Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  9 luglio 2019

Anniversari

La teleconferenza di martedì 9 luglio, a cui hanno partecipato 11 compagni, ha avuto come tema principale il ricorso di alcuni anniversari.

Tra il 7 e il 9 luglio del 1962, in Piazza Statuto a Torino, si verificano violenti scontri tra forze dell'ordine e operai in seguito alla firma di un accordo sindacale separato tra Uil e Fiat. La mattina del 7 luglio i maggiori stabilimenti industriali della città si fermano e gli operai incolleriti si concentrano di fronte alla sede della Uil in Piazza Statuto; ne nascono degli scontri con la polizia che durano per tre giorni con il risultato di più di un migliaio di fermi, quasi un centinaio di arrestati e svariate centinaia di feriti da entrambe le parti.

Dalle fila del PCI ai sinistri dei Quaderni Rossi, si alza un coro unanime di condanna dei fatti di piazza Statuto, giudicati una "squallida degenerazione" di una manifestazione di protesta operaia. L'Unità del 9 luglio definisce la rivolta come "tentativi teppistici e provocatori", ed i manifestanti "elementi incontrollati ed esasperati", "piccoli gruppi di irresponsabili", "giovani scalmanati", "anarchici, internazionalisti". Al contrario, il programma comunista n. 14 del 17 luglio 1962, esce con un potente articolo intitolato "Evviva i teppisti della guerra di classe! Abbasso gli adoratori dell'ordine costituito!", in cui si afferma che ha poco senso essere non violenti quando quotidianamente si subisce la violenza del lavoro salariato.

Mentre i sinistri di ogni risma si scagliavano contro gli eccessi dei manifestanti, noi in quei gesti vedevamo il ridestarsi del proletariato "dal lungo sonno del paternalismo vallettiano e del costituzionalismo e legalitarismo sindacale e politico dei partiti della convivenza pacifica". La stessa posizione che abbiamo assunto di fronte alla rivolta delle banlieue francesi del 2005, in cui ad un proletariato estremo, disoccupato, escluso anche per fattori etnici dalla società, è bastata una piccola scintilla per far esplodere la propria rabbia contro lo stato di cose presente.

Di pari importanza la rivolta di Corso Traiano del 3 luglio 1969, sempre a Torino. In quel caso, un corteo operaio partito da Mirafiori si scontra immediatamente con la polizia all'altezza di Corso Traiano e poi in Piazza Bengasi, coinvolgendo ben presto i quartieri attigui alla FIAT, arrivando a toccare i comuni di Nichelino e Moncalieri. In un volantino a commento degli scontri, scritto dall'Assemblea operai-studenti di Torino, si insiste sulla necessità di collegarsi "con i compagni delle altre fabbriche e con la popolazione dei quartieri proletari, quella stessa che già ieri ha saputo unirsi per rispondere all'aggressione poliziesca". Dal luogo di lavoro, dalla fabbrica, la rivolta tende ad estendersi sul territorio metropolitano.

Fin dagli anni Venti la nostra corrente, in critica all'operaismo degli ordinovisti, affermava che non era la fabbrica da occupare bensì la piazza ("Prendere la fabbrica o prendere il potere?", dal Soviet del 22 febbraio 1920). Da Piazza Tahrir ad Occupy Wall Street fino ai manifestanti di Hong Kong che hanno occupato il palazzo del Parlamento, sembra che la linea d'azione della Sinistra Comunista "italiana" sia diventata patrimonio comune. L'esigenza di antiforma emerge con sempre maggiore forza, critica praticamente l'esistente e rifiuta il dialogo con il nemico di classe.

Un altro anniversario da ricordare è quello della missione spaziale che porta i primi uomini sulla Luna, il 20 luglio del 1969. La nostra corrente scrive molto sull'argomento contrastando da un punto di vista scientifico il triviale rigurgito di illuminismo dovuto alla cosiddetta conquista dello spazio. Lo spettacolo da baraccone è basato sull'invio di uomini in carne ed ossa sul satellite, ma al loro posto potrebbero essere utilizzati dei robot, che presenterebbero meno problemi dal punto di vista fisiologico e che infatti verrano impiegati in futuro sia nelle missioni spaziali che nella terrena industria capitalistica. Nella Prefazione al quaderno Scienza e rivoluzione, qualche anno fa, abbiamo scritto:

"Von Braun, il responsabile del progetto Apollo per portare i primi uomini sulla Luna, dichiarò senza mezzi termini che si stava assistendo ad un avvenimento di importanza simile a quello che aveva portato i primi anfibi ad uscire dall'acqua e camminare sul terreno. La Sinistra Comunista prese posizione e demolì questo genere di sparate: disse che non si era di fronte a nuove scoperte scientifiche e, tanto meno, ad un salto in una nuova era; fece notare che si stavano lanciando dei volgarissimi razzi e che, insieme ad essi, si lanciava una mostruosa campagna pubblicitaria a favore del sistema capitalistico; affermò che tutto ciò non solo non era vera scienza, ma che si assisteva ad un regresso verso la vecchia e romantica filosofia della natura, considerata dai marxisti morta per sempre. Oltretutto si trattava di una performace tecnologica da alchimisti, perché la famosa scienza da salto in una nuova epoca storica non era neppure in grado di sapere in anticipo dove sarebbero finiti i razzi con i loro satelliti."

In chiusura di teleconferenza, abbiamo accennato ad alcuni significativi esempi di luogocomunismo di cui siamo venuti a conoscenza: 1) uno scritto interclassista di Battaglia Comunista in solidarietà alla comandante Carola Rackete e a chiunque compia azioni umanitarie; 2) un articolo de Il Partito Comunista in solidarietà al bonzo del SI Cobas; 3) un articolo di un gruppo di Schio intitolato "Avanguardia proletaria o avanguardia tecnico-scientifica?" che si scaglia contro lo "scientismo" di alcuni marxisti. Un momento: che cos'è lo scientismo? Facciamolo dire alla Treccani, enciclopedia gentil-crociana: "Il particolare atteggiamento intellettuale di chi ritiene unico sapere valido quello delle scienze fisiche e sperimentali, e svaluta quindi ogni altra forma di sapere che non accetti i metodi propri di queste scienze." Oggi il termine è usato esclusivamente in senso negativo: "a indicare l'indebita estensione di metodi scientifici ai più diversi aspetti della realtà." (idem). Indebita?

Per fortuna, oltre a questi esempi di omologazione ideologica, esistono anche dei riscontri positivi, come la lettera inviataci da un lettore che, complimentandosi per l'articolo "Poscritto al Grande Ponte" (n. 45 della rivista), ha chiesto di inviargli degli scritti che riteniamo alla base della nostra "lunga cavalcata avanti e indietro attraverso il tempo".

Articoli correlati (da tag)

  • La falsa teoria delle "offensive padronali"

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 31 compagni, è iniziata commentando alcune news riguardo il calo del consumo di energia elettrica, gas e petrolio, seguìto alla contrazione della produzione industriale mondiale.

    Domenica 5 marzo il prezzo dell'energia all'ingrosso ha raggiunto lo zero, e nelle ultime settimane anche quello del petrolio ha subìto una forte diminuzione scendendo sotto i 20 dollari al barile. Un prezzo del greggio così basso incide sulla remuneratività di diversi pozzi, compresi quelli dei produttori americani di shale oil, che saranno perciò destinati alla chiusura. Il 4 aprile il Corriere della Sera ha pubblicato un'intervista a Fareed Zakaria, giornalista indiano specializzato in economia-politica internazionale, il quale afferma:

  • Progressione geometrica

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 29 compagni, è iniziata dall'analisi della situazione economica mondiale, alquanto compromessa dalla pandemia da Coronavirus.

    In seguito alle misure di quarantena adottate da sempre più paesi, diversi economisti prospettano la caduta del PIL mondiale del 5% nel 2020, e altri, più pessimisti, paragonano gli effetti sociali ed economici della pandemia a quelli di una guerra. La catastrofe rappresentata della Prima Guerra Mondiale produsse un periodo di marasma sociale, che in Russia culminò nella Rivoluzione d'Ottobre. Alla fine del secondo conflitto bellico, invece, il pesante intervento economico degli Usa con il Piano Marshall impedì qualsiasi movimento proletario significativo. Oggi non si stanno distruggendo in massa le forze produttive, come succede con una guerra, e quindi non si verificherà la ripresa economica successiva alla distruzione e la ripartenza da zero di nuovi cicli di accumulazione. Non è più possibile la ripetizione di quanto successo dopo la Seconda Guerra Mondiale, combattuta con uno sforzo generale e gigantesco della società con tanto di procedure di produzione adatte a rifornire i fronti (vedi "programmazione lineare").

  • Un sistema altamente vulnerabile

    covid spred AmericaLa teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 28 compagni, è iniziata con la lettura di un passo del Manifesto del 1848 particolarmente significativo rispetto alle crisi del sistema capitalistico:

    "I rapporti borghesi sono divenuti troppo angusti per poter contenere la ricchezza da essi stessi prodotta. Con quale mezzo la borghesia supera le crisi? Da un lato, con la distruzione coatta di una massa di forze produttive; dall'altro, con la conquista di nuovi mercati e con lo sfruttamento più intenso dei vecchi. Dunque, con quali mezzi? Mediante la preparazione di crisi più generali e più violente e la diminuzione dei mezzi per prevenire le crisi stesse."

Rivista n°47, aprile 2020

copertina n°47f6Editoriale: Ingegnerizzazione sociale
f6Articolo: La grande socializzazione. Dal cooperativismo socialdemocratico al corporativismo fascista, dal comunismo di fabbrica alla fabbrica-comunità del padrone illuminista
f6Articolo: Prove di estinzione (la dottrina del rimedio)

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 240, 4 giugno 2020

f6Un virus opinabile

f6Riprendono i contagi

f6Ecologia ed ecologismo

f6Necessità del rivolgimento sociale

f6Fine pandemia?

f6Feroce equilibrio darwiniano

f6Rimanere sul mercato

f6Ricchi e poveri

f6Effetti pandemici sull'economia dei maggiori paesi d'Europa

f6Scialuppe di salvataggio

f6Tutto a posto, quindi?

Leggi la newsletter 240 - Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email