ad una vertenza nazionale generalizzata per un aumento salariale (senza nulla togliere alle lotte contro il carovita dei portuali tedeschi o degli autotrasportatori sudcoreani), e riguarda l'inquinamento, l'aumento delle temperature del pianeta, le risorse energetiche, l'approvvigionamento dei beni di prima necessità, dal cibo all'acqua, nuovi e pericolosi patogeni.

La classe proletaria è diventata sempre più universale e i suoi interessi ormai coincidono con quelli della specie umana; di qui la necessità di un partito rivoluzionario che abbia come fine la salvaguardia dell'umanità insieme a quella della biosfera. Se si estingue la tradizione "marxista", la rivoluzione troverà comunque gli strumenti necessari per imporsi e rompere l'involucro che la imprigiona. Il comunismo, in quanto "conoscenza di un piano di vita per la specie", vincerà anche senza il contributo attivo dei comunisti e dei proletari.

Articoli correlati (da tag)

  • Cripto-bolle

    La teleriunione di martedì sera, presenti 20 compagni, è cominciata dall'analisi di quanto sta succedendo in Cina, alle prese con una recrudescenza della pandemia da Covid-19.

    L'impennata dei contagi ha raggiunto quota 28mila casi in un solo giorno e, dopo 6 mesi, sono stati registrati nuovi decessi per Coronavirus. Ulteriori chiusure di intere città, come nel caso di Canton, hanno suscitato vere e proprie rivolte, la popolazione è esasperata per l'impossibilità di muoversi. Ciononostante, a differenza dell'Occidente, la politica della "tolleranza zero" non viene messa in discussione dal governo di Pechino.

    Per la prima volta negli ultimi decenni, la Cina si trova di fronte al boom della disoccupazione giovanile, giunta al 20%. L'Economist del 17 novembre ("Chinese students abroad take on their government") riporta un fenomeno curioso: recentemente in 350 campus di 30 paesi sono stati affissi manifesti contro il presidente cinese Xi, sembra che migliaia di cinesi che studiano all'estero si stiano organizzando tramite i social network. Anche a Pechino, nel cuore dell'impero, sono apparsi striscioni di dissenso anti-presidenziali, e il settimanale inglese fa notare che era dai tempi della rivolta di piazza Tienanmen che un leader non veniva attaccato in maniera così evidente. Qualche settimana fa avevamo discusso del discorso tenuto da Xi Jinping al XX congresso nazionale del PCC, tutto volto alla necessità di rinsaldare il patto sociale che tiene unito un paese di 1,3 miliardi di abitanti. Tale "patto" si basa sulla promessa di una crescita economica condivisa, ma questa ora si fa più difficile dato che l'economia ha subito una forte battuta d'arresto: secondo la Banca Mondiale, per la prima volta dal 1990, la crescita del PIL del paese nel 2022 sarà inferiore a quello dell'area Asia-Pacifico.

  • Economia di guerra o guerra economica?

    La teleriunione di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata con il commento di alcune notizie riguardanti gli scioperi in corso in varie parti del pianeta.

    Solo nell'ultima settimana ci sono stati: uno sciopero nazionale in Ecuador indetto dalle comunità indigene; uno sciopero generale in Tunisia che ha visto la partecipazione di tre milioni di lavoratori; uno sciopero a Bruxelles che ha portato in piazza 70 mila manifestanti; il più importante sciopero negli ultimi trent'anni delle ferrovie in Gran Bretagna. Inoltre, è in fibrillazione tutto il settore della logistica, dai portuali tedeschi agli autotrasportatori sudcoreani.

    Il filo rosso che lega queste mobilitazioni passa per l'aumento dei prezzi, il carovita, l'inflazione galoppante. Le odierne eruzioni sociali non sono propriamente dei movimenti e non possono riflettere altro che il motivo contingente che spinge in piazza le persone. Ma in un contesto di miseria assoluta crescente, vediamo crescere un senso di disagio profondo che mobilita sia coloro che hanno paura di perdere qualcosa, sia coloro che non hanno più nulla da perdere ("Rivolta contro la legge del valore").

    Questo processo provoca contraccolpi sulla sovrastruttura politica borghese e rappresenta una chiave di lettura. Riguardo alle vicende politiche italiane, possiamo utilizzarlo per comprendere la dissoluzione del Movimento 5 Stelle.

  • Non potete fermarvi, solo la rivoluzione lo può

    La teleriunione di martedì sera, connessi 15 compagni, è cominciata con una richiesta di chiarimento rispetto a quanto abbiamo scritto nell'ultimo resoconto, ovvero che gli Usa "sono anche colonizzatori di sé stessi, agendo come alieni verso le popolazioni occupate e pure verso la propria".

    Il riferimento al moderno colonialismo a stelle e strisce, emerso durante lo scorso incontro on line, si richiamava al nostro articolo "Teoria e prassi della nuova politiguerra americana" (capitolo V. L'invasione degli ultracorpi), nel quale affermiamo che anche alcune frange borghesi comprendono che per milioni di americani il loro stesso Stato è un alieno, un qualcosa che non fa parte del paese. Si pensi, ad esempio, alla trilogia dell'impero di Gore Vidal (La fine della libertà, Le menzogne dell'impero, Democrazia tradita).

    La riunione è proseguita riprendendo la discussione sulla guerra in Ucraina e le sue conseguenze.

Rivista n°51, giugno 2022

copertina n°51

Editoriale: La guerra che viene

Articoli: Guerra in Europa
Appendice 1. La Quarta Guerra Mondiale
Appendice 2. La sindrome di Yamamoto
Guerra di macchine
Wargame - parte seconda

Doppia direzione: Considerazioni sulla pandemia

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email