Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  8 marzo 2022

Scenari e modelli di guerra

La teleconferenza di martedì sera, presenti 20 compagni, è stata dedicata nuovamente a quanto sta accadendo sul territorio ucraino.

Almeno dalla Comune di Parigi, i comunisti in Europa sanno che non si deve parteggiare per questa o quell'altra fazione borghese, per questo o quell'altro governo, ma che bisogna contare solo sulle proprie forze, sulle forze della propria classe. E in caso di guerra la consegna per i militanti è quella di praticare il disfattismo rivoluzionario (con scioperi, manifestazioni, ecc.), cioè l'opposizione attiva e operante ad ogni sforzo bellico del proprio paese.

La borghesia è la classe che detiene il potere ed essa deve difenderlo. Il proletariato per sua natura non ha nulla da difendere (Manifesto) e qualsiasi movimento intraprenda è sempre all'attacco: in quanto classe "oppressa", può solo pretendere di più rispetto a ciò che ha, e di fronte alla guerra deve rigettare le ideologie pacifiste e difesiste. Nel filo del tempo "Onta e menzogna del "difesismo"" (1951) si afferma:

"Ininterrottamente, coerentemente, da Marx a Lenin, i rivoluzionari socialisti non hanno mai ricalcata la balorda figura borghese dello 'scongiuratore di guerre', scemo quanto impotente, ma si sono preparati ad essere, nel senso rivoluzionario, opposto a quello del superimperialismo, i 'profittatori di guerra'. Lenin eresse la dottrina del disfattismo e la condusse ad una clamorosa vittoria storica... Quando i partiti proletari sono stati, ad opera del tradimento, messi a 'desiderare' la vittoria di alcuni governi, e a combattere per essi, le forze della rivoluzione mondiale sono andate in rovina."

L'articolo citato è stato scritto settant'anni fa ma, come tutti i fili, è ancora utile per orientarsi. I comunisti di tutti i paesi, dunque, desiderano la disfatta dei propri governi e sabotano la guerra, a cominciare dalla lotta contro il capitalismo in tutte le sue manifestazioni. Naturalmente questo non deve essere interpretato come indifferentismo riguardo ai risultati di un conflitto armato tra stati. Nell'articolo "Wargame. Non solo un gioco" abbiamo visto come la proposizione "trasformare la guerra imperialista in guerra civile" oggi assumerebbe la forma di uno scontro tra forze simmetriche, cioè tra eserciti, un po' come nella guerra civile spagnola (sbocco teoricamente possibile, ma ben poco probabile e tantomeno auspicabile nella nostra epoca).

L'accodarsi alle partigianerie, come da antico vizio di certa sinistra resistenzialista che in molti casi si autodefinisce comunista e che, il più delle volte a chiacchiere, farnetica di intervenire sul campo di battaglia in una sorta di riedizione in chiave contemporanea della Resistenza al nazifascismo, va assolutamente evitato. Attualmente in Ucraina ci sono: un governo ufficiale, delle repubbliche autoproclamate (Donetsk e Luhansk), svariate migliaia di soldati russi, migliaia di mercenari, agenti di intelligence stranieri. Il partigiano trova sempre una parte borghese dietro cui schierarsi ("Marxismo o partigianesimo", 1949), eppure dovrebbe essere chiaro che se l'esercito russo occupasse il paese in pianta stabile ci sarebbe un passaggio di consegne da una borghesia all'altra e per il proletariato non cambierebbe nulla. Nella situazione attuale tutta la popolazione ucraina, compreso il proletariato, è intruppata in formazioni nazionali e usata come carne da cannone.

Non va dimenticato che nel passato si sono verificati movimenti operai significativi durante situazioni di guerra. Gli scioperi torinesi del 1943 si estesero alle principali fabbriche del Nord Italia e, seppur fatti passare come espressione della lotta resistenziale, furono episodi di lotta di classe, agitazioni di carattere economico e contro la continuazione del conflitto in corso. Negli Stati Uniti la guerra in Vietnam produsse decine di migliaia di renitenti alla leva e almeno 10.000 disertori. Il miscuglio di tutte le classi, l'umanitarismo, la non violenza, la difesa dei diritti sono altra cosa dal disfattismo, dall'opposizione reale alla guerra. Negli ultimi giorni in Russia migliaia di manifestanti sono stati arrestati per aver partecipato a manifestazioni contro la guerra; è facile essere pacifisti quando la guerra è altrove, è difficile esserlo quando il proprio paese sta combattendo.

L'esercito russo sta cercando di neutralizzare i sistemi difensivi ucraini e di allargare la propria influenza nel sud del paese. L'Ucraina ha industrie e infrastrutture elettriche datate e le sue centrali nucleari sono un'eredità del passato sovietico. Da tempo l'America arma il paese e addestra i gruppi neonazisti, mentre l'Inghilterra l'ha assistito nell'ammodernamento dei porti sul Mar Nero. Ancora non è chiaro quale sia il reale obbiettivo della Russia e fino a che punto sia raggiungibile. Di sicuro non si tratta di un'operazione lampo, dato che muovere 180 mila soldati è un'operazione complessa e lo sforzo logistico per sostenerli enorme. Tra l'altro, pare che la famigerata colonna blindata lunga 65 km e diretta verso Kiev si sia messa in moto. Dalle immagini pubblicate su alcuni siti si vedono le quattro direttive seguite dell'esercito russo e le città interessate dai bombardamenti (particolarmente duri a Mariupol). In questo, come del resto in altri conflitti, le popolazioni sono usate come merce usa e getta. I cosiddetti corridoi umanitari per far evacuare i civili dalle aree più calde del conflitto sembrano più che altro forme di ricatto tra i paesi belligeranti, e lo stesso vale per i profughi che diventano strumento di pressione geopolitica. La guerra in corso è basata soprattutto sulla disinformazione: ci sono morti e feriti ma non ci sono numeri certi (la Russia ne denuncia 500 tra i suoi soldati, per l'Ucraina invece sono 5mila). Dopo dieci giorni dall'inizio dello scontro militare, il generale Fabio Mini si è spinto a dire che non si tratta ancora di una guerra, bensì di una battaglia di sola propaganda.

Quando si parla di zone conquistate o di bombardamenti è d'obbligo essere cauti: i movimenti delle truppe russe non corrispondono a quelli che vengono mostrati nei telegiornali. È veramente difficile filtrare il vero dal falso. Su Internet, per esempio, non è più possibile seguire l'agenzia russa Tass, o i siti Russia Today o Sputnik, tutti i canali ufficiali della propaganda russa sono irraggiungibili. A noi non è dato sapere cosa si decide nelle varie cancellerie ed essere complottisti, in questo caso, è una virtù e non un difetto. E' passata in sordina la notizia riguardo le decisione della Nato di rafforzare la sua presenza in Romania: nella base aerea Mihail Kogalniceanu sul Mar Nero sono arrivati oltre 500 militari francesi. L'Ucraina, pur non essendo nell'alleanza atlantica, è sotto la tutela degli Usa ed è difficile che quest'ultimi accettino l'invasione senza reagire contro la Russia.

I modelli della complessità hanno il difetto di essere difficili da realizzare e di "ribellarsi" a forme di determinismo meccanicistico alla Laplace; ma sono l'unica maniera per riuscire a tratteggiare lo schema di una realtà così cangiante come quella della guerra. Oggi, a livello globale, siamo alle soglie di una biforcazione che può portare a situazioni completamente diverse da quelle che la classe dominante immagina. La Russia è un paese enorme dal punto di vista geografico ma non vale nulla sul piano economico. Ha un Pil minore di quello italiano, vive di esportazioni di materie prime e ciò gli ha precluso un adeguato sviluppo industriale. I suoi nemici sono in primis gli Usa, e poi la Cina, che sta valutando di investire nei colossi russi attraverso l'aumento di partecipazioni in società del settore energetico e delle materie prime. Pechino è nemica di Mosca, specialmente per quanto riguarda il controllo dell'Asia. Nella rivista di geopolitica Limes si sostiene da tempo che la Federazione Russa è a serio rischio di implosione ("Se crolla la Russia", il numero 6/21). Le maggiori agenzie di rating hanno declassato il debito del paese da B a C e alcune annunciano un imminente default. Il valore del rublo è crollato e le contrattazioni sulla Borsa di Mosca rimangono sospese dopo che i paesi occidentali hanno imposto sanzioni economiche.

Le ripercussioni del conflitto ucraino cominciano a farsi sentire anche in Europa. L'Ucraina è il settimo produttore di frumento al mondo (26 milioni di tonnellate) e il sesto di mais (28 mln di tonnellate). La Russia è il terzo produttore mondiale di grano (73 mln di tonnellate). Ne consegue che oltre ai già noti problemi di approvvigionamento di gas e petrolio russi, si intravede un possibile aumento del prezzo dei cereali in generale e, di conseguenza, del prezzo finale di pane, pasta, carne e latte.

I rincari si abbattono su una crescita economica globale già debole con conseguenze a livello sociale. In Italia, prima gli autotrasportatori e poi i pescatori hanno minacciato iniziative di protesta (blocchi) contro il caro carburante. La crisi capitalistica è di carattere storico e il suo andamento può essere descritto con gli schemi di catastrofe elaborati dal matematico Renè Thom (Stabilità strutturale e morfogenesi. Saggio di una teoria generale dei modelli). Così come la pandemia ha accelerato processi economici e politici già in atto, parimenti sta facendo la guerra in Ucraina o, forse sarebbe più corretto dire, in Europa.

Articoli correlati (da tag)

  • Guerra elettronica e fantaccini terrestri

    La teleriunione di martedì sera, a cui si sono connessi 19 compagni, è iniziata con alcune considerazioni riguardo il recente attacco subito dall'Iran alla luce della "nostra" teoria della guerra.

    Alcuni droni hanno cercato di colpire un sito militare nella città di Isfahan (a sud di Teheran), dove sarebbero immagazzinati missili balistici e droni che la Russia attende dall'Iran. Il ministero della Difesa iraniano ha dichiarato che gli aeromobili a pilotaggio remoto erano tre: uno è stato colpito dal sistema di difesa antiaerea del complesso e gli altri due sono esplosi.

    Secondo il Wall Street Journal, che cita fonti USA, l'autore dell'attacco sarebbe Israele, mentre Al Arabiya sostiene il coinvolgimento degli Stati Uniti. In ogni caso, sia Israeliani che Americani hanno tutto l'interesse a contenere la sfera di influenza di Teheran e le sue capacità militari. "Tutte le opzioni sono sul tavolo per impedire che Teheran ottenga l'arma nucleare", ha affermato il segretario di Stato americano Antony Blinken. Nel recente passato è stato eliminato il responsabile del programma nucleare di Teheran, un comandante dei pasdaran; e prima ancora, nel 2010, c'era stato l'attacco informatico condotto dagli USA con il virus Stuxnet all'impianto di arricchimento di Natanz. In seguito, l'Iran ha investito molto sulla cyber security e ha sviluppato un settore informatico militare, l'Iran's Cyber Army, che è stato testato nell'attacco dello scorso anno all'Albania.

  • Escalation economica, militare e sociale

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 15 compagni, è cominciata commentando la notizia di stampa sull'esaurimento delle scorte di munizioni da parte dei paesi Nato.

    Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, dopo la firma della dichiarazione congiunta per la cooperazione tra Nato e Ue, ha dichiarato: "Gli alleati della Nato e i membri dell'Ue hanno esaurito i loro stock per fornire supporto all'Ucraina e questa è stata la cosa giusta da fare perché riguarda anche la nostra sicurezza". Riguardo al conflitto in corso, ha aggiunto: "La Russia ha subito grandi perdite in Ucraina ma non dobbiamo sottostimarla, Mosca sta mobilitando nuove truppe e nonostante le sofferenze sta mostrando la volontà di continuare la guerra. Non c'è alcuna indicazione che Putin abbia cambiato i propri obiettivi sull'invasione dell'Ucraina. Dobbiamo essere preparati ad una lunga guerra e a proseguire il supporto all'Ucraina."

    Il supporto all'Ucraina ora comprende l'invio di mezzi di fabbricazione tedesca Leopard 2, tra i migliori carri armati al mondo. Fino all'ultimo, la Germania ha cercato di evitare un coinvolgimento diretto nella guerra ma poi ha dovuto cedere alle pressioni della Polonia e dei Paesi baltici, e degli Stati Uniti, che in cambio hanno promesso di inviare a Kiev carri armati di terza generazione M1 Abrams. Ciò significa che vi sarà un'escalation bellica ("What Western tanks should give Ukraine in the next round of the war", The Economist, 22.01.23).

  • Aveva ragione Marx?

    La teleriunione di martedì sera, presenti 19 compagni, è iniziata commentando il numero 11/2022 di Limes, interamente dedicato alla situazione negli Stati Uniti d'America.

    La tesi principale sostenuta dalla rivista di geopolitica è che gli USA sono un paese pericolosamente disunito, specialmente senza un nemico esterno riconoscibile che faccia da collante sociale. La guerra civile del 1861-1865 ha sì sancito l'unione degli stati federali, ma la nazione è rimasta fortemente divisa e perciò adesso rischia di spaccarsi. Questa divisione interna agisce profondamente e può essere riscontrata persino nei contrasti tra i vari servizi di sicurezza (FBI, CIA, ecc.). Milioni di americani vedono Washington come lontana sede della burocrazia, lo stato federale è percepito come un alieno e, secondo alcune frange della destra alternativa (ma non solo), come un nemico da combattere.

    La parte interessante dell'editoriale della rivista ("Lezione di Yoda") è quella dedicata al ruolo delle forze armate statunitensi: non esiste alcun esercito che possa essere paragonato a quello americano e questo potrebbe diventare l'ago della bilancia in caso di una pesante crisi sociale. Secondo Limes, la tattica delle rivoluzioni arancioni, utilizzata dagli USA in giro per il mondo per rovesciare governi non graditi, potrebbe funzionare come un boomerang, e l'assalto a Capitol Hill ne è una prima dimostrazione. Il 40% degli americani, rilevano alcuni sondaggi, approverebbe un colpo di stato militare per stroncare la corruzione diffusa (il 54% sono elettori repubblicani e il 31% democratici). L'intelligence lavora costantemente con i wargame, le simulazioni di guerra al computer: chi opera per sventare colpi di stato o insurrezioni deve avere il polso della situazione. Lo Stato profondo, quello degli apparati, impegnato a mantenere la stabilità, proprio a causa della crisi di sistema in corso potrebbe diventare un elemento di instabilità. D'altronde, giunte ad un certo punto, le società sono costrette a rivoluzionarsi per non perdere ciò che hanno conquistato.

Rivista n°52, dicembre 2022

copertina n°52

Editoriale: Niente di nuovo sul fronte orientale

Articoli: La malattia non esiste, parte prima - Un sistema che ingegnerizza sé stesso? - La riduzione dell'orario di lavoro non è più un tabù

Rassegna: L'ennesima conferenza sul clima - Polarizzazione crescente - Pericolose tempeste"

Recensione: Gaia, le macchine autoreplicanti e l'intelligenza collettiva

Doppia direzione: Più "avanzato" lenin o Bogdanov? - Cooperazione e sostegno

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email