Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  17 maggio 2022

Parametri fuori controllo

La teleriunione di martedì sera, connessi 21 compagni, è iniziata con il commento di alcune notizie in merito a quanto sta succedendo in Iran.

Nella repubblica islamica da una decina di giorni si susseguono manifestazioni contro il carovita. Le proteste sono state innescate dal taglio dei sussidi governativi per il grano importato, che ha causato un aumento dei prezzi fino al 300% di una varietà di prodotti a base di farina. Tra il 2019 e il 2020 una serie di manifestazioni molto combattive aveva scosso il paese e si erano verificate delle vere e proprie sommosse. Le agitazioni di questi giorni non hanno un'intensità simile, ma si contano già alcuni morti tra i manifestanti. L'Huffington Post afferma che le insurrezioni viste in Sri Lanka nell'ultimo periodo sono solo l'antipasto di quello che potrebbe succedere nel sud-est asiatico e, aggiungiamo noi, nel resto del mondo. L'India, a causa del blocco del frumento russo e ucraino e di una siccità record, ha deciso che smetterà di vendere il proprio grano all'estero. L'Onu teme una carestia mondiale: sono 25 milioni le tonnellate di grano bloccate in Ucraina. Gli elementi per lo scoppio di una tempesta perfetta ci sono tutti.

Anche la Cina deve far fronte ad una serie di problemi. In seguito ai rigidi lockdown messi in atto per arginare la diffusione del Coronavirus, la produzione industriale e l'export sono crollati e la disoccupazione è cresciuta. Nel paese la percentuale di coloro che si sono sottoposti al percorso vaccinale è bassa, ed inoltre i vaccini cinesi sono risultati meno efficaci di quelli occidentali. Il governo di Pechino sembra abbia intenzione di ripescare la carta della "prosperità condivisa", ovvero la promessa di distribuire fette di valore verso le classi meno abbienti, puntando così sulla propensione marginale al consumo.

Il capitalismo è una società del continuo disequilibrio e riesce a raggiungere un ordine, precario, solo mettendosi in contraddizione con sé stesso. Esso procede per aggiustamenti e rattoppi, il suo ordine è dovuto al caso e gli osservatori di questo movimento non sono altro che scienziati del caso. Come diceva Aurelio Peccei ai tempi del Club di Roma, i problemi con i quali si ha a che fare non sono isolati e da sbrogliare uno per volta, ma sono invece una problematica mondiale che si risolve solo andando alla radice. Tutti gli scenari descritti nel Rapporto sui limiti dello sviluppo, dalla crisi alimentare a quella energetica, dall'inquinamento alla scarsità di risorse naturali, si sono materializzati.

Nel caso del conflitto ucraino sia la Nato che la Russia usano le armi a loro disposizione (tra cui sanzioni ed energia) per far crollare il fronte interno del nemico. I riflessi della guerra si avvertono anche sulla condizione dell'economia mondiale con la crescente difficolta degli approvvigionamenti di materie prime. Le guerre non nascono dal nulla, sono il prodotto di un determinato sviluppo della società. Il conflitto in corso non è tanto tra Russia e Ucraina, non ha come fine la conquista o riconquista di un territorio, ma è una guerra mondiale tesa a ridefinire l'assetto del capitalismo.

Questa condizione irreversibile del sistema è iniziata almeno dagli anni 70'. Con la caduta del muro di Berlino è saltato l'equilibrio post Seconda guerra mondiale. Si è passati dall'equilibrio del terrore al terrore dell'equilibrio, derivato da una situazione mondiale incontrollabile. La guerra futura non sarà duale, all'insegna di grandi schieramenti determinati (condominio Usa-Urss); sarà un intreccio di guerre locali, per procura (di cui vediamo le anticipazioni), combattuta da soldati-robot, macchine autonome e munizioni a guida precisa. Proprio per questo, come afferma la nostra corrente, la guerra dev'essere "bloccata al suo scatto" perché se passa, non passa la rivoluzione. Il rapporto dell'uomo con la macchina si è modificato ed egli è completamente subordinato al sistema bellico automatizzato: si pensi al cecchino individuale carico di sensori e di elettronica o ai sistemi di risposta automatica.

La teleconferenza è proseguita con alcune considerazioni riguardo le "grandi dimissioni" nei luoghi di lavoro ("The Great Resignation"). Il fenomeno è iniziato negli Usa con lo scoppio della pandemia ma si è rapidamente propagato in Inghilterra e in tutto il vecchio continente. In Cina si è manifestato qualcosa di simile. L'espressione "tang ping", che letteralmente significa "sdraiarsi a terra" e indica i giovani stanchi di farsi rubare la vita per quattro soldi e decisi a rifiutare il lavoro, è nata sul social Weibo, è diventata virale e ha fatto scattare la censura del regime che ha provveduto a rimuovere i messaggi di elogio dell'ozio presenti sul Web. Il lavoro, come affermano gli stessi organi di stampa borghesi, si è rotto e la vecchia civiltà, che su di esso era basata, non funziona più: il lavoro manca, è precario, spesso non retribuito, e quando c'è sottopone il lavoratore a ritmi e orari insopportabili. Le lotte più interessanti degli ultimi anni sono state condotte dagli ultimi, da nuove figure lavorative, ad esempio i rider/driver.

Il vecchio paradigma sindacale e gradualista è finito per sempre, prima se ne prende atto e meglio è. Nel Manifesto del 48' è scritto che i comunisti sono l'avanguardia del "movimento reale", essi sono proiettati nel futuro, e difatti per essi la lotta contro il lavoro non è una novità ("Diritto al lavoro o libertà dal lavoro salariato?"). La religione del lavoro, come la chiama Paul Lafargue, è messa in seria discussione, non tanto da un'altra ideologia, migliore, quanto dallo stesso sviluppo dei mezzi di produzione. La rivoluzione che matura nell'industria sta producendo una rivoluzione anche nella società. Nell'articolo "Il movimento per la semplicità volontaria" abbiamo analizzato un esempio di rifiuto dello stile di vita consumista. Milioni di americani lasciano le loro case e vanno a vivere on the road, su camper o su autobus attrezzati. Negli Usa è molto frequente la necessità di spostarsi per cercare lavoro, come descritto nel film Nomadland (2020). La vita senza senso produce vari tipi di comunità che si oppongono alla forma sociale vigente. Il movimento Occupy Wall Street ha coinvolto centinaia di migliaia di persone, e non solo in America, che rifiutavano il sistema dell'1%. Masse di sfruttati a cui restava solo di scegliere se comprarsi da mangiare o pagare l'affitto, costretti a lavori precari, senza nulla da perdere. Il fenomeno "Antiwork" negli Usa (nato sul social Reddit), Antijob.net in Russia, la crescita dei Neet (coloro che non studiano né lavorano), l'ondata #Striketober, porteranno a nuovi livelli di organizzazione.

Le tre forme storiche del riformismo hanno in comune il culto del lavoro. La Chiesa l'ha celebrato con l'enciclica Rerum Novarum, la socialdemocrazia in Italia con l'ordinovismo (in Russia con lo stakanovismo), il fascismo ha scritto un'apposita Carta del lavoro. Nella prima parte dell'art. 1 della Costituzione italiana si afferma che l'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro. Marx chiama sovrastrutture quegli apparati ideologici funzionali alla conservazione dello stato di cose presente, come i partiti, la parrocchia, la scuola. Quando queste strutture versano in una profonda crisi vuol dire che è proprio la struttura materiale della società che si sta modificando. I partiti non hanno più una base militante, e i sindacati – come nel caso del corteo del Primo Maggio a Torino - affidano il loro servizio d'ordine in parte ad agenzie private e in parte alla polizia. Anche la guerra ormai è condotta da mercenari, contractor e tagliagole prezzolati ("L'outsourcing globale").

Il fatto che a livello mondiale si sviluppino movimenti contro il lavoro è significativo, è il sintomo di qualcosa di grosso che sta montando. La pandemia ha cambiato il rapporto che l'uomo ha con il tempo: il capitalismo presuppone il senso del sacrificio nella speranza di una prospettiva futura (risparmio, accumulo, investimenti). Nel momento in cui il rischio è lasciarci la pelle a causa di un nemico invisibile come un virus, prevale la difesa della vita, nella testa attecchiscono idee nuove. Il numero 1/22 di Limes si intitola "L'altro virus", intendendo con ciò un contagio psichico di massa le cui conseguenze devono ancora manifestarsi a pieno.

Pandemia, guerra, blocco degli approvvigionamenti, rifiuto del lavoro, scioperi e rivolte contro il carovita e per la difesa delle condizioni di vita. Tutto si tiene!

Se parliamo di sistema, dobbiamo riferirci a parti dipendenti l'una dall'altra dove il tutto è di più della semplice somma delle parti. Se il capitale dimostra di fare a meno dei lavoratori, allora questi sono autorizzati dalla storia a fare a meno del capitale. Il nostro quaderno n.1, "La crisi del capitalismo senile" (1984), ha rappresentato una rottura con un certo ambiente politico, quello che chiamiamo terzinternazionalismo. In esso descrivevamo l'inceppamento dei meccanismi di accumulazione, la formazione di un enorme quantità di capitale fittizio e il conseguente bisogno di guerra che avrebbe sconvolto gli schieramenti della Guerra Fredda. Le conferme sono arrivate, questo modo di produzione è giunto al capolinea: se si raccolgono i dati sulla produzione industriale, vediamo che dal 1970 in poi i grafici mostrano una curva dello sviluppo a "sigmoide". Essa somiglia ad una S con una crescita esponenziale, con il raggiungimento di un punto di flesso e una crescita asintotica. In Italia, il quarto paese in Europa per Prodotto interno lordo, la ricchezza è prodotta da pochi salariati produttivi mentre il resto della popolazione è da essi mantenuta; ciò vuol dire che man mano che il capitalismo invecchia, i suoi parametri vanno out of control. Pensiamo alla finanza: secondo il Sole 24 Ore il valore dei derivati in circolazione a livello mondiale nel 2018 sfiorava la sbalorditiva cifra di 2,2 milioni di miliardi di euro, 33 volte il Pil mondiale. In un'economia globalizzata e finanziarizzata come quella attuale, nessuno riesce più a controllare gli scambi e la produzione.

Articoli correlati (da tag)

  • Cripto-bolle

    La teleriunione di martedì sera, presenti 20 compagni, è cominciata dall'analisi di quanto sta succedendo in Cina, alle prese con una recrudescenza della pandemia da Covid-19.

    L'impennata dei contagi ha raggiunto quota 28mila casi in un solo giorno e, dopo 6 mesi, sono stati registrati nuovi decessi per Coronavirus. Ulteriori chiusure di intere città, come nel caso di Canton, hanno suscitato vere e proprie rivolte, la popolazione è esasperata per l'impossibilità di muoversi. Ciononostante, a differenza dell'Occidente, la politica della "tolleranza zero" non viene messa in discussione dal governo di Pechino.

    Per la prima volta negli ultimi decenni, la Cina si trova di fronte al boom della disoccupazione giovanile, giunta al 20%. L'Economist del 17 novembre ("Chinese students abroad take on their government") riporta un fenomeno curioso: recentemente in 350 campus di 30 paesi sono stati affissi manifesti contro il presidente cinese Xi, sembra che migliaia di cinesi che studiano all'estero si stiano organizzando tramite i social network. Anche a Pechino, nel cuore dell'impero, sono apparsi striscioni di dissenso anti-presidenziali, e il settimanale inglese fa notare che era dai tempi della rivolta di piazza Tienanmen che un leader non veniva attaccato in maniera così evidente. Qualche settimana fa avevamo discusso del discorso tenuto da Xi Jinping al XX congresso nazionale del PCC, tutto volto alla necessità di rinsaldare il patto sociale che tiene unito un paese di 1,3 miliardi di abitanti. Tale "patto" si basa sulla promessa di una crescita economica condivisa, ma questa ora si fa più difficile dato che l'economia ha subito una forte battuta d'arresto: secondo la Banca Mondiale, per la prima volta dal 1990, la crescita del PIL del paese nel 2022 sarà inferiore a quello dell'area Asia-Pacifico.

  • Insieme ibrido

    Durante la teleconferenza di martedì sera, connessi 20 compagni, abbiamo parlato dello scontro bellico in corso in Ucraina e delle sue conseguenze a livello internazionale.

    Il governo di Zelensky e i media occidentali hanno celebrato la riconquista della città di Kherson da parte dell'esercito ucraino in seguito alla ritirata dei Russi verso est, ma hanno cantato vittoria troppo presto. Il 15 novembre scorso la Russia ha sferrato un attacco missilistico, con oltre 100 razzi, che si è abbattuto sulle infrastrutture energetiche del paese, causando l'interruzione della fornitura elettrica in alcune città. Leopoli è rimasta senza elettricità e riscaldamento. In serata un paio di missili sono caduti in Polonia, vicino al confine con l'Ucraina, facendo scattare l'allarme nelle capitali occidentali dato che il paese dell'Europa centrale fa parte della NATO e l'articolo 5 del Trattato Nord Atlantico sancisce che un attacco armato contro uno stato membro è un attacco contro tutti.

  • Guerra integrata

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 17 compagni, è iniziata commentando le ultime notizie riguardo alla guerra in Ucraina.

    Trenta deputati del partito democratico americano hanno inviato una lettera al presidente Joe Biden con la richiesta di "raddoppiare gli sforzi per cercare un quadro realistico per un cessate il fuoco". I dem invitano l'amministrazione in carica a cambiare radicalmente la strategia sulla guerra in Ucraina, e sollecitano negoziati diretti con la Russia. I redattori della missiva sono una minoranza, ma questa iniziativa potrebbe determinare una spaccatura all'interno del partito proprio a ridosso delle delicate elezioni di midterm, quando è probabile che la maggioranza del Congresso passi ai repubblicani e che perciò l'approccio americano verso il conflitto in corso cambi. Una settimana fa il leader del Grand Old Party alla Camera, Kevin McCarthy, ha detto che in caso di vittoria del suo partito alle elezioni di medio termine "non ci saranno più assegni in bianco per Kiev".

    Il fronte esterno di guerra influenza quello interno, e viceversa. Tutto va inquadrato alla luce della tensione sociale crescente negli Stati Uniti, anche per l'affare Trump. Sono infatti passate in sordina le perquisizioni dell'FBI nella casa dell'ex presidente, accusato di aver "volontariamente sottratto carte relative alla sicurezza nazionale Usa... nascosto o sottratto documenti pubblici" e "ostruito un'indagine federale". Gli apparati statali americani, che non sono così unitari come sembra, temono probabilmente che un'eventuale incriminazione di Trump per i fatti del 6 gennaio a Capitol Hill potrebbe scatenare movimenti di piazza da parte dei suoi sostenitori, i quali il più delle volte sono armati. Sui media americani si registra una certa apprensione verso certi eventi, come appunto le elezioni di midterm, che possono fare da catalizzatori per una resa dei conti tra gli opposti schieramenti.

Rivista n°51, giugno 2022

copertina n°51

Editoriale: La guerra che viene

Articoli: Guerra in Europa
Appendice 1. La Quarta Guerra Mondiale
Appendice 2. La sindrome di Yamamoto
Guerra di macchine
Wargame - parte seconda

Doppia direzione: Considerazioni sulla pandemia

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email