Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  17 ottobre 2023

Guerra civile generalizzata

La Sinistra definì positivo l'impianto di capitalismo modernissimo avvenuto con la fondazione dello Stato di Israele nel 1948. Durante la teleriunione di martedì sera, a cui hanno partecipato 17 compagni, abbiamo ripreso questa affermazione.

Per ribadire il concetto può tornare utile ricordare quanto scrivevano Marx ed Engels a metà Ottocento riguardo la necessità di una profonda rivoluzione nei rapporti sociali dell'Asia: se tale sommovimento è necessario, qualunque sia il crimine perpetrato dall'Inghilterra in India, essa si è fatta strumento inconscio della storia. Per i padri della teoria comunista c'è qualcosa nella storia umana di simile a una legge del contrappasso, e uno degli articoli di questa legge è che lo strumento di emancipazione sia forgiato non dagli offesi, ma da coloro che offendono (India, Cina, Russia. Le premesse per tre rivoluzioni).

La vittoria delle rivoluzioni anticoloniali ha dato modo di estendere la rete capitalistica al mondo intero e di sviluppare le basi del comunismo (lavoro associato). È da notare che tutte le ultime rivoluzioni nazionali borghesi (Congo, Algeria, Angola, Mozambico) avevano carattere urbano ed erano improntate a metodi più proletari che contadini (scioperi generali). Il trapianto di elementi di capitalismo in Israele ha fatto fare un passo in avanti a tutta l'area, saltando un passaggio storico:

"Israele rappresenta un vero e proprio trapianto di capitalismo moderno nelle plaghe desertiche della Palestina rimaste nell'abbandono per decine di secoli. La rivoluzione industriale capitalista vi ha raggiunto il limite estremo delle possibilità storiche, costituendo un esempio di rivoluzione borghese fino in fondo, dato che è assente ogni traccia dei preesistenti rapporti feudali". ("La crisi del Medio Oriente", 1955)

Nell'articolo la Sinistra afferma che gli USA hanno sostenuto la nascita dello Stato di Israele al fine di stabilire una testa di ponte in Medioriente. Essi non hanno riprodotto lo schema delle vecchie potenze coloniali, ovvero appoggiarsi alle dinastie arabe per mantenere un controllo diretto del territorio, ma al contrario hanno finanziato e sostenuto la costituzione d'una moderna repubblica borghese esercitando un controllo indiretto. Ai fini della propria politica di conservazione, gli USA hanno sbloccato rapporti sociali pietrificati, avviando in una zona economicamente arretrata la corsa all'industrializzazione.

Il sostegno dei comunisti alle lotte di liberazione nazionale non è stato ideale ma pratico, finalizzato allo sviluppo dell'industria e del mercato interno e alla formazione di un proletariato combattivo pronto a lottare per sé. Il ciclo di lotte anticoloniali si è chiuso, oggi rimane solo la lotta di classe contro il capitalismo. E il primo nemico contro cui scagliarsi è la propria borghesia.

Nell'articolo "Il vicolo cieco palestinese" (n+1 n. 5, settembre 2001) abbiamo visto come sia impossibile una risoluzione della cosiddetta questione palestinese rimanendo all'interno dei rapporti sociali capitalistici, essa può trovare una conclusione solo per mezzo di un sommovimento generale. La rivoluzione borghese in quell'area è già compiuta ed ha segno israeliano, una seconda rivoluzione di segno palestinese non ha storia, né passata né futura. Durante la Primavera araba milioni di manifestanti si sono mossi contro lo stato di cose presente in Tunisia, Egitto e Siria, ma anche in Palestina e Israele. Si è trattato di un'ondata di rivolta talmente potente che è arrivata fino all'Europa e agli Stati Uniti ed ha visto la nascita di Occupy Wall Street. È questa la strada da seguire: la lotta dei senza riserve di tutto il mondo contro il sistema dell'1%.

La guerra non è un fenomeno che si lascia adoperare, quando inizia va fino in fondo. Riguardo a quanto accaduto il 7 ottobre, oltre al fallimento dell'intelligence israeliana, bisognerebbe interrogarsi anche su quello dei servizi segreti occidentali, in primis americani, sintomo di una situazione mondiale sempre più fuori controllo. Israele sta tardando a invadere la Striscia di Gaza perché, evidentemente, non ha un piano per il dopo, e se ce l'ha, non trova tutti d'accordo a Tel Aviv e a Washington. Per eliminare Hamas bisognerebbe occupare per parecchi mesi la Striscia, pagando un prezzo altissimo in termini di vite umane e d'immagine. Inoltre, qualunque cosa accada a Gaza, non bisogna dimenticare che Hamas è insediato anche in Cisgiordania e ha basi in altri paesi. E poi, anche se Israele riuscisse a distruggerlo, chi controllerebbe le masse palestinesi? Nel 2005 gli Israeliani hanno dovuto abbandonare la Striscia proprio perché ingestibile.

Senza una strategia politica per il "giorno dopo", qualsiasi intervento d'Israele, anche se vittorioso sul campo, sarebbe destinato a fallire. Lo nota anche l'Economist ("Israel needs to resist irrational retaliation"), ricordando quanto successo agli Israeliani in Libano nel 1982 e agli Americani in Afghanistan dopo il 2001:

"La 'guerra globale al terrorismo' dell'America è iniziata trionfalmente. Appena due mesi dopo gli attacchi di al-Qaeda contro l'America nel settembre 2001, le forze guidate dagli americani avevano il controllo di Kabul, la capitale dell'Afghanistan. Il governo talebano era scomparso. Al-Qaeda è stata perseguitata. Il suo leader, Osama bin Laden, è stato rintracciato in Pakistan e ucciso nel 2011. Ma i talebani hanno portato avanti una insurrezione crescente. Avendo perso più di 2.400 militari, l'America se ne andò nel 2021. Il governo afghano crollò quasi immediatamente e i talebani tornarono al potere."

Oltre a Gaza, c'è un fronte bollente anche in Cisgiordania: a Jenin, Nablus, Gerico sono nate brigate palestinesi di autodifesa, dato che l'Autorità Nazionale Palestinese non conta più niente. Le brigate sono composte da giovani palestinesi nati nei campi profughi, che non hanno nulla da perdere e sono posti di fronte alla scelta di morire subito o lentamente. Si organizzano tramite social network come Tik Tok. Nella città vecchia di Nablus l'esercito israeliano è dovuto entrare con i carri armati per sgominarle, e dall'inizio dell'anno si sono verificati diversi scontri con i soldati che hanno causato più di 200 vittime, per la maggior parte Palestinesi.

Non si può comprendere la natura del conflitto in corso limitandosi alla Palestina, bisogna guardare a quello che succede nel complesso scacchiere mediorientale e oltre. Hamas e le forze borghesi che lo sostengono usano i Palestinesi come carne da cannone per i loro interessi. Ci sono paesi che vogliono far saltare gli accordi di Abramo tra Arabia Saudita e Israele e mirano a compattare il mondo islamico contro l'occupante israeliano. Qatar (alleato della Turchia) e Iran (finanziatore di Hezbollah) sono tra i maggiori sostenitori di Hamas, e non vedono di buon occhio l'asse Tel Aviv-Riyad. Ogni stato elabora i suoi wargame, che vengono aggiornati in base alle mosse del nemico.

Dal punto di vista militare l'attacco condotto da Hamas rappresenta un nuovo modo di condurre la guerra, più leggero (alianti, droni, ecc.), ma non per questo meno efficace. È stato colpito in profondità il nemico, mettendo in crisi le politiche di deterrenza d'Israele basate sulla minaccia di far pagare un caro prezzo a chi osa attaccarlo. In seguito al bombardamento di un ospedale a Gaza, è stata assaltata l'ambasciata israeliana in Giordania. Recentemente un "lupo solitario" ha compiuto un attentato a Bruxelles. La guerra civile si sta diffondendo nel mondo e tutti sono coinvolti. Israele è in guerra dalla sua fondazione, ma questa situazione non è accettata da tutti: al suo interno è nato un movimento di riservisti che rifiutano di prestare servizio nei territori occupati, di reprimere la popolazione palestinese e di partecipare ai rastrellamenti di massa; molti di loro vengono messi in carcere ("Dal fronte interno israeliano"). Durante le grandi manifestazioni contro la riforma della giustizia di Netanyahu, migliaia di riservisti si sono schierati contro il governo annunciando che avrebbero respinto la chiamata dell'esercito. Ora, grazie all'operazione militare di Hamas, il fronte interno israeliano si è ricompattato, ma non è detto che lo sarà per lungo tempo.

Alla nostra casella di posta elettronica sono arrivati vari comunicati di gruppi di sinistra e di sindacati di base che invitano a schierarsi, senza se e senza ma, con la resistenza palestinese (non spiegando però da chi è diretta e per quali fini). Se il partigiano è colui che si schiera per una parte borghese contro l'altra, non importa se per soldi o per ideologia, "il militante del partito rivoluzionario è il lavoratore che combatte per sé stesso e per la classe cui appartiene". ("Marxismo o partigianesimo", 1949)

Articoli correlati (da tag)

  • La potente difesa del programma

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con un breve report della conferenza tenuta a La Spezia lo scorso sabato 1° giugno. L'impressione che abbiamo avuto è stata positiva, sia perché ci siamo incontrati tra compagni di diverse località, sia perché abbiamo avuto modo di presentare la rivista.

    Si è passati poi a commentare "Il ciclo storico del dominio politico della borghesia", facente parte delle Tesi del dopoguerra, una potente difesa del programma comunista. È sempre utile rileggere i testi della Sinistra perché si prestano a molteplici collegamenti con il presente e il futuro. Se nel testo "Il ciclo storico dell'economia capitalistica", analizzato la scorsa settimana, si tratta maggiormente l'aspetto materiale dello sviluppo del capitalismo, in questo viene esaminato l'aspetto politico-organizzativo del dominio di classe della borghesia.

    Lo scontro armato che portò alla vittoria della classe borghese su quella feudale fu anche battaglia di idee e teorie. Le classi feudali costruivano la loro sovrastruttura dottrinale su categorie immutabili, come ad esempio la religione; la nascente borghesia mette in discussione tutte le concezioni tradizionali e proclama, contro il dominio dell'autorità, quello della ragione umana. La borghesia impone una nuova impalcatura ideologica che si basa su libertà, eguaglianza e fraternità.

    Nel filo del tempo "Fiorite primavere del Capitale" viene affrontato il tema dei motori, degli attori, dei militi e degli stili delle rivoluzioni. Gli utensili vivi che combattono per la vittoria della rivoluzione borghese non sono coloro che ne beneficiano direttamente. I grandi commercianti e le classi privilegiate non lottano sul campo per la propria rivoluzione, mentre la lotta materiale viene portata avanti dalla massa composta da "garzoni di bottega, lavoratori delle prime manifatture, modesti artigiani, soldati senza ingaggio", ecc.

  • Chiusura di un ciclo storico

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con il commento del testo "Il ciclo storico dell'economia capitalistica" (Prometeo n. 5 del 1947), nel quale si dimostra che il capitalismo nasce all'interno della società feudale, e che è possibile delineare una dinamica storica che va dalla bottega artigiana alla manifattura, fino alla fase senile del capitalismo in cui la finanza domina l'industria.

    Ad un certo grado di sviluppo delle forze produttive si verifica una scissione tra chi detiene i mezzi di produzione, i datori di lavoro, e gli operai, che non sono più padroni del prodotto del loro lavoro. L'artigiano, che precedentemente poteva compiere tutte le operazioni utili alla produzione, viene sostituito da un operaio complessivo (lavoro associato) che è la somma di tanti operai parziali. La figura unitaria dell'artigiano si sdoppia: appaiono sulla scena storica il capitalista e il salariato. All'interno della vecchia società maturano gli elementi della nuova, e questo vale anche per la prossima rivoluzione, che sarà a titolo umano. Giunto il capitalismo alla sua fase suprema, l'imperialismo, la stessa figura dell'imprenditore, quello che veniva chiamato padrone, praticamente non esiste più, sostituito da funzionari lautamente stipendiati oppure addirittura da algoritmi.

    Ne "Il ciclo storico dell'economia capitalistica" c'è un riferimento al maggior rendimento della produzione capitalistica rispetto a quella feudale: grazie ai risultati della produzione nelle fabbriche (sistema di macchine), il capitalismo riesce a produrre a minor costo. La rivoluzione è un fatto anti-entropico: la prossima forma sociale sarà a più alto rendimento energetico. La spersonalizzazione del capitalismo può essere rintracciata anche nei fatti di cronaca raccolti dai giornali; recentemente, Luciano Benetton ha addossato la responsabilità di un buco di cento milioni di euro nel bilancio della sua impresa di famiglia al manager che aveva assunto alla guida del gruppo: "Mi sono fidato e ho sbagliato. Sono stato tradito nel vero senso della parola. Qualche mese fa ho capito che c'era qualche cosa che non andava. Che la fotografia del gruppo che ci ripetevano nei Consigli di amministrazione i vertici manageriali non era reale". Da tempo i capitalisti hanno delegato a tecnici la direzione delle proprie imprese. La corrente cui facciamo riferimento, in un lavoro fondamentale come Proprietà e Capitale, già nel 1948 descriveva una società in cui vi sono un capitale senza capitalisti e capitalisti senza capitale.

  • Terremoti naturali, economici e sociali

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con alcune considerazioni riguardo l'emergenza nei Campi Flegrei, a ovest della città di Napoli, dove da giorni si susseguono scosse di terremoto.

    L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) nota che l'area flegrea è soggetta a bradisismo (movimento lento del suolo), e non si possono escludere altri eventi sismici di energia analoga o superiore a quanto già registrato durante lo sciame sismico in corso. I Campi Flegrei sono una vasta area vulcanica attiva con una struttura detta "caldera", cioè un'area ribassata di forma quasi circolare che si è formata per effetto di eruzioni esplosive del passato. Secondo un articolo pubblicato sulla rivista Nature, si prefigurano tre possibili scenari: 1) un fenomeno di equilibrio in cui il sollevamento del suolo rallenta fino ad assestarsi, 2) un fenomeno di oscillazione per cui il suolo sale e scende, 3) un sollevamento continuo che porta la crosta superiore a rompersi completamente. La situazione è dunque rischiosa per tutta l'area, soprattutto perché si tratta di una delle zone più densamente abitate d'Italia. Un vulcano su dieci, tra quelli storicamente attivi sul pianeta, è una grande caldera di oltre 5 km di diametro. Spesso si verificano diversi episodi sismici nel corso di decenni prima che questo tipo di vulcano esploda; tali episodi appartengono ad un'unica sequenza evolutiva, per cui il comportamento di ciascun evento dipende dall'effetto cumulativo dei suoi predecessori.

Rivista n°54, dicembre 2023

copertina n° 54

Editoriale: Reset

Articoli: La rivoluzione anti-entropica
La guerra è già mondiale

Rassegna: Polarizzazione sociale in Francia
Il picco dell'immobiliare cinese

Terra di confine: Macchine che addestrano sè stesse

Recensione: Tendenza #antiwork

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email