E' online il numero 44 di n+1

Invitiamo tutti ad abbonarsi comunque alla copia cartacea per aiutarci a mantenere questo tipo di diffusione, ad esempio presso le biblioteche.

n+1 rivista n°44

Editoriale: Duecento anni nel nome di Marx

Articoli: Marx 1818-2018 - Imperialismo in salsa cinese - Plaidoyer per il cemento - A che punto è la "crisi" - Comunismo e agricoltura

Terra di confine: Il capitalismo non è eterno

Rassegna: Dennett, Dai batteri a Bach e ritorno

Doppia direzione: La misura e la scienza - La sovrapposizione fra modi di produzione

Appuntamenti

24

Mar

Seminario: "La socializzazione fascista e il comunismo"
Comitato di lotta Viterbo - Officina Dinamo
via del Suffragio 18 (VT) - ore 15.30

15-17

Mar

73° incontro redazionale
Temi: - La transizione alle classi, - In margine alla teoria rivoluzionaria della conoscenza, - Lo strano caso Olivetti, - Prospettiva di lavoro. Leggi la locandina >>>

14-16

Dic

72° incontro redazionale
Temi: - Taylorismo, managerialismo e impersonalità del Capitale, - Lo stato a pezzi, - Fiorite primavere delle rivoluzioni, - Prospettiva di lavoro. Leggi la locandina >>>

Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  16 ottobre 2012

Il capitalismo non può nutrire i suoi schiavi

In apertura della riunione abbiamo condiviso alcune impressioni rispetto agli incontri pubblici tenuti da Loren Goldner organizzati a Milano e a Torino. Goldner ha affrontato il discorso su OWS e sulla cosiddetta ripresa della lotta di classe statunitense a partire dal crash finanziario del 2008 in maniera assolutamente sociologica senza riuscire ad individuare una prospettiva nelle lotte che si sviluppano a livello globale, senza mettere a fuoco i processi economici e le risposte sociali. Trattandosi di un sociologo, non ci si aspettava grandi teorizzazioni ma quantomeno un'analisi più articolata, dal momento che Goldner ha anche scritto alcuni articoli dedicati a Bordiga e alla "comunità materiale". Oltre al taglio profondamente sociologico quindi, è emerso anche quello vetero-sindacale che vede la lotta di classe esclusivamente legata alla presenza di un proletariato industriale produttivo, proprio quel proletariato idealisticamente compianto che negli Stati Uniti si è drasticamente ridotto a seguito della deindustrializzazione iniziata negli anni Settanta.

La politica economica americana sta fornendo dati davvero interessanti in questo periodo. Basta leggere i due articoli comparsi il 15 ottobre sull'inserto "Affari e Finanza" di Repubblica per capire come "l'effetto precipizio" sia sempre più avvertito e come i tempi si facciano sempre più vicini. Rampini affronta la definizione del "fiscal cliff", letteralmente rupe fiscale al di là della quale c'è solo il precipizio e vede nel 2013 una caduta drastica dei consumi negli Stati Uniti ed un ulteriore aumento della disoccupazione, entrambi elementi devastanti per un paese che da due anni ha visto superare il PIL dal debito dei singoli consumatori (sedici miliardi di dollari pro capite). Krugman invece commentando le vicine elezioni americane dimostra come, se dovesse venire eletto il repubblicano Romney, ne vedremo delle belle perchè sarebbe davvero deleterio per ciò che resta dello già sbrindellato stato sociale americano.

Qualche aggiornamento su OWS arriva dal Global Noise day del 13 ottobre che sembra aver attecchito a livello globale. Su Twitter è circolato anche qualche riferimento alla manifestazione organizzata a Taranto dal movimento "Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti" che pur non rientrando direttamente nella call di Occupy, è stata considerata come iniziativa affine e collegata. Anche in Portogallo assistiamo a segnali di rabbia generalizzata da parte di larga parte della popolazione e i tentativi di assedio del parlamento diventano sempre più frequenti in Europa. Non si tratta più di sporadici tentativi ma di invarianti: abbiamo visto la stessa dinamica a Madrid e ad Atene. Se ci fermassimo agli slogan lanciati dai manifestanti, sembrerebbe che siamo al solito rifiuto della classe politica ma se guardiamo complessivamente la dinamica materiale che spinge migliaia di persone a puntare direttamente sui parlamenti, allora le cose assumono ben altra forza. Anche sul blog di Debora Billy si trova un articolo interessante che descrive bene le contraddizioni cui le forze dell'ordine spagnole hanno dovuto far fronte nel sedare un movimento fatto di giovani, donne e anziani.

Anche a livello sindacale e politico l'avanzare delle crepe economiche e sociali produce i suoi effetti e facendo una ricognizione di news dal web attraverso siti particolarmente attivi, si vede come inizino a circolare in maniera sempre più diffusa riferimenti al reddito garantito, al reddito di cittadinanza, al sostegno al reddito. Per ora siamo ancora ad un livello in cui politici ed esponenti di movimenti e centri sociali si improvvisano ragionieri al servizio dello Stato e provano a calcolare con l'abaco democratico quanto sarebbe necessario ridistribuire proponendo parametri e possibili riforme con relativi referendum e raccolte di firme. Sembra sia in corso una campagna europea per la richiesta di reddito garantito e alcuni gruppi nostrani vi hanno aderito spingendo la richiesta di 600 miseri euro mensili. Su Chicago86 è stato pubblicato nella sezione feedback un comunicato inviato da il collettivo di Rho "La Sciloira" che, al di là del semplicistico discorso sul collegamento Stato-mafia, avanza la richiesta di salario per i disoccupati come unica possibilità per strappare la popolazione giovanile al ricatto del massimo sfruttamento e alla criminalità organizzata. Come scritto nelle rubrica "doppia direzione", salario e reddito rappresentano due concetti differenti: "Il reddito di cittadinanza — che come il salario ai disoccupati non è di per sé impossibile da realizzare — è teorizzato in base al principio illuministico che ogni individuo deve partecipare a una quota minima della proprietà generale, mentre il salario ai disoccupati è… un salario. Infatti, socialmente, è inevitabile che si rifletta sul valore della forza-lavoro, e questo valore non è calcolabile in base ad alcun criterio ragionieristico ma è dovuto ai soli rapporti di forza". Comunque, un salario minimo ai disoccupati non è incompatibile con il capitalismo ("Il reddito di cittadinanza è per esempio riconosciuto dalla regione Campania per le famiglie sotto la soglia di povertà, ma è anche una pratica abbastanza comune nel mondo islamico, dove una parte della raccolta di fondi delle moschee va a sostegno delle famiglie bisognose"). Il punto teorico centrale è che neghiamo al capitalismo la possibilità di nutrire i suoi schiavi (Mai la merce sfamerà l'uomo). Se non fosse cosi, il capitalismo sarebbe eterno. Ciò che ci interessa sottolineare è che più la società capitalistica invecchia, più si restringono i margini di rivendicazione e sempre più sinistri sono obbligati a far proprie parole d'ordine che la nostra corrente aveva anticipato sin dal 1922 quando con l'Alleanza del Lavoro non solo rivendicava l'unità delle lotte ma anche un salario garantito calcolato a seconda dei componenti del nucleo famigliare. Proletari occupati e disoccupati fanno parte di un'unica classe e unitaria deve essere la loro lotta.

Sul sito MicroMega è comparsa una intervista a Luciano Gallino, che demolisce il centro sinistra dimostrando che non ha più alcuna funzione sociale e politica. Il sociologo sostiene che per superare la crisi, gli Stati debbano mettere in atto un nuovo New Deal che sponsorizzi un consistente piano di opere pubbliche e consenta accesso al reddito e ai consumi. Sarebbero queste le rivendicazioni che il centro sinistra non è più in grado di avanzare. Per quanto si senta parlare sempre più di frequente di accesso al reddito, non si capisce bene da dove si possano ricavare le risorse per garantire alle famiglie italiane i 600 euro mensili di cui sopra. Se anche facessimo un calcolo, e dovessero essere garantiti seicento euro a dieci milioni di famiglie, raggiungeremmo lo 0,5% del PIL italiano. Al momento non è ben chiaro se questi sostenitori del "reddito garantito" e/o "dell'accesso al reddito" suggeriscano di stampare moneta da lanciare dagli elicotteri alla Friedman o se keynesianamente propongano di scavare buche per poi riempirle e rianimare l'economia attraverso la produzione di merci materiali. E' certo che in una crisi di sovrapproduzione entrambe le formule non sono sufficienti a determinare alcuna soluzione. Comunque, la storia marcia in una certa direzione che è quella dell'inevitabile crollo del capitalismo e presto non potremo che assistere alla nascita spontanea di movimenti che rivendicano salario al di là del calcolo ragionieristico su quanto potrebbe valere la propria vita.

Stiamo sicuramente assistendo al veloce accumularsi di contraddizioni a molteplici livelli. Una conferma ci arriva da parte di tutti i "recenti" movimenti separatisti, indipendentisti e autonomisti che stanno rianimandosi (vedi Spagna, Scozia, Belgio, ecc.) in seguito all'acutizzarsi della crisi. Questo processo non riguarda solo la vecchia Europa ma è parte integrante anche di paesi come il Brasile in cui sorgono veri e propri stati nello stato governati da gruppi criminali che lo stesso governo fatica a controllare e reprimere. La crisi ormai cronica della forma Stato produce queste dinamiche secessioniste e mina fortemente la possibilità per i paesi europei di poter affrontare in maniera coesa l'austerità e le sue conseguenze pratiche. Se potessimo scegliere auspicheremo la formazione di un'Europa unita e centralizzata con un esecutivo ben visibile contro cui scagliare le forze rivoluzionarie. Come si legge in un Filo del tempo intitolato "United States of Europa" la frammentazione degli Stati non conduce ad uno sviluppo immediato di movimenti rivoluzionari e la scomposizione degli Stati in unità particolari è un portato della controrivoluzione in corso.

Resta il fatto che all'interno dell'Europa possiamo riconoscere tutta un'area che risulta particolarmente esplosiva composta da nord Italia, est della Francia e area germanica. Se anche dovesse partire dalla Cina un potente movimento rivoluzionario, questo produrrebbe una serie di processi a catena che coinvolgerebbero velocemente il cuore dell'Europa. La Germania rappresenta un nodo centrale che accumula forti contraddizioni: "Se una soluzione al problema dell'organizzazione di Europa sarà data dal levarsi del potente, in quantità e qualità, proletariato della grande Berlino, ciò sarà solo col programma - teoretico, organizzativo, politico, militare - di costituire in una guerra civile contro gli armati venuti da Est e da Ovest, una Comune di Berlino. Di tutta Berlino. Questa sarebbe la dittatura operaia in Germania, in Europa la rivoluzione mondiale."
Essa giocherà un ruolo importante nella futura rivoluzione in quanto ha avuto da sempre una funzione di "attrattore strano" e storicamente ha sempre dovuto affrontare la "strategia della disfatta". In futuro le forze del vecchio modo di produzione saranno di nuovo tutte coalizzate contro il proletariato tedesco in armi.
Dalle invasioni barbariche alle lotte dei contadini del 1500, questo stato si è sempre trovato accerchiato. Ci sono due testi in particolare che provano a spiegare l'ascesa della borghesia e la fine del feudalesimo in Germania. La guerra dei contadini viene considerata come la prima rivoluzione di una borghesia più europea di quella inglese e anticipatrice di quella rivoluzionaria in Francia. Il sistema renano è del tutto esaurito, superato, le cifre sulla disoccupazione in Germania sono simili a quelle degli Stati Uniti così come quelle che misurano la miseria: tredici milioni sono i poveri in Germania e la maggior parte è costituita da ragazzi e giovani. D'altronde non potrebbe essere che così se prendiamo per buono quanto scritto nel Manifesto del 1848: dove c'è maggiore concentrazione di ricchezza c'è maggiore divario tra ricchi e poveri.

Per quanto riguarda quanto accade tra Turchia e Siria (ossia tra Usa e Russia), sembra ci siano dei risvolti interessanti che danno chiaramente l'idea di quali sono le caratteristiche dei recenti conflitti bellici e di quali concatenazioni essi producono.

In ultimo si è fatto un veloce accenno al movimento dei lavoratori delle miniere sudafricane che da questa estate non si è mai fermato. In Sudafrica i lavoratori stanno continuando gli scioperi rifiutandosi di tornare al lavoro e rischiando il licenziamento (e la vita). Sono 75.000 i lavoratori che continuano a chiedere aumenti di salario e ci sono stati altri 128 arresti nelle diverse aree in cui si è diffuso il movimento.

Articoli correlati (da tag)

  • L'industria della disoccupazione

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata commentando le ultime notizie in merito all'applicazione del Reddito di Cittadinanza (RdC) in Italia.

    Il governo ha fissato alcuni criteri per l'avvio della misura economica, tra questi ci sono l'erogazione di 780 euro mensili per chi vive da solo e in affitto, e l'obbligo, per i Centri per l'Impiego, di proporre ai percettori del reddito un'occupazione che preveda un salario di almeno 858 euro. Nel frattempo pare che il conflitto tra Anpal e Regioni riguardo i navigator sia stato risolto: saranno 3 mila coloro che dovranno impegnarsi a trovare un lavoro alle centinaia di migliaia di senza riserve. Un compagno ha segnalato l'articolo "Quarantamila posti di lavoro per (non) trovare lavoro agli altri" di Sergio Rizzo, pubblicato su Repubblica il 10 marzo scorso, in cui vengono ricordate, oltre ai navigator, tutte quelle figure professionali impiegate presso i centri di formazione, le agenzie regionali, ecc., per la gestione dei senza lavoro. Si tratta, in media, di 1 addetto ogni 150 disoccupati, una quantità enorme di "risorse umane" che dovrebbero occuparsi del problema della disoccupazione per risolverlo, e invece vivono grazie ad esso.

  • Africa, marasma sociale e lotta di classe

    Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 14 compagni, abbiamo ripreso l'articolo "Imperialismo in salsa cinese", pubblicato sul numero 44 della rivista, e in particolare il capitolo "Le mani sull'Africa".

    Il continente africano misura 30 milioni di km/q ed è formato da 54 stati che contano circa 1,2 miliardi di abitanti, una popolazione molto giovane e in costante crescita. Ciononostante, i maggiori media occidentali di rado si occupano delle vicende africane, se non in occasione di guerre particolarmente cruente o in relazione ai flussi migratori. Invece, quel territorio ha un'importanza strategica per molti paesi, a cominciare dalla Cina, che da tempo lì sta costruendo porti, strade e ferrovie.

    Comunque sia, gli investimenti cinesi non saranno mai sufficienti a far diventare l'Africa una valvola di sfogo per il sistema capitalistico in crisi cronica di sovrapproduzione. Pechino investe in infrastrutture, acquista compagnie petrolifere ed estrattive africane, ma se mai dovessero sorgere nuove industrie esse sarebbero ultramoderne e automatizzate, rispecchiando il livello massimo raggiunto dai paesi a vecchio capitalismo. L'accoppiata capitali cinesi e risorse naturali africane potrebbe sembrare vincente, in realtà prepara situazioni esplosive sia a livello geopolitico che a livello ecologico. Pensiamo all'interscambio di persone tra Cina e Africa, che per ora è rappresentato da qualche decina di migliaia di studenti e operai africani che vengono addestrati in Cina, e da tecnici e operai cinesi che vengono mandati a lavorare in Africa: i numeri sono bassi rispetto al numero delle popolazioni in gioco (Cina e Africa messe assieme fanno quasi 3 miliardi di persone), ma in costante aumento.

  • Tutto il mondo è polarizzato

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 16 compagni, è iniziata con il commento dell'articolo "Tutto il mondo è polarizzato", di Moisés Naím, pubblicato su La Repubblica lo scorso 4 febbraio. Il giornalista, che dal 1989 al 1990 è stato ministro del Commercio e dell'Industria del Venezuela, descrive quasi con le nostre parole la paludosa situazione in cui versa il mondo:

    "Il governo della superpotenza mondiale è in stallo, mentre il governo di un'ex superpotenza — il Regno Unito — è in preda alla paralisi, dopo una raffica di ferite autoinflitte. Angela Merkel, che fino a poco tempo fa era la leader più influente d'Europa, si avvia al ritiro. Il suo collega francese deve far fronte a una sorprendente rivolta, i famosi Gilet gialli. L'Italia, il Paese con la settima economia mondiale, attualmente è governato da una fragile coalizione, con leader così diametralmente opposti e dichiarazioni così sconcertanti che non si sa se ridere o piangere; sembra che gli italiani abbiano deciso di vedere com'è quando il malgoverno viene spinto ai limiti più estremi. In Spagna, il capo del governo non è nemmeno stato eletto da una maggioranza parlamentare, ma è arrivato al potere grazie a un tortuoso processo legislativo."

Materiale ricevuto

Lavori in corso

Doppia direzione

  • Ancora superimperialismo
    Devo dire che la vostra riunione sulla guerra irachena come "capitolo di una guerra generale" mi ha lasciato un po'…
  • Parole d'ordine a ruota libera
    La guerra è un grosso problema e capire quella d'oggi non è facile. È vero, come dite, che si deve…

Rivista n°43, aprile 2018

copertina n°43f6Editoriale: Si fa presto a dire moneta
f6Articoli: Dimenticare Babilonia - L'eredità problematica
f6Rassegna: Il missil prodigo - Big data a tutto spiano - Mangime standard per umani - Elezioni pop
f6Terra di confine: Elementare, Watson
f6Spaccio al bestione trionfante: L'urlo del bonobo
f6Recensione: Verso un nuovo paradigma
f6Doppia direzione: Lavorare è bello

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 232, 12 febbraio 2019

f6Per qualche dollaro in meno
f6La lunga notte della sonda cinese
f6Le nuove armi di Pechino
f6Shutdown
f6Venezuela
f6La valle della morte
f6Italia
f6Gilet gialli

Leggi la newsletter 232
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email