Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  16 gennaio 2018

Necessità di governi tecnici e di tecnici al governo

La teleconferenza di martedì sera, presenti 14 compagni, è iniziata commentando la situazione politica italiana a pochi mesi dalle elezioni e l'ipotesi di un'eventuale formazione di un governo tecnico qualora il risultato delle urne non permettesse la costituzione di una maggioranza politica. A tal proposito, Curzio Maltese, su Il Venerdì di Repubblica del 12 gennaio, fa il nome di Mario Draghi come prossimo salvatore della patria ("E super Mario l'Italia salvò").

La maggior parte degli analisti politici concorda sul fatto che le consultazioni di marzo vedranno sia un forte tasso di astensione, soprattutto tra i giovani, sia un risultato elettorale complicato. Il commissario agli Affari economici della Ue Pierre Moscovici, in conferenza stampa a Parigi, ha dichiarato:

"L'Italia si prepara ad elezioni il cui esito è quanto mai indeciso. Quale maggioranza uscirà dal voto? Quale programma, quale impegno europeo? In un contesto in cui la situazione economica dell'Italia non è certamente la migliore al livello europeo, felice chi potrà dirlo."

Con una bassa crescita del Pil e un'altissima disoccupazione, la classe dominante italiana ha sicuramente la necessità di un governo tecnico efficiente che riduca al minimo le chiacchiere parlamentari. Un compagno ha segnalato il testo Governi tecnici e tecnici al governo, una ricerca condotta da un gruppo di costituzionalisti sotto la direzione di Mauro Volpi nell'ambito del tema Istituzioni democratiche e amministrazioni d'Europa: coesione e innovazione al tempo della crisi economica dove, ricostruendo la storia che ha portato alla nascita del governo Monti nel 2011, si descrive la situazione esplosiva in cui versa(va) l'Italia, con il pericolo di default e i grossi problemi che avevano coinvolto Berlusconi e la sua maggioranza parlamentare. In quell'occasione cominciò a ventilarsi il nome dell'economista Mario Monti che era stato precedentemente commissario europeo per la vigilanza sui mercati. In tutta questa vicenda, oltre al ruolo svolto dagli organismi internazionali che "suggerirono" al governo in carica di farsi da parte, fu centrale il ruolo di Napolitano che preparò il terreno nominando l'economista Senatore a vita, il quale ricoprì poi nello stesso tempo le cariche di Presidente del Consiglio e Ministro dell'Economia e delle Finanze. Il tutto senza essere espressione di alcuna formazione politica parlamentare.

All'interno della classe borghese storicamente intesa, si può riscontrare l'esistenza di varie correnti, con coloriture politiche e ideologiche differenti, che auspicano il superamento della forma parlamentare in favore della costituzione di governi tecnici "puri". E' perlomeno dagli inizi del '900 che negli Usa alcuni settori sociali spingono per tale soluzione; basti pensare ai lavori del tecnocratico T. Veblen, ad esempio Gli ingegneri e il sistema dei prezzi (1921), in cui viene auspicata la formazione di un "soviet di tecnici autoselezionato". In Francia ci pensò il giornalista di destra Georges Valois con il suo Appel aux technicians (1929) a lanciare l'idea uno Stato tecnico presieduto da un'assemblea sindacale che detenesse le leve di comando dell'economia, indicando nei tecnici gli unici in grado di poter dirigere uno stato moderno, proprio perché capaci di dirigere l'intero processo produttivo. Negli anni '30, in seguito al crack borsistico del 1929 che portò alla Grande depressione, la democrazia scricchiolava in tutto il mondo ed emergeva del tutto spontaneamente la necessità di una nuova forma di governance.

Oggi, dati i problemi che attanagliano un paese a capitalismo avanzato come l'Italia, un governo tecnico "puro" non si dovrebbe limitare ad inserire la figura di un tecnico a capo del governo, ma dovrebbe essere composto interamente da tecnici e funzionare esattamente come una fabbrica, con i suoi input e output, in grado almeno teoricamente di rovesciare la prassi ovvero di frenare l'enorme anarchia insita nel sistema dando un minimo di ordine e stabilità alla società.

In Italia una forma sofisticata di corporativismo fu teorizzata da Adriano Olivetti secondo cui la fabbrica non doveva essere concepita come unità separata dal resto della società, ma come parte integrante di un tutto che si espandeva su di un comprensorio urbano e agricolo. Olivetti, in qualche modo, rappresenta il terreno da cui è emerso il Movimento 5 stelle, che agli esordi attaccava il sistema dei partiti e si definiva un non-partito. Nel saggio Democrazia senza partiti (1949), l'industriale di Ivrea affermava:

"Alla fine del fascismo la maggior parte degli intellettuali vedeva nei partiti uno strumento di libertà. Io no. Sono organismi che selezionano personale politico inadeguato. Un governo espresso da un Parlamento così povero di conoscenze specifiche non precede le situazioni, ne è trascinato."

Proprio dall'ambiente della Olivetti escono personaggi chiave della politica italiana come A. Peccei (Club di Roma) e B. Visentini ("governo istituzionale"). Con tutt'altra preparazione scientifica, anche Renzi nell'intervento al meeting della Leopolda del 2014 aveva tentato di proporre un esecutivo libero da chiacchiere parlamentari ed aveva messo insieme un programma politico di stampo neo-keynesiano basato sui seguenti punti:

- 80 euro alle famiglie a basso reddito come provvedimento-tampone in vista di aumentare la "propensione marginale al consumo" aumentando i redditi più bassi;
- ridistribuzione del reddito da realizzare con provvedimenti utili alla ricostituzione di una fascia media di consumatori (e non con la leva fiscale);
- accorpamento di tutti gli ammortizzatori sociali in una legge che regolamenti un unico provvedimento sul "salario ai disoccupati";
- eliminazione delle 43 tipologie di lavoro precario introdotte dalla legge Biagi;
- eliminazione dei contratti di lavoro a scadenza fissa e loro sostituzione con la contrattazione aziendale;
- contratto di lavoro unico per tutte le categorie (è una direttiva europea recepita dal governo);
- eliminazione della legge n. 300/1970 "Statuto dei lavoratori"; la Legge 300 va considerata come ingerenza dello stato nel rapporto fra lavoratore e imprenditore, dato che come tutela c'è già il previsto contratto unico;
- superamento del consociativismo a tutti i livelli; il governo non è l'interlocutore naturale dei sindacati; se questi hanno qualcosa da rivendicare si rivolgano agli imprenditori.

Uno dei punti in agenda del prossimo governo dovrebbe essere il reddito di base o di cittadinanza, in modo da agire sulla propensione marginale al consumo. La borghesia italiana dovrà ricorrere alle essenziali "cause antagonistiche alla caduta del saggio di profitto" se vorrà far ripartire i consumi e la produzione. Già l'economista F. von Hayek, uno dei massimi esponenti della scuola austriaca e critico verso l'intervento statale in economia, si era dichiarato propenso ad una forma di reddito di base. E anche M. Friedman, esponente principale della scuola di Chicago, si è mostrato in qualche modo favorevole ad un sostegno al reddito con la formula dell"'imposta negativa". Tutt'oggi ci sono correnti liberali, libertariane e anarcocapitaliste che vedono positivamente l'introduzione di un reddito di base, inteso come fonte di libertà dell'individuo contro le molteplici e paternalistiche forme di assistenza statale.

Si è poi passati a parlare del marasma sociale planetario. Sulla pagina Facebook "Iranian Protests Live Information 2018" vengono segnalate le manifestazioni e gli scioperi in corso nel paese, a dimostrazione che la situazione è tutt'altro che tornata alla "normalità". In Tunisia da giorni proseguono gli scontri tra giovani manifestanti e forze dell'ordine: l'ultimo bollettino parla di 778 arresti. Il governo ha dichiarato che si adopererà con misure sociali quali l'aumento del reddito di sussistenza per i più poveri. Nelle strade tunisine, a sette anni dalla Rivoluzione dei Gelsomini, ad essere ricordate sono le parole d'ordine della Primavera araba (pane, lavoro e libertà), puntualmente tradite dai governi e dai politici. L'Italia annuncia che prenderà parte ad un comando interforze che invierà uomini e mezzi nel paese nordafricano. Ufficialmente i militari italiani addestreranno le forze tunisine contro il terrorismo e per la sorveglianza delle frontiere; in realtà sappiamo che, almeno dalla Comune di Parigi, tutte le borghesie si coalizzano contro il loro grande nemico, il proletariato in lotta.

Nelle recenti rivolte e scioperi scoppiati in Iran, Tunisia, Sudan e Grecia si può facilmente notare che se manca un organismo politico con un programma ben definito in grado di rovesciare la prassi, ogni tentativo di radicale cambiamento risulta impossibile. Dal nostro "Attivismo" (Battaglia comunista, 1952):

"In qualunque frangente, anche il più periglioso dell'esistenza della dominazione borghese, anche allorché tutto sembra franare e andare in rovina (la macchina statale, la gerarchia sociale, lo schieramento politico borghese, i sindacati, la macchina propagandistica), la situazione non sarà mai rivoluzionaria, ma sarà a tutti gli effetti controrivoluzionaria, se il partito rivoluzionario di classe sarà deficitario, male sviluppato, teoricamente traballante."

Riguardo alla crescita dello sciupio globale, un compagno ha segnalato i dati sulla quantità di plastica prodotta ogni anno. Secondo quanto pubblicato in uno studio da Science Advances, nel 1950 sono state prodotte 2 milioni di tonnellate di plastica, mentre nel 2015 siamo arrivati a quota 380 milioni. Se la quantità di plastica messa in commercio nel 2015 fosse divisa equamente tra tutta la popolazione che vive sulla crosta terrestre, circa 7,5 miliardi di persone, ad ognuno di noi toccherebbero 50 chilogrammi. La somma di tutta la produzione mondiale fino al 2015 ammonta invece a 8 miliardi e 300 milioni di tonnellate, cioè più di una tonnellata per ogni abitante attuale del pianeta. La metà della quale sarebbe stata prodotta solo negli ultimi 13 anni. A ciò si aggiunge la notizia che la Cina, dal gennaio di quest'anno, ha imposto divieti nell'importazione di 24 tipologie di materiale da riciclare tra cui plastica, residui tessili, carta straccia. Europa, Usa e Giappone rischiano perciò l'intasamento.

In chiusura di teleconferenza, si è accennato al robot dalle sembianze umanoidi di nome Sophia, che viene portato in giro per il mondo come se fosse una celebrità. La borghesia si intestardisce ad antropomorfizzare i robot, quando da secoli si sa che le macchine non hanno bisogno di assomigliare al corpo umano per funzionare meglio. Ci siamo ripromessi di approfondire l'argomento nelle prossime teleriunioni.

Articoli correlati (da tag)

  • Cambio di paradigma

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 18 compagni, è iniziata dal tema della caduta generale del Prodotto Interno Lordo.

    L'agenzia di rating Fitch stima per il 2020 un calo del PIL mondiale intorno al 4,4%, mentre per l'Italia è previsto addirittura un -10%, anche a causa di una forte contrazione dei consumi. Un capitalismo che non cresce è, evidentemente, un capitalismo morto; attualmente non ci troviamo semplicemente di fronte alla non crescita (riproduzione semplice), bensì ad una decrescita. Riprendendo i punti del "Programma rivoluzionario immediato" (riunione di Forlì, 1952), possiamo constatare che, complice il Coronavirus, la società sta arrivando a realizzare il punto "a", quello che affronta il disinvestimento dei capitali. La pandemia ha provocato accelerazioni storiche anche dal punto di vista dell'impiego della forza lavoro, per esempio con il diffondersi dello smart working e dell'home working, ma anche con l'eliminazione di traffico inutile, tutti elementi che le aziende vedono di buon occhio dato che vengono messi nella voce "risparmio". I paesi capitalistici sono costretti ad accettare misure che si muovono su una terra di confine tra passato e futuro, in primis il reddito di cittadinanza erogato senza ottenere nulla in cambio.

  • Accelerazioni storiche

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 17 compagni, è iniziata con il commento di alcune notizie di carattere finanziario.

    Apple "vale" in Borsa circa 2mila miliardi di dollari, quanto il PIL italiano. Insieme a Facebook, Amazon, Microsoft e Google, è giunta a totalizzare il 20% del valore dell'intero indice Standard & Poor's 500, stabilendo un record assoluto. Le cosiddette Big Five valgono ormai oltre 5 mila miliardi di dollari, più dei PIL di Italia e Francia messi insieme. A differenza delle acciaierie del XVIII e XIX secolo, dove migliaia e migliaia di operai lavoravano gomito a gomito, le aziende moderne, e soprattutto quelle che hanno saputo cavalcare la trasformazione digitale dell'economia, hanno pochi dipendenti e fanno profitti muovendo merci virtuali e smaterializzate. Queste corporation hi-tech sono diventate dei centri di attrazione per il capitale fittizio, anonimo e internazionale, accrescendo la loro potenza e arrivando ad influenzare le scelte dei governi. Alcuni economisti lanciano l'allarme evidenziando la pericolosa contraddizione tra la frenetica attività della finanza e l'asfittica situazione in cui versa l'industria ("Parmalat, tentata fuga dalla legge del valore").

    Gli stati non hanno alcuna possibilità di invertire la tendenza alla centralizzazione: il capitale domina sulla politica e sui governi, e non viceversa. A fare la differenza è il volume di denaro messo in campo dalle mega-aziende. Negli Usa l'insider trading, ovvero lo sfruttamento di informazioni non di dominio pubblico la cui divulgazione provoca effetti nelle quotazioni di titoli, è punito per legge. Il visionario imprenditore Elon Musk, a capo di un impero economico, è famoso per provocare con i suoi tweet confusione in borsa, in barba alle regole. Le cifre in ballo sono talmente alte che qualsiasi multa della SEC (Securities and Exchange Commission) non preoccupa più di tanto questi colossi aziendali, che continuano a fare il bello e il brutto tempo.

  • Bisogno di comunità umana

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 17 compagni, è iniziata dalla segnalazione di un'intervista dell'ottobre 2010 a Cesare Romiti (riproposta da Repubblica), in cui il dirigente d'azienda, recentemente scomparso, rivendicava di aver normalizzato con la sua azione nel corso del 1980 (vedi marcia dei quarantamila) i sindacati, minacciati dall'infiltrazione di frange estremistiche. L'esito di quel braccio di ferro, che durò 35 giorni, fu la ritrovata "governabilità delle fabbriche", che alla fine piacque anche ai bonzi sindacali.

    Il patto corporativo tra capitale e lavoro, che affonda le radici nel Ventennio, è rimasto in piedi fino ai giorni nostri. Il fascismo, dice la nostra corrente, ha perso militarmente la guerra, ma l'ha vinta sul piano politico ed economico. Questo tentativo di auto-regolazione del capitalismo è riuscito a rimandare di decenni lo scoppio della rivoluzione, ma ormai ha fatto il suo tempo, e oltre ci può essere solo il passaggio ad un'altra forma sociale. Anche perché non torneranno più le fabbriche con migliaia di lavoratori inquadrati in sindacati ramificati nella società, non torneranno gli indici di crescita del capitalismo del dopoguerra, non torneranno i partiti stalinisti di massa.

Rivista n°47, aprile 2020

copertina n°47f6Editoriale: Ingegnerizzazione sociale
f6Articolo: La grande socializzazione. Dal cooperativismo socialdemocratico al corporativismo fascista, dal comunismo di fabbrica alla fabbrica-comunità del padrone illuminista
f6Articolo: Prove di estinzione (la dottrina del rimedio)

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 241, 14 settembre 2020

f6La guerra si alleggerisce, il controllo sociale no

f6Il complotto degli asteroidi

f6All'arrembaggio

f6L'imperatore di Marte

f6Che cos'è andato storto con l'OMS?

f6La Zona Grigia

Leggi la newsletter 241
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email